Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il primo uomo

Di

Editore: Bompiani

4.1
(170)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 295 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo , Catalano , Croato

Isbn-10: 8845223175 | Isbn-13: 9788845223174 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ettore Capriolo ; Curatore: Catherine Camus

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace Il primo uomo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando, il 4 gennaio 1960, Albert Camus trova la morte alle porte di Sens, lungo la strada che unisce la cittadina di Yonne a Parigi, il suo silenzio letterario stava diventando "assordante", come ebbe a scrivere Jean-Paul Sartre qualche mese prima. Tra i rottami dell'automobile sulla quale viaggiavano Camus e Michel Gallimard, il suo editore, viene ritrovato - dentro una cartella - un manoscritto di centoquarantaquattro pagine: è la stesura originaria del Primo uomo, sulla quale Catherine, la figlia dello scrittore, attraverso un meticoloso lavoro filologico, ha ricostruito il testo qui pubblicato. E' un romanzo autobiografico in cui l'autore ci consente di comprendere la genesi del suo pensiero e la sua indiscutibile grandezza.
Ordina per
  • 4

    "Non restava ormai che quel cuore angosciato, avido di vita, ribelle all’ordine mortale del mondo, che [...] continuava a battere con la stessa forza contro il muro che lo separava dal segreto di ogni vita, con la volontà di andare più in là, di andare oltre, e di sapere, sapere prima di morire, ...continua

    "Non restava ormai che quel cuore angosciato, avido di vita, ribelle all’ordine mortale del mondo, che [...] continuava a battere con la stessa forza contro il muro che lo separava dal segreto di ogni vita, con la volontà di andare più in là, di andare oltre, e di sapere, sapere prima di morire, sapere finalmente per essere, una sola volta, un solo secondo, ma per sempre." (p. 31)

    ha scritto il 

  • 4

    Per chi insieme a Camus si è interrogato sul senso assurdo della vita, ora, assieme a lui, leggendo questo libro incompiuto, pubblicato postumo e profondamente autobiografico, può rivivere, se ha un' età adeguata, sapori, odori , luce e aria dell' infanzia (per Camus algerina, vissuta in una po ...continua

    Per chi insieme a Camus si è interrogato sul senso assurdo della vita, ora, assieme a lui, leggendo questo libro incompiuto, pubblicato postumo e profondamente autobiografico, può rivivere, se ha un' età adeguata, sapori, odori , luce e aria dell' infanzia (per Camus algerina, vissuta in una povertà intima e dignitosa,ma nella semplicità, se non nella povertà, dei divertimenti infantili e della scuola in fondo non differiva tanto l' Algeria anni 30 dall' Italia anni 60) e ricordarsi del maestro di scuola, figura che rappresentava, sì, " l' autorità, non il potere". E , sempre assieme a Camus, nei cui romanzi la natura, il mondo - mediterraneo - è presenza, è personaggio, giudizio e giustificazione dell'esistere, ricordarsi ancora una volta che vale la pena di esserci a questo mondo.Nostalgia e poesia.

    ha scritto il 

  • 3

    En el coche en el que murió Camus en accidente se encontraron estas hojas de novela inacabada.


    Partiendo de que al sumergirnos en la lectura conocemos que la novela no está ni terminada ni pulida, tratas de sumergirte cuanto menos en la literatura de Camus. pero no he llegado a sentir lo q ...continua

    En el coche en el que murió Camus en accidente se encontraron estas hojas de novela inacabada.

    Partiendo de que al sumergirnos en la lectura conocemos que la novela no está ni terminada ni pulida, tratas de sumergirte cuanto menos en la literatura de Camus. pero no he llegado a sentir lo que en otras novelas suyas.

    Sí es verdad que también es una delicia encontrarte con el proceso de formación del libro (incluso hay copias de los folios originales, además de notas y aclaraciones). Pero no he llegado a entrar del todo.

    Es la historia de su vida, en la que , con otros nombres, nos habla de la muerte de su padre - el primer hombre- cuando el era pequeño y la influencia de su madre, abuela, tíos.... en su infancia.

    El libro es recomendable pero en mi caso no he conseguido llegar al mensaje, tan importante en la obra de Camus.

    ha scritto il 

  • 4

    "Quella notte che era in lui, sì, quelle radici oscure e confuse che lo collegavano a questa terra splendida e terrificante, ai suoi giorni infocati come alle sue sere improvvise che ti stringono il cuore, e che era stata come una seconda vita..."

