Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il ritorno

Outlander 3

Di

Editore: Corbaccio

4.2
(689)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 396 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8879726730 | Isbn-13: 9788879726733 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: V. Galassi

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: History , Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il ritorno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nell'"Amuleto d'ambra" Claire Randall, viaggiatrice nel tempo e nello spazio,aveva incominciato a spiegare una difficile verità alla figlia Brianna: neglianni in cui era ufficialmente data per dispersa, fra il 1945 e il 1946, era inrealtà precipitata, attraverso il magico cerchio di pietre di Craigh na Dun,nella Scozia del Settecento, dove si era innamorata follemente del nobilegiacobita James Fraser. James e Claire consumano la loro ardente e avventurosastoria d'amore fra campi di battaglia e manieri cupi e misteriosi, consapevoliche Claire si sarebbe ben presto trovata davanti a una scelta difficile:seguire il suo uomo perdendosi definitivamente nel passato, o tornare a unpresente che ormai non le appartiene più...
Ordina per
  • 3

    Ni....la storia è tirata un po' troppo per le lunghe, alla fine del romanzo si ha una lieve accelerata che ti fa tornare la voglia di continuare a leggere gli altri libri della serie, ma molti ...continua

    Ni....la storia è tirata un po' troppo per le lunghe, alla fine del romanzo si ha una lieve accelerata che ti fa tornare la voglia di continuare a leggere gli altri libri della serie, ma molti passaggi intermedi potevano essere notevolmente accorciati....

    ha scritto il 

  • 4

    Se non l’avessi saputo, avrei potuto credere che L’amuleto d’ambra e Il ritorno fossero veramente due romanzi distinti: sia per l’ambientazione (prima Francia e poi Scozia) sia per le vicende ...continua

    Se non l’avessi saputo, avrei potuto credere che L’amuleto d’ambra e Il ritorno fossero veramente due romanzi distinti: sia per l’ambientazione (prima Francia e poi Scozia) sia per le vicende che si concludono alla fine della prima parte (la “riconciliazione” di Claire e Jamie e la partenza). Però il libro comincia con un innegabile dato di fatto: la storia raccontata è un flashback di Claire, che finalmente, dopo vent’anni, rivela la verità a sua figlia Brianna, coinvolgendo anche il giovane studioso Roger - capiremo alla fine il perché. Quindi il finale vero e proprio si ha nel Ritorno, con la chiusura dell’ellissi temporale.

    La storia in questa seconda parte è molto più coinvolgente anche se sempre un po’ troppo allungata, a mio parere: forse una sfoltita sarebbe stata opportuna. Perché da un lato c’è la curiosità di come andrà avanti la vicenda e come si concluderà; dall’altro mancano sempre troppe pagine al finale. Di alcune cose si intuisce fin dall’inizio la conclusione (ad esempio tutta la faccenda di Frank e la discendenza di Jack Randall). Inoltre l’intensità della scena d’addio tra Claire e Jamie viene proprio smorzata dalle eccessive lungaggini dell’autrici una volta spostata l’azione di nuovo nel ’68. Ok, tutta la vicenda di Geillis Duncan serve per capire perché anche Roger può viaggiare nel tempo (perché lo farà… lo farà di sicuro); però stringi ragazza mia. Se aggiungiamo a questo il fatto che ci sono ben cinque seguiti, be’ il dispiacere per i personaggi un po’ si attenua. Però in ogni caso sono curiosissima di sapere come andrà avanti (mi sono già spoilerata i prossimi due volumi… ma non mi importa), e mi sto frenando perché altrimenti verrei risucchiata da questo vortice >.<

    ha scritto il 

  • 4

    "Ti troverò." mi sussurrò all'orecchio. " Te lo prometto. Se dovessi sopportare due secoli di purgatorio, ducento anni senza di te...allora viol dire che sarà la punizione che mi sono meritato per ...continua

    "Ti troverò." mi sussurrò all'orecchio. " Te lo prometto. Se dovessi sopportare due secoli di purgatorio, ducento anni senza di te...allora viol dire che sarà la punizione che mi sono meritato per i miei crimini: perchè ho mentito, ucciso, rubato e tradito." pag. 339</p><p>Penso che questo secondo capitolo (teniamo conto che la Corbaccio per motivi di vendita ha diviso l'originale Dragonfly in Amber, ovvero L'amuleto d'ambra e Il Ritorno) sia quello che mi è piaciuto di più, forse più del primo, La Straniera.<br />Dalla corte francese alle highlands scozzesi, Claire e Jamie devono affrontare l'imminente battaglia di Culloden, ma non sarà solo quella a volerli separati. <br />La loro storia d'amore aleggia per tutte le pagine del romanzo, soprattutto le ultime -bellissime- (c'è un motivo, intuibile e inevitabile, purtroppo), anche se è quasi messa in secondo piano rispetto alle vicende storiche, e questo l'ho apprezzato davvero tanto. Un consiglio: quando arrivate a metà vedete di procurarvi subito il capitolo seguente...(chi lo ha letto sa il perchè!)

