Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il re e il suo giullare

L'autobiografia di Enrico VIII annotata dal buffone di corte Will Somers

Di

Editore: TEA (I grandi della Tea)

4.3
(393)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 944 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8850223250 | Isbn-13: 9788850223251 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Roberta Rambelli

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace Il re e il suo giullare?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Uomo dispotico e gaudente, rozzo e smodato negli appetiti, inarrivabile nelle ambizioni come nelle bassezze: questo è il ritratto convenzionale che abbiamo di Enrico VIII. Ma chi fu veramente questo sovrano che fu sul trono d'Inghilterra e d'Irlanda dal 1509 al 1547? A gettare luce su questo gigante della storia, questo re che ebbe sei mogli, delle quali due mandò a morte e tre ripudiò, che promosse lo scisma anglicano e si proclamò capo della Chiesa inglese, che fece giustiziare senza esitazioni Tommaso Moro, giunge ora questo romanzo imponente: dilagante autobiografia - immaginaria, sì, ma saldamente documentata - contrappunta dalla annotazioni del buffone di corte. Un poderoso romanzo storico, un'inarrestabile epopea, un magistrale «romanzo dal vero» sul più famoso monarca d'Inghilterra e sulla vita di corte del XVI secolo.
Ordina per
  • 4

    Il re e il suo giullare è l’autobiografia, immaginaria ma del tutto verosimile anche perché frutto di 15 anni di preparazione, del più famoso monarca di casa Tudor, Enrico VIII. La ponderosa opera ci restituisce l’immagine di un uomo a tutto tondo, con le sue paure, i suoi sogni, le sue aspirazio ...continua

    Il re e il suo giullare è l’autobiografia, immaginaria ma del tutto verosimile anche perché frutto di 15 anni di preparazione, del più famoso monarca di casa Tudor, Enrico VIII. La ponderosa opera ci restituisce l’immagine di un uomo a tutto tondo, con le sue paure, i suoi sogni, le sue aspirazioni, le sue meschinità, le sue grandezze, i suoi sentimenti e riesce a farci amare questo personaggio che, nell’immaginario collettivo, è passato per crudele e spregiudicato; l’Autrice, invece, riesce a dare in modo convincente delle motivazioni credibili e condivisibili di quasi tutti i passaggi importanti della sua vita, a cominciare dal susseguirsi delle sue 6 mogli.
    Con questo libro mi è stato possibile, a volte, immedesimarmi nel re e vedere il mondo coi suoi occhi, e questo credo sia la riprova della riuscita delle fatiche dell’Autrice e del suo sforzo di finzione nella ricostruzione di personaggi e tempi lontani da noi.
    La lettura non è mai stata difficoltosa, lo stile è godibile e piano.
    Personalmente ho trovato eccessivo intitolare il libro anche al giullare, Will, la cui presenza è visibile giusto all’inizio e alla fine del romanzo e per il resto è appena percepibile: insomma, credo che abbia avuto troppo poco spazio per elevarlo al rango di co-protagonista.

    ha scritto il 

  • 5

    Che meraviglia! questo è uno di quei romanzi che ti dispiace aver finito di leggere, l'ho centellinato fino alla fine gustandone ogni pagina, consigliato assolutamente a chi vuole immergersi nella fantastica vita di corte!!!

    ha scritto il 

  • 5

    Un ottimo libro per chi è appassionato dell'epoca Tudor. E' come se lo stesso Enrico ci portasse per mano nel corso della sua vita e del suo lungo regno, ci fa conoscere le regine che sono state 'eclissate' dal fascino di Caterina d'Aragona e Anna Bolena, ci racconta un'epoca fatta di intrighi e ...continua

    Un ottimo libro per chi è appassionato dell'epoca Tudor. E' come se lo stesso Enrico ci portasse per mano nel corso della sua vita e del suo lungo regno, ci fa conoscere le regine che sono state 'eclissate' dal fascino di Caterina d'Aragona e Anna Bolena, ci racconta un'epoca fatta di intrighi e tradimenti e soprattutto ci racconta la solitudine di un re. Ottimo, assolutamente da leggere.
    Unica pecca: L'italianizzazione dei nomi propri dei personaggi, ecco questo proprio non mi è piaciuto, sarebbe il caso di rivedere questo aspetto se mai venisse pubblicata una nuova edizione!

    ha scritto il 

  • 0

    Will Somers, giullare di Enrico VIII, recupera alla morte del suo re il diario nel quale ricorda tutta la sua vita.
    Will ci presenta quindi questa inestimabile eredità alla quale ha aggiunto sue annotazioni.