    Ad un certo punto del racconto Camus parla dell'odore dei libri usando queste parole: Ogni volume, inoltre, aveva un suo odore che dipendeva dalla carta su cui era stampato, un odore sottile, segreto, ma così particolare che J. sarebbe stato in grado di distinguere a occhi chiusi un volume del ...continua

    Ad un certo punto del racconto Camus parla dell'odore dei libri usando queste parole: Ogni volume, inoltre, aveva un suo odore che dipendeva dalla carta su cui era stampato, un odore sottile, segreto, ma così particolare che J. sarebbe stato in grado di distinguere a occhi chiusi un volume della collezione Nelson dalle edizioni andanti che pubblicava allora Fasquelle.
    Parole semplici eppure bellissime, che sono riuscite a cementare, definitivamente, il mio rapporto con il romanzo e con il suo autore, dal momento che anch'io, proprio come il piccolo Jacques (chiaro alter-ego di Camus), ho l'abitudine di odorare le pagine dei libri (non quelle spesse e scure dei libri della biblioteca, magari, nelle quali nessun odore è sopravvissuto, ma quelle dei libri che acquisto; appena preso in mano "Il primo uomo" l'ho annusato, per scoprire che il suo odore, che è quello fresco e pungente della carta riciclata e della colla, è in perfetta sintonia con il suo aspetto, con l'eleganza trasparente, avorio, delle sue pagine).
    Parole tanto vere da essere fonte di un'autentica commozione (in quanto collocate alla fine di un discorso pieno di pathos, culminazione perfetta di altre pagine nelle quali Albert-Jacques confessa l'amore che nutre per la letteratura, alla quale mescola la vita, e per l'arte in generale; nelle note finali si può leggere: Ciò che mi ha aiutato a reggere alla malasorte, mi aiuterà forse ad accettare una sorte troppo favorevole. - E ciò che mi ha sostenuto è anzitutto la mia grande concezione, la mia grandissima concezione dell'arte. Non perché per me sia al disopra di tutto, ma perché non si separa da nessuno); parole attraverso le quali ho avuto conferma circa l'intima essenza di questo splendido romanzo incompiuto (ciò che possiamo leggere oggi è stato ricostruito, principalmente dalla figlia di Camus, Catherine, a partire dal manoscritto, vergato dall'autore con una grafia appuntita, stretta, nervosa, del quale vengono riproposte qui alcune pagine, e dal dattiloscritto incompleto, battuto a macchina da Francine, moglie dello scrittore): "Il primo uomo" è, nella sua forma monca, ma tuttavia perfetta, principalmente un romanzo di suggestioni, di odori, di luci, di colori. Bisognerebbe che il libro avesse un grosso peso d'oggetti e di carne, scrive ancora Camus in una nota al testo. E il libro sì, odora anche di carne e del retrogusto metallico del sangue (soprattutto nelle scene di caccia e di guerra, sia quella combattuta dal padre di Jacques, che quella quotidiana tra arabi e francesi nell'Algeria divisa: come dimenticare lo sgozzamento di un cliente nella bottega del barbiere?), di violenza, di polvere e di sudore. Ma odora soprattutto di sale (e di mare), di agrumi, di patatine, di pelo di cane. E risplende di colori vivacissimi, oscurati, a tratti, da nette ombre bluastre e dalla fuliggine, vivacizzati, spesso, da una luce crudele e bianca, che esalta e poi cancella in un candore tagliente ed uniforme (impossibile non pensare, allora, a certe pagine de "L'étranger"): solo in queste descrizioni appassionate la scrittura altrimenti prudente dell'autore, si abbandona, gettandosi all'inseguimento di sinestesie da ricreare con le parole.
    E', dunque, principalmente un magico racconto sull'infanzia, questo libro di Camus. Se lo scrittore francese avesse avuto il tempo di completarlo, sarebbe probabilmente divenuto un libro ideologico, politico, storico: l'infanzia di Jacques, regina del romanzo in questa versione, non sarebbe stata altro che un tassello di un mosaico più complesso e, forse, meno vero (le note alla fine del libro rendono esplicite le intenzioni di Camus), per quanto costruito a partire da una base autobiografica (il che avrebbe probabilmente generato una sensazione spiacevole e paradossale di inautenticità: la verità non sarebbe stata sufficientemente trasfigurata, come è successo, invece, nell'allegoria quasi perfetta de "La peste". D'altra parte, però, mi rendo conto che è sbagliato spingere la mente troppo oltre, valutando qualcosa che non è stato scritto).
    Infanzia come origine dell'uomo, come connessione quasi magica con il mistero della vita (A riempirgli l'anima bastava la vita, misteriosa e prorompente) che va semplicemente vissuto, rispettato, non profanato; infanzia come scoperta e costruzione di un'identità individuale (principalmente morale, attraverso la distinzione tra bene e male, vero e falso, con la progressiva integrazione di ciò che, da soli, si scopre, nell'ordine del mondo) e culturale-storica-civile: Jacques, estraneo al padre, morto poco dopo la sua nascita (e che Jacques-uomo ritrova nel cimitero nel quale è sepolto), ad una madre-idolo che gli è distante (il fatto che il bambino porti un cognome nel quale nessuno dei due si riconosce, aumenta, forse, la sua lontananza dalla genitrice), ad una patria, la Francia, che non ha mai conosciuto (ma per lui la Francia era un'assente alla quale ci si appellava e che a volte ti chiamava, ma un po' come quel Dio di cui aveva sentito parlare fuori di casa sua) e ad un'altra, l'Algeria, che ama senza esserne riamato (E anche lui, più di lei forse, essendo nato su una terra senza avi e senza memoria, che lo rende un uomo incompleto).
    Anche l'età adulta sarà per Jacques (il primo uomo, dal momento che è stato costretto ad allevarsi da solo) un disperato ritorno a quella condizione di purezza sperimentata nell'infanzia, e poi perduta, logorata dagli amori sensuali (assolutamente marginali, qui) e dalla sete di sapere (una smania di scoprire, di conoscere, che lo ha portato lontano dai suoi, in terre ancora più ferocemente straniere), alla quale si accompagna un insopprimibile senso di colpa (un buon figlio è quello che resta).
    Così la ricerca di Jacques è un (impossibile) viaggio a ritroso verso la "verginità" della Madre, la quale, al pari di tutti gli umili (i muti, gli ignoranti) che accettano la propria condizione (ma nella povertà, sia mentale che materiale, è insita una grande dignità), è simile a Cristo, verso la primigenia di un universo un tempo buono, ora irrimediabilmente compromesso.

