Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il richiamo della foresta

Di

Editore: Einaudi (Scrittori tradotti da scrittori, 19)

4.1
(3850)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 135 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Galego , Catalano , Spagnolo , Tedesco , Francese , Chi semplificata , Portoghese , Norvegese , Svedese

Isbn-10: 8806593021 | Isbn-13: 9788806593025 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Gianni Celati

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , eBook

Genere: Fiction & Literature , Pets , Travel

Ti piace Il richiamo della foresta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La vita di Buck, cane di razza abituato al clima mite e alla tranquillitàdegli Stati Uniti del Sud, ha un'improvvisa svolta quando, per una scommessapersa, è venduto e spedito al Nord, come cane da slitta. Piegato all'obbedienza da un esperto allevatore, riesce a far fronte alle nuove esigenze e a sopravvivere alle privazioni e al clima inclemente. Ma qualcosa è cambiato inlui: nel suo comportamento riaffiorano istinti sopiti. Buck sente crescere,sempre più forte, il contrasto tra natura e educazione, tra amore per il padrone e slancio incontenibile verso la libertà.
Ordina per
  • 5

    Meraviglioso e indimenticabile

    Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Anche se non sono un appassionato di cani, questo libro mi farebbe quasi venir voglia di averne uno, grande e potente come Buck, per poi portarlo in Alaska e farlo tornare alle sue inclinazioni ancestrali, allo stato di lupo, alla natura selvaggia che ...continua

    Uno dei libri più belli che abbia mai letto. Anche se non sono un appassionato di cani, questo libro mi farebbe quasi venir voglia di averne uno, grande e potente come Buck, per poi portarlo in Alaska e farlo tornare alle sue inclinazioni ancestrali, allo stato di lupo, alla natura selvaggia che esisteva prima dell'uomo in tutta la sua violenza e bellezza. Un libro indimenticabile.

    ha scritto il 

  • 4

    Un grande

    E' vero: la categoria di "letteratura per ragazzi" va molto stretta alla straordinaria opera di London, racconto al 100% benché di forte caratura filosofica. Oggi la possiamo accettare che è un testo he andrebbe letto prestissimo per incorporarlo nella propria biblioteca ideale accanto ai classic ...continua

    E' vero: la categoria di "letteratura per ragazzi" va molto stretta alla straordinaria opera di London, racconto al 100% benché di forte caratura filosofica. Oggi la possiamo accettare che è un testo he andrebbe letto prestissimo per incorporarlo nella propria biblioteca ideale accanto ai classici da rileggere, citare e considerare come antecedenti imprescindibili di tante altre opere successive.

    ha scritto il 

  • 4

    La belllezza della cruda natura

    Il modo che possiede London di descrivere la crudezza e al tempo stesso la bellezza della natura è qualcosa di unico, di eccezionale. Una storia dura, cruda e cruenta, dove la legge del più forte è più viva che mai. Libro da leggere assolutamente!

    ha scritto il 

  • 5

    Molto più che un capolavoro. La bellezza sublime della Natura che si riscuote dal torpore cui era confinata nella vita civile, riaffermando i suoi diritti e riconducendo gli esseri viventi alla scoperta della parte più vera di se stessi. Alla fine, dopo un lungo percorso che lo porta a prendere ...continua

    Molto più che un capolavoro. La bellezza sublime della Natura che si riscuote dal torpore cui era confinata nella vita civile, riaffermando i suoi diritti e riconducendo gli esseri viventi alla scoperta della parte più vera di se stessi. Alla fine, dopo un lungo percorso che lo porta a prendere coscienza della parte più autentica, selvaggia della sua anima, Buck, il maestoso cane-lupo protagonista del racconto, diventa veramente se stesso.

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero buona l'idea di Feltrinelli di pubblicare "Il richiamo della foresta" assieme ad altri due gioielli come "Batard" e "Preparare un fuoco", affidando il tutto a Davide Sapienza, in questo momento forse la persona più adatta a tradurre e a curare le opere di Jack London. Il volume, tra l'alt ...continua

    Davvero buona l'idea di Feltrinelli di pubblicare "Il richiamo della foresta" assieme ad altri due gioielli come "Batard" e "Preparare un fuoco", affidando il tutto a Davide Sapienza, in questo momento forse la persona più adatta a tradurre e a curare le opere di Jack London. Il volume, tra l'altro davvero economico, oltre a essere ben tradotto, ha un apparato di note talvolta chiarificatrici, e si presenta come una lettura imprescindibile per gli amanti dell'autore e della narrativa a stelle e strisce in generale.
    "Il richiamo della foresta" dev'essere finalmente ripulito dalla patina di libro per ragazzi. Cosa che in effetti è, ma come ogni grande volume per ragazzi, sa essere ancor più efficace e spietato con chi ragazzo non è più. E quindi dovrebbe essere letto ad ogni età. Soprattutto per ricordarci che nella prosa di London vivono già autori come Hemingway e McCarthy, tanto per dirne due che sicuramente l'avranno letto e riletto a più riprese.
    Potrei anche sbagliarmi, ma ne sono quasi sicuro.

    ha scritto il 

  • 4

    "Nel cuore della foresta risuonava un richiamo emozionante, misterioso e attraente e tutte le volte che lo udiva si sentiva costretto a voltare le spalle al fuoco e alla terra battuta che lo circondava..."

    La storia di Buck rimane un piccolo, grande classico, rappresentazione della ricerca di amore e libertà; portato via con l'inganno ai suoi padroni, venduto e trasformato in un cane da slitta, "il demonio dagli occhi rossi", come viene spesso chiamato, si adatta e combatte per sopravvivere, conosc ...continua

    La storia di Buck rimane un piccolo, grande classico, rappresentazione della ricerca di amore e libertà; portato via con l'inganno ai suoi padroni, venduto e trasformato in un cane da slitta, "il demonio dagli occhi rossi", come viene spesso chiamato, si adatta e combatte per sopravvivere, conoscerà l'amore per un uomo, John Thornton e ascolterà quel richiamo affascinante che pian piano lo trascinerà nel cuore della foresta, dai suoi simili.
    Breve, ma molto denso.

    ha scritto il 

  • 4

    'scopriva gli abissi della propria natura, la parte più profonda dei suoi istinti, risalendo fino al grembo del tempo. lo dominava l'impeto della vita, la marea dell'essere, la gioia perfetta di ogni muscolo, di ogni giuntura, di ogni tendine, poiché questo era il contrario della morte, era ardor ...continua

    'scopriva gli abissi della propria natura, la parte più profonda dei suoi istinti, risalendo fino al grembo del tempo. lo dominava l'impeto della vita, la marea dell'essere, la gioia perfetta di ogni muscolo, di ogni giuntura, di ogni tendine, poiché questo era il contrario della morte, era ardore e violenza, si esprimeva nel movimento, nello sfrecciare esultante sotto le stelle e sopra le cose morte e immobili.'

    un racconto epico che sviscera con l'incantevole prosa di jack london i rapporti uomo-animale, istinto-obbedienza, animale-natura selvaggia.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per