Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il primo miracolo di George Harrison

Di

Editore: Einaudi (I coralli)

3.0
(232)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Paperback

Isbn-10: 880620260X | Isbn-13: 9788806202606 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il primo miracolo di George Harrison?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una raccolta di 19 racconti sui piccoli imprevisti della vita e dei sentimenti. Ave Verum è la storia di una vigilessa terribile che prende a calci i gatti nei vicoli e multa tutti con gioiosa perfidia, e poi la sera canta come un angelo. Due bambine, in un altro racconto, curano le tombe dei nonni come se giocassero alla casetta, e i nonni morti fossero due bambole da coccolare; e intanto parlano mescolando discorsi leggeri e tremendi. Giuseppe, in Il nostro capitano, è convinto che sua sorella, grazie al suo fascino devastante, possa far invaghire di sé l’eroe della sua squadra del cuore: Alex Del Piero: lui farà di tutto per impedire che ciò avvenga. In Arte due ragazze visitano «Artissima», postillando a modo loro le opere d’arte, con divertimento, intelligenza, stupidità. Ma quando incontrano per caso Giulio Paolini mancano l’esperienza artistica più esaltante della giornata. Il racconto che dà il titolo al volume è la storia di una ragazza che lascia uno strano ex voto in chiesa, perché il suo ragazzo per un soffio non è morto folgorato dalla chitarra elettrica. Ma lì, davanti a quelle immagini stravaganti, incontra un assassino...
Ordina per
  • 3

    Racconti disuguali, non tutti belli e interessanti.
    Piaciuti: Il nostro capitano, For absent friends (molto bello), L'Inghilterra meridionale aspetta il buio, Arte, Ave Verum, La ragazza che piangeva ...continua

    Racconti disuguali, non tutti belli e interessanti.
    Piaciuti: Il nostro capitano, For absent friends (molto bello), L'Inghilterra meridionale aspetta il buio, Arte, Ave Verum, La ragazza che piangeva in discoteca (per l'accenno austeniano), La Strega del Bosco va al Circolo dei Lettori.

    ...In un angolo uno spicchio d'aglio sta in agguato, si mimetizza, si fa zucchino, qualcuno ci cascherà, eh eh eh.
    Accanto a lei, sul lavandino, la teglia con la parmigiana. La parmigiana l'ha fatta la signora con il prendisole giallo, Fiorella non è capace. Applicando un ipocrita concetto di leggerezza, non impana e non frigge le melanzane, mette poco olio e usa il pomodoro fresco, sbatte tutto in forno e tira fuori una spacianga acquosa, sbrodolona, insipida. Ma perché farla, allora? Perché Fiorella è specializzata a inseguire ideali platonici di cibo: la parmigiana leggera,la meringa senza calorie, le patate fritte dietetiche.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho trovato il mio pacchetto,grazie

    ...
    Quando scrive un racconto, l'autore lo fa in maniera del tutto disinteressata.
    E in maniera del tutto disinteressata io ho scritto queste storie. Nella speranza che facciano risuonare un'armonia, ...continua

    ...
    Quando scrive un racconto, l'autore lo fa in maniera del tutto disinteressata.
    E in maniera del tutto disinteressata io ho scritto queste storie. Nella speranza che facciano risuonare un'armonia, una vibrazione, un disagio, una piccola felicità o una punta di dolore. Un libro di racconti è il sacco di Natale, e l'autore dà a ciascun lettore il suo personale pacchetto, con il nastro e il bigliettino. Ecco, questo è per te, da parte mia, con rispettoso amore».
    Stefania Bertola

    ha scritto il 

  • 2

    Spiazzante, sembra un'altra Bertola

    Una raccolta di racconti spezzettati e inconcludenti, oserei dire deliranti.
    Amo la Bertola, ho letto praticamente tutti i suoi romanzi e sono tutti, anche quelli che mi sono piaciuti meno ("Ne parlia ...continua

