Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il profumo

Di

Editore: Euroclub

4.1
(20333)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 259 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Portoghese , Tedesco , Catalano , Francese , Giapponese , Russo , Olandese , Polacco , Svedese , Turco , Rumeno , Greco , Indonesiano , Basco , Ungherese , Ceco

Isbn-10: A000027979 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina morbida e spillati , Tascabile economico

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il profumo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Autore: Suskind, Patrick Titolo: Il profumo / Patrick Suskind Pubblicazione: Bergamo : Euroclub, 1986 Descrizione fisica: 259 p. ; 23 cm. Titolo uniforme: Parfum. - Nomi: Suskind, Patrick Classificazione: 833.914 - NARRATIVA TEDESCA. 1945- Paese di pubblicazione: ITALIA Lingua di pubblicazione: italiano
Ordina per
  • 3

    Il profumo del male

    Una storia originale e per molti versi orrorrifica, un protagonista che spesso ripugna e che a volte vorrebbe suscitare tenerezza e comprensione, ma non può.
    L'amore, questo sentimento inseguito anche da chi non riesce proprio né a provarlo, né a capirlo. E non esistono elisir e ricette per fars ...continua

    Una storia originale e per molti versi orrorrifica, un protagonista che spesso ripugna e che a volte vorrebbe suscitare tenerezza e comprensione, ma non può. L'amore, questo sentimento inseguito anche da chi non riesce proprio né a provarlo, né a capirlo. E non esistono elisir e ricette per farsi amare, sembra ricordarci l'autore. O forse sì?

    ha scritto il 

  • 4

    Inquietante

    Libro strano, decisamente originale sia come storia che come genere. E' un thriller inquietante ma è anche ricco d'amore e di competenze storiche di luoghi e tecniche non indifferente. A parte il finale surreale (per me eccessivamente strano)mi ha conquistata, non riuscivo a staccarmi dalla lettu ...continua

    Libro strano, decisamente originale sia come storia che come genere. E' un thriller inquietante ma è anche ricco d'amore e di competenze storiche di luoghi e tecniche non indifferente. A parte il finale surreale (per me eccessivamente strano)mi ha conquistata, non riuscivo a staccarmi dalla lettura

    ha scritto il 

  • 3

    Libro scorrevole e ben scritto, ricco di dettagli descrittivi come ogni romanzo storico deve essere.
    Ma la quasi mancanza di dialoghi, sia esterni che interni, rendono le pagine piatte senza anima e senza cuore.
    Il protagonista non lo ami ne lo odi.... tutto scorre via.
    Le uniche pagine degne di ...continua

    Libro scorrevole e ben scritto, ricco di dettagli descrittivi come ogni romanzo storico deve essere. Ma la quasi mancanza di dialoghi, sia esterni che interni, rendono le pagine piatte senza anima e senza cuore. Il protagonista non lo ami ne lo odi.... tutto scorre via. Le uniche pagine degne di una certa fiamma sono le pagine finali, le stesse pagine che narrano vicende troppo inverosimili , irreali , e surreali. Una sorta di finale col botto per cercare di salvare il salvabile. Cambiando senso per me questo libro non è brutto ma insipido, e mi dispiace perché le basi c'erano tutte....

    ha scritto il 

  • 5

    Ho concluso la lettura da qualche mese, e ancora di tanto in tanto la mia mente ne richiama dei particolari. E' un libro assolutamente geniale, che può piacere oppure no, ma che va assolutamente letto, a mio parere.

    ha scritto il 

  • 5

    Riuscivo a sentire realmente gli odori nel mio naso!

    Non chiedetemi come abbia fatto! Suskind, con la sua scrittura quasi ottocentesca, il lessico ricercato, le terminologie ormai cadute in disuso, ha la capacità di descrivere un ambiente nei suoi minimi dettagli, descrivendo ogni sfumatura di colore, i minimi movimenti delle cose che succedono att ...continua

    Non chiedetemi come abbia fatto! Suskind, con la sua scrittura quasi ottocentesca, il lessico ricercato, le terminologie ormai cadute in disuso, ha la capacità di descrivere un ambiente nei suoi minimi dettagli, descrivendo ogni sfumatura di colore, i minimi movimenti delle cose che succedono attorno al personaggio, le temperature che toccano la sua pelle, i suoni che lo circondano, le sensazioni e le emozioni che prova, talmente da riuscire a darti l'impressione di sentire realmente gli odori che sta sentendo il personaggio! Un'altra cosa che mi è piaciuta è che pur essendo classificato come romanzo storico thriller, non ha nulla a che vedere nè con la storia nè col thriller. Tutte le persone che lui ammazza te le fa vivere quasi come un innamoramento, quasi come se ci facesse l'amore, perchè nella sua testa non li sta ammazzando: sta solo prolungando la loro persistenza nella sua mente!

    ha scritto il 

  • 3

    Che ho letto?

    Ancora mi chiedo come sia possibile che un libro del genere abbia 5 stelle e abbia avuto tanto successo!!! Incomprensibile, senza senso, specialmente l'ultima parte.Una delusione dall'inizio alla fine.

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente

    A fronte di tanta pubblicità, successo e recensioni positive, devo ammettere che la mia opinione non è per niente favorevole. Tanto di cappello all'autore per l'indiscussa competenza nell'ambito delle tecniche di estrazione dei profumi nel Settecento, competenza che credo sia comune a pochi esse ...continua

    A fronte di tanta pubblicità, successo e recensioni positive, devo ammettere che la mia opinione non è per niente favorevole. Tanto di cappello all'autore per l'indiscussa competenza nell'ambito delle tecniche di estrazione dei profumi nel Settecento, competenza che credo sia comune a pochi esseri umani. La prima pagina descrive in modo meraviglioso il mondo degli odori ( o meglio, delle puzze) nella Francia del XVIII secolo ed è elaborata magistralmente. Tolto questo, il romanzo è lento, noioso e talmente sovrabbondante in descrizioni che a un certo punto ci si dimentica il punto di snodo della trama. Non ci sono dialoghi e interazioni per decine di pagine, solo righe e righe di descrizioni non tanto di odori, ma di tecniche professionali decisamente poco accattivanti. Nemmeno la prosa è particolarmente ricercata. Insomma, a mio avviso, tanto rumore per nulla.

    ha scritto il 

Ordina per