    Le annotazioni di Will che avrebbero potuto fare da contrappunto alla narraz ...continua

    Will Somers, giullare di Enrico VIII, recupera alla morte del suo re il diario nel quale ricorda tutta la sua vita.
    Will ci presenta quindi questa inestimabile eredità alla quale ha aggiunto sue annotazioni.

    Le annotazioni di Will che avrebbero potuto fare da contrappunto alla narrazione in prima persona di Enrico sono poche ed insignificanti.
    Ci troviamo quindi di fronte ad un lungo racconto senza cambi di punti di vista o tono.
    L'autrice non seleziona episodi particolari della vita di Enrico ne presenta i fatti con taglio inusuale, c'è solo una lettura piuttosto intima della vita del re.

    Difficoltà nel tentativo di ricreare in maniera realistica i rapporti privati di Enrico con famigliari e sudditi, il re dichiara sentimenti di odio, amore o amicizia che però non risultano chiaramente nelle azioni o nei dialoghi.
    Questo crea disaffezione e distacco dal protagonista che risulta anonimo e tedioso.
    Romanzo storico che punta “più sulla quantità che sulla qualità”, copre tutta la vita di Enrico VIII ma non è troppo accurato o approfondito.

    Nella sua verbosità, più di novecento pagine, Margaret George incappa in qualche svista: esempio nella prima parte Will usa il diminutivo “Harry” quando si riferisce ad Enrico, mentre più avanti nel testo il giullare usa “Hal”; anche Enrico dopo essersi convinto della malvagità di Anna Bolena, inizia ad apostrofare la moglie “Nan la nera” o “Nan la strega” ma non viene spiegato da dove provenga il soprannome.

    ha scritto il 

  • 4

    una bella biografia

    una bella biografia, una monumentale biografia scritta di proprio pugno dallo stesso Enrico VIII (ovviamente è un escamotage letterario).
    La vicenda seppur satura di dettagli, nomi e avvenimenti, scorre veloce e le numerose pagine (940) sembrano sfogliarsi da sole.
    la vicenda di Enric ...continua

    una bella biografia, una monumentale biografia scritta di proprio pugno dallo stesso Enrico VIII (ovviamente è un escamotage letterario).
    La vicenda seppur satura di dettagli, nomi e avvenimenti, scorre veloce e le numerose pagine (940) sembrano sfogliarsi da sole.
    la vicenda di Enrico VIII e della sua fortuna/sfortuna con le donne (tanto da avere 6 mogli) non può che affascinare e tenere il lettore incollato.
    Nonostante nel titolo compaia questo "e il suo giullare", del giullare in realtà si parlerà molto poco, se non per qualche suo intervento sporadico.
    lettura comunque piacevole e d'obbligo per chi ama la storia dell'Inghilterra Tudor!

    ha scritto il 

  • 4

    Gran romanzo storico, voto 9

    Un'opera monumentale, che ha il pregio di introdurti alla corte inglese del XXVI secolo senza annoiarti, senza pesantezze, anzi con una notevole scorrevolezza di scrittura. Certo sono un migliaio di pagine, la lettura impegna almeno un paio di settimane per cui astenersi chi normalmente detesta i ...continua

    Un'opera monumentale, che ha il pregio di introdurti alla corte inglese del XXVI secolo senza annoiarti, senza pesantezze, anzi con una notevole scorrevolezza di scrittura. Certo sono un migliaio di pagine, la lettura impegna almeno un paio di settimane per cui astenersi chi normalmente detesta i polpettoni in costume e chi, quando comincia un libro, ha fretta di finirlo.
    La figura di Enrico VIII Tudor è qui indagata in tutte le sue pieghe, con una ricostruzione minuziosa e sorretta da quindici anni di ricerche e una bibliografia da paura. La scelta della forma autobiografica è una scommessa vinta, perché la voce narrante è impregnata di umanissimi sentimenti ed è molto, molto credibile. Dove invece, secondo me, la George non ha colto in pieno le possibilità è nella voce del giullare, troppo secondaria, in lunghi tratti addirittura assente, mentre io mi attendevo uno sguardo esterno e disincantato, anche alla luce di quel che poi è stato.
    Se qui, con ogni probabilità, possiamo cercare e trovare la verità su Enrico, di certo non la troveremo sugli altri controversi personaggi che hanno popolato la sua vita (oggi, Enrico farebbe la gioia e la fortuna dei magazine di gossip): Anna Bolena, per cominciare, e poi Caterina Howard, e tutti i più o meno traditori che lo hanno circondato, blandito, forse tradito, forse no. Un'epoca cupa, e in tutte le mille pagine le immagini che mi si sono succedute nella mente erano intrise di acqua e di freddo e di quella penombra che viene all'ora del tramonto nelle giornate senza sole.
    Ora vado a ripassarmi la storia inglese e questo, forse soprattutto questo, è il bello della lettura.

