Il racconto dello specchio misterioso

Illusioni & Fantasmi 8

Di

Editore: l'Unità / Theoria

2.9
(42)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 78 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000015489 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Ruotolo Daniela

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Mistero & Gialli

Ti piace Il racconto dello specchio misterioso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Walter Scott in versione gotica

    Questo romanzo breve ha le caratteristiche del gotico ottocentesco, genere desueto per un autore come Sir Walter Scott.
    E' costruito in maniera classica, attraverso l'espediente della scatola cinese: ...continua

    Questo romanzo breve ha le caratteristiche del gotico ottocentesco, genere desueto per un autore come Sir Walter Scott.
    E' costruito in maniera classica, attraverso l'espediente della scatola cinese: il narratore fa visita all'anziana zia Margaret, donna molto particolare ed incline alla superstizione.
    La vicenda che fa da contorno alla storia vera e propria è ambientata nel 1826 a Earl's Closes, in Scozia.
    Zia Margaret inizia a narrare al nipote il misterioso racconto che ha per protagonista Sir Philip Forester, fedifrago, infedele e figura molto chiacchierata dell'aristocrazia di Edimburgo di fine '700.
    Questi parte volontario per la guerra nelle Fiandre, lasciando la moglie Jemmie Falconer ed i figli con i loro parenti.
    Ben presto si perdono le sue tracce e la moglie, sconvolta dal dubbio, si rivolge ad un veggente, Battista Damiotti, noto anche come "il dottore di Padova".
    Insieme alla sorella, Jemmie assiste ad una visione di sette minuti riflessa da un enorme specchio, in cui le vengono mostrate le sorti del marito, che si è rifatto una vita a Rotterdam e ha commesso un efferato omicidio.
    Dopo la visione, Jemmie non sarà più la stessa e la sua famiglia verrà gradualmente distrutta.
    Un libro breve, permeato da un linguaggio arcaico e da atmosfere classicheggianti, che ha tuttavia il pregio di avvincere il lettore fino all'ultima pagina.

    ha scritto il 

  • 1

    Devo dire che nonostante sia un racconto breve, stavo proprio per abbandonarlo all'inizio! Tutta l'introduzione è altamente soporifera e prolissa e riuscire a superarla mi è costato davvero fatica.
    Il ...continua

    Devo dire che nonostante sia un racconto breve, stavo proprio per abbandonarlo all'inizio! Tutta l'introduzione è altamente soporifera e prolissa e riuscire a superarla mi è costato davvero fatica.
    Il racconto della zia invece è scorrevole, si lascia tranquillamente leggere...ma in fin dei conti non è niente di che! Pensavo meglio!

    ha scritto il 

  • 3

    "Ci sono volte in cui la Fantasia gioca i suoi tiri birboni, anche a dispetto dei nostri sensi vigili, in cui in una sostanza reale, si affaccia un'ombra, e l'ombra pare reale, in cui l'ampia, palpabi ...continua

    "Ci sono volte in cui la Fantasia gioca i suoi tiri birboni, anche a dispetto dei nostri sensi vigili, in cui in una sostanza reale, si affaccia un'ombra, e l'ombra pare reale, in cui l'ampia, palpabile e netta separazione 'tra ciò che è e che non è', sembra svanita, come se l'occhio della mente acquistasse il potere di scrutare oltre i confini del mondo esistente. Queste ore di sogni irreali io amo più di ogni rozza realtà della vita."

    Anonimo.

    (liberamente tratto da W. Scott, "Il racconto dello specchio misterioso")

    ha scritto il