    ha scritto il 

  • 4

    Un'autobiografia incompiuta davvero molto intensa e affascinante quella che ci ha lasciato Camus, nella quale ripercorre l'infanzia e l'adolescenza nella sua città natale algerina.
    Non sempre le note mi sono sembrate utili, ma nel complesso la figlia dello scrittore ha fatto un ottimo lavor ...continua

    Un'autobiografia incompiuta davvero molto intensa e affascinante quella che ci ha lasciato Camus, nella quale ripercorre l'infanzia e l'adolescenza nella sua città natale algerina.
    Non sempre le note mi sono sembrate utili, ma nel complesso la figlia dello scrittore ha fatto un ottimo lavoro filologico e la lettura è molto scorrevole; resta solo il rammarico che l'autore non sia riuscito a portarla a termine.

    ha scritto il 

  • 4

    Conquistare radici.

    Autobiografia di Albert Camus, sì, ma in fondo autobiografia di tanti ... Quanti tra noi possono riconoscervi una parte almeno della propria infanzia?... Storia della sublimazione di origini improntate a povertà, afasia, ignoranza, delle quali l'assenza del padre è simbolo... Nonostante l'incompi ...continua

    Autobiografia di Albert Camus, sì, ma in fondo autobiografia di tanti ... Quanti tra noi possono riconoscervi una parte almeno della propria infanzia?... Storia della sublimazione di origini improntate a povertà, afasia, ignoranza, delle quali l'assenza del padre è simbolo... Nonostante l'incompiutezza anche formale del testo, il racconto fluisce fluido e non se ne vorrebbe mai uscire... In secondo piano gli aspetti politici algerini, evidenziati invece da Gianni Amelio nel suo film.

    ha scritto il