    ha scritto il 

  • 0

    il libro racconta la vita di Enrico VIII (scritta dal suo giullare di core appunto) dall'infanzia fino alla sua morte.E' una ricostruzione storica molto dettagliata e ben documentata.
    Il libro è lunghissimo ma ne vale la pena e forse qualcuno cambierà il suo giudizio su questo personaggio ...continua

    il libro racconta la vita di Enrico VIII (scritta dal suo giullare di core appunto) dall'infanzia fino alla sua morte.E' una ricostruzione storica molto dettagliata e ben documentata.
    Il libro è lunghissimo ma ne vale la pena e forse qualcuno cambierà il suo giudizio su questo personaggio storico tanto discusso.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro spettacolare, storicamente ineccepibile e anche notevole dal punto di vista narrativo. Peccato che si parli poco della Malattia del Sudore inglese del 1528 e in modo poco approfondito della Congiura di Exeter del 1538. Si pone poco l'accento anche sul carattere pessimo di Enrico VIII, so ...continua

    Un libro spettacolare, storicamente ineccepibile e anche notevole dal punto di vista narrativo. Peccato che si parli poco della Malattia del Sudore inglese del 1528 e in modo poco approfondito della Congiura di Exeter del 1538. Si pone poco l'accento anche sul carattere pessimo di Enrico VIII, soprattutto alla fine della sua vita, visto forse in una prospettiva troppo di parte. Ma per essere un'autobiografia fittizia è una grande opera. Pessima l'italianizzazione in stile Ventennio dei nomi (alcuni dei quali improponibili, come Jane Seymour e Joan Bulmer, entrambe etichettate come "Giovanna").

    ha scritto il 

  • 5

    Assolutamente da leggere per gli amanti della storia inglese!

    Novecento pagine di una sorta di autobiografia reale, un libro che a prima vista può spaventare perché se non amate la stori ainglese rischia di diventare un cumulo di pagine noiose. Ho detto se non amate perché se invece, come me, adorate i Tudor e l'Inghilterra, questo tomo gigante diventa anch ...continua

    Novecento pagine di una sorta di autobiografia reale, un libro che a prima vista può spaventare perché se non amate la stori ainglese rischia di diventare un cumulo di pagine noiose. Ho detto se non amate perché se invece, come me, adorate i Tudor e l'Inghilterra, questo tomo gigante diventa anche troppo piccolo. Ho sempre amato Enrico VIII, questo Re così criticato e ricordato più per le sue nefandezze che per ciò che era davvero. Un uomo insicuro, vissuto all'ombra del fratello maggiore e poi cresciuto sotto una campana di vetro alla morte di Arturo. Un uomo nato per essere Re a cui vengono instillati dubbi sulla fedeltà di chiunque gli stia vicino, incapace di pensare chiaramente con la sua testa, un uomo che si è sempre lasciato trascinare dalla corrente, senza mai riflettere fino in fondo sulle azioni. Eppure nel suo animo, Enrico era solo bisognoso di amore e conforto. Resto dell'idea che se non avesse mai incontrato Anna Bolena, la sua storia sarebbe stata diversa e forse i posteri l'avrebbero ricordato come un Re buono, non come l'uccisore di mogli e la causa dello scisma fra l'Inghilterra e la Chiesa. Un unico difetto è il rapporto che questo Re ha avuto con Charles Brandon. In questa biografia non viene molto accentuato, se non alla fine, quando l'amico che lo accompagnava dall'infanzia, muore. Solo allora si capisce quanto importante e forte fosse stato il loro rapporto. Insomma, nel suo complesso questo librone va assolutamente letto e sono felice che la mia amica Linda abbia pensato di regalarmelo!!! E non c'è niente da fare, per quanti saggi, documenti, romanzi storici, io legga incentrati su questo argomento so già in partenza che piangerò!

    ha scritto il 

Ordina per