    Una raccolta di racconti spezzettati e inconcludenti, oserei dire deliranti.
    Amo la Bertola, ho letto praticamente tutti i suoi romanzi e sono tutti, anche quelli che mi sono piaciuti meno ("Ne parliamo a cena" ad esempio) distanti anni luce da questa raccolta assurda.
    Ho messo due stelle e non una solo perché si intravedono comunque, ogni tanto, quei guizzi di intelligente ironia che caratterizzano e rendono così amata questa autrice.
    A chi ha letto solo questo libro consiglio di non fermarsi qui ma leggere "A neve ferma" o "Romanzo rosa" e non rimarrà deluso.

    ha scritto il 

  • 1

    Abbandonato

    Ho letto 4-5 storie e l'ho messo da parte. Sinceramente non ho capito a cosa possa servire leggere queste storielle inconcludenti. E' il mio primo libro della Bertola, ho letto che molti non hanno rit ...continua

    Ho letto 4-5 storie e l'ho messo da parte. Sinceramente non ho capito a cosa possa servire leggere queste storielle inconcludenti. E' il mio primo libro della Bertola, ho letto che molti non hanno ritrovato la scrittrice di sempre, le darò probabilmente un'altra possibilità leggendo qualche altra sua opera.

    ha scritto il 

  • 3

    è una raccolta di racconti.
    i racconti non sono il mio genere.. e nemmeno il suo.
    bello perchè cmq si riconosce la sua mano e la sua ironia.. ma della Bertola son belle le storie e i personaggi a cui ...continua

    è una raccolta di racconti.
    i racconti non sono il mio genere.. e nemmeno il suo.
    bello perchè cmq si riconosce la sua mano e la sua ironia.. ma della Bertola son belle le storie e i personaggi a cui ti affezioni e che ti dispiace lasciare alla fine del libro..
    con i racconti, ridi delle battute ed apprezzi alcune finezze.. ma chiudi l''ultima pagina senza nessuna nostalgia.
    ed è un peccato.

    ha scritto il 

  • 3

    Sarebbero 3 stelle e mezza: a quattro non arrivo perchè si tratta di racconti piacevoli da leggere e in alcuni casi anche sorprendenti, ma che lasciano la sensazione, forse anche voluta, di qualcosa d ...continua

    Sarebbero 3 stelle e mezza: a quattro non arrivo perchè si tratta di racconti piacevoli da leggere e in alcuni casi anche sorprendenti, ma che lasciano la sensazione, forse anche voluta, di qualcosa di incompiuto che non ho gradito molto.

    ha scritto il 

  • 4

    Si tratta di un libro interessante, sperimentale, in cui piccole circostanze di vita comune vengono viste da un punto di vista ellittico e disincantato. Rispetto ai libri classici della Bertola, tutti ...continua

    Si tratta di un libro interessante, sperimentale, in cui piccole circostanze di vita comune vengono viste da un punto di vista ellittico e disincantato. Rispetto ai libri classici della Bertola, tutti dotati di un forte impianto di trama e di storie ben precise, qui la trama è la grande assente e le vicende prendono forma a partire da protagonisti bizzarri - un carroarmatino di risiko, un cane, una strega dei boschi, una bambola parlante - che non vengono troppo scavati in profondità e le cui vicende si srotolano nell'assurdo, ma un assurdo vigile, fortemente consapevole della bizzarria della vita e delle vicende dell'animo umano. Alla fine sarà la santa che fa i miracoli trasformando i massi in meringhe a rimanere senza il giorno in calendario, ci avverte l'autrice nell'ultimo racconto, come ad suggerirci che tutto quello che non ha forma, è fragile, voluttuario, sembra non avere un riscontro nel mondo di oggi, dove tutto deve essere serio e tremendamente sensato. E così mi pare che ne è stato di questo libro, un po' più trascurato degli altri, ma animato da uno spirito lieve. Per me personalmente è uno dei suoi libri più belli. Una Bertola strana, delicata, raffinata.

    ha scritto il 

Ordina per