Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il professore va al congresso

Di

Editore: Bompiani

3.6
(706)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 412 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8845251209 | Isbn-13: 9788845251207 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Mary Buckwell , Roisetta Palazzi ; Prefazione: Umberto Eco

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Humor , Travel

Ti piace Il professore va al congresso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Elegante e spregiudicata satira del mondo universitario internazionale scritta con l'arguzia di Woody Allen e il realismo di un frenetico intreccio romanzesco. Persse McGarrigle, professore per sbaglio, dà la caccia alla sua donna ideale, Angelica Pabst, studiosa sui generis dell'epica cavalleresca. Sullo sfondo una sarabanda di personaggi minori, piccoli grandi elementi di un'umanità intellettuale che Lodge tratteggia con lo stile accelerato delle comiche, non trascurando colpi di scena, agnizioni finali e scambi di persona. Il “campus globale” emerge allora come un feticcio altamente probabile e i giochi della cultura si trasformano in puri divertimenti di un immane videogame.
Ordina per
  • 1

    Umberto hai toppato!

    Libro preso al mercatino dell'usato (mi sto giustificando!). Nella prefazione Umberto Eco dice che questo libro talmente geniale e divertente, appassionerà non solo gli appartenenti al mondo degli stu ...continua

    Libro preso al mercatino dell'usato (mi sto giustificando!). Nella prefazione Umberto Eco dice che questo libro talmente geniale e divertente, appassionerà non solo gli appartenenti al mondo degli studiosi universitari itineranti da congresso a congresso! Ecco, Umberto, anche no!

    ha scritto il 

  • 2

    dal blog Giramenti

    La copertina dell’edizione Bompiani – con traduzione di Mary Buckwell e Rosetta Palazzi – ci regala due anticipazioni sul testo, una corrisponde al vero, l’altra è una minchiata. Troviamo lo spottone ...continua

    La copertina dell’edizione Bompiani – con traduzione di Mary Buckwell e Rosetta Palazzi – ci regala due anticipazioni sul testo, una corrisponde al vero, l’altra è una minchiata. Troviamo lo spottone di Umberto Eco – «Uno dei libri più divertenti, più veri, più dannatamente ilari che siano usciti negli ultimi cento anni» – e la facciotta fintamente contenta di un simil Einstein che monta sulla bicicletta di Fantozzi, alla bersagliera. Che poi la bicicletta ricordi un martello pneumatico e il cestino un sospensorio è cosa che vi lascerò chiarire col vostro analista. Detto questo, ribadisco che solo uno di questi spunti corrisponde a verità, e non è lo spottone di Umberto Eco. Dunque ricordatevi della bicicletta à la Fantozzi e fidatevi di me. Non di Eco.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2014/11/05/il-professore-va-al-congresso-di-david-lodge/

    ha scritto il 

  • 1

    Abbandonato. Pessimo, volgare, un'accozzaglia di volgarità attorno all'attività sessuale dei professori universitari che vanno ai congressi. Fuorviata dal fatto che uno dei professori si presentasse c ...continua

    Abbandonato. Pessimo, volgare, un'accozzaglia di volgarità attorno all'attività sessuale dei professori universitari che vanno ai congressi. Fuorviata dal fatto che uno dei professori si presentasse come studioso di Jane Austen, cosa mai così remota e avulsa e anche offensiva a questo punto. Seguito di Scambi che a questo punto preferisco evitare del tutto.

    ha scritto il 

  • 5

    Da leggere.

    Si ride di gusto e con intelligenza. Lo consiglio a chiunque voglia passare delle ore divertenti leggendo un libro che racconta le disaavventure "normali" della vita del mondo universitario internazio ...continua

    Si ride di gusto e con intelligenza. Lo consiglio a chiunque voglia passare delle ore divertenti leggendo un libro che racconta le disaavventure "normali" della vita del mondo universitario internazionale.

    ha scritto il 

  • 2

    Inganno

    Il mondo editoriale conosce una serie di strumenti pubblicitari volta a convincere il lettore che quel libro è IL libro: su fascette, adesivi o anche in copertina viene riportato, di volta in volta, i ...continua

    Il mondo editoriale conosce una serie di strumenti pubblicitari volta a convincere il lettore che quel libro è IL libro: su fascette, adesivi o anche in copertina viene riportato, di volta in volta, il numero di copie vendute o quello dell'edizione raggiunta (il retropensiero è evidente: non possono essersi sbagliati tutti!) o giudizi lusinghieri di illustri Autori.
    Da buon lettore, mi sono sempre imposto di non farvi caso. E come ogni regola che si rispetti, ho fatto un'eccezione per questo romanzo; purtroppo, l'eccezione ha confermato pienamente la regola dell'inattendibilità dei messaggi pubblicitari.
    Capeggia sotto il titolo nell'edizione Bombiani da me acquistata la seguente frase: "uno dei libri più divertenti, più veri, più dannatamente ilari che siano usciti negli ultimi cento anni. Umberto Eco".
    Ora, di fronte a cotanta enfasi e a simili giudizi profferti da un illustre studioso (che a quanto pare inizia a risentire degli scherzi dell'età), non si può rimanere impassibili (e il mancato mio rigore comportamentale ha fatto il resto).
    Ebbene, già dopo la lettura delle prime 30 pagine si intuisce che c'è qualcosa che non quadra: non solo nessuna risata, ma nemmeno quell'increspatura delle labbra che comunque rende un libro un buon romanzo è apparsa. Ma c'è di più: il racconto (il plot) è talmente lontano dai nostri giorni (fatti di crisi economica, tagli alla cultura, fondi universitari ridotti all'osso) che appare il frutto della fantasia, quasi il vagheggiamento di una mitica età dell'oro ormai perduta per sempre in cui i professori universitari venivano pagati per viaggiare all'estero ogni qual volta lo desiderassero (per di più, in hotel di lusso, per settimane e senza preoccuparsi tanto delle famigerate "pezze giustificative"). Con la conseguenza che è preclusa al lettore anche l'immedesimazione nella storia. Solo qualche volta, rara, si trova dell'ironia; per il resto, il racconto non è neanche male, ma certamente è lontanissimo da quella risibile affermazione che appare, seducente e sicura di sé (sic!), in copertina.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi dispiace non essere d'accordo con Umberto Eco, il cui giudizio è sicuramente più autorevole del mio, ma fino alla fine del libro ho aspettato di trovare un qualcosa di divertente, ma arrivata in fo ...continua

    Mi dispiace non essere d'accordo con Umberto Eco, il cui giudizio è sicuramente più autorevole del mio, ma fino alla fine del libro ho aspettato di trovare un qualcosa di divertente, ma arrivata in fondo mi sono resa conto di aver solo sorriso un paio di volte... Un po' poco per definirlo il libro più divertente degli ultimi cento anni

    ha scritto il