    ha scritto il 

  • 4

    In questo capitolo di questa serie ne sono successe di tutte colori come sempre accade in questa serie. Mi sono commossa parecchio rispetto ai precedenti due capitoli dato che ormai avevo imparato a ...continua

    In questo capitolo di questa serie ne sono successe di tutte colori come sempre accade in questa serie. Mi sono commossa parecchio rispetto ai precedenti due capitoli dato che ormai avevo imparato a conoscere ogni personaggio mi è dispiaciuto molto leggere del destino di Munro ma mi è piaciuto molto conoscere Brianna. Ma il colpo fatale me lo ha dato il destino di Jamie e Claire. In conclusione un bel libro degno della Gabaldon.

    ha scritto il 

  • 4

    LETTURA DI GRUPPO EDICOLA & LIBRERIA

    Intenso. Rispetto alla prima parte è più coinvolgente. Finalmente si ritorna in scozia e si respira aria di prati verdi e immensi. Intrighi davvero da capogiro se non si legge questo libro subito ...continua

    Intenso. Rispetto alla prima parte è più coinvolgente. Finalmente si ritorna in scozia e si respira aria di prati verdi e immensi. Intrighi davvero da capogiro se non si legge questo libro subito dopo l`amuleto d`ambra (Come ho fatto io dando per scontato di ricordarmi tutto) La Tea purtroppo ha diviso il secondo libro in due parti visto la lunghezza biblica, ma così facendo si perdono dei pezzi se come me vengono letti a distanza di tempo.Cque davvero bello..emozionante,coinvolgente e triste.E' un turbinio di emozioni, e non riesci a staccarti dal libro. Commovente fino alle lacrime l'addio tra Claire e Jamie. Ho una domanda da fare alla Gabadon..perché finisce così il libro??? non si fanno queste cose!!!!non vedo l'ora di leggere il successivo. Consigliatissimo alle romantiche a cui piacciono anche la storia e gli intrighi ^_^

    ha scritto il 

  • 4

    Seconda parte del secondo libro della saga della STRANIERA. Ora capisco perchè in Italia il secondo libro l'abbiano suddiviso in due parti, basta pensare che il Ritorno era di circa 400 pagine. La ...continua

    Seconda parte del secondo libro della saga della STRANIERA. Ora capisco perchè in Italia il secondo libro l'abbiano suddiviso in due parti, basta pensare che il Ritorno era di circa 400 pagine. La prima parte, come nella recensione che avevo fatto già fatto l'ho trovato noioso, lungo, e in alcuni punti inutile. Questo è migliorato, anche perchè questa parte è tutta ambientata in Scozia e c'è molta più azione e sentimento. Però la decisione di separare i libri in due, secondo me non è stata valutata a dovere. Chi si trovasse in libreria e non sapesse che ha in mano un libro che è intercalato in una saga, e lo comprasse... non ci capirebbe un tubo e perderebbe il filo della storia. Comunque, visto che nel mio entusiasmo avevo già comprato gli altri senza neanche cominciare a leggere il primo, sono costretta a continuare la saga, sopratutto adesso che sembra che stiano per fare una serie tv su questa storia.

    ha scritto il 

  • 5

    Ti troverò [...] te lo prometto. Se dovrò sopportare due secoli di purgatorio, duecento anni senza di te...allora vuol dire che sarà la punizione che mi sono meritato per i miei crimini: perchè ...continua

    Ti troverò [...] te lo prometto. Se dovrò sopportare due secoli di purgatorio, duecento anni senza di te...allora vuol dire che sarà la punizione che mi sono meritato per i miei crimini: perchè ho mentito, ucciso, rubato e tradito. Ma c'è un'unica cosa che ristabilirà l'equilibrio. Quando sarò al cospetto di Dio, ci sarà un'unica cosa che farà pendere la bilancia in mio favore, contro tutto il resto. [...] Signore, mi hai dato una donna straordinaria, e Dio!, io l'ho amata tanto. Jamie

    ha scritto il 

  • 3

    Sicuramente migliore del volume che lo precede, questo libro sente tuttavia il peso di una narrazione eccessivamente lenta che prende vita solo nelle ultime pagine. Interessanti le vicende personali ...continua

    Sicuramente migliore del volume che lo precede, questo libro sente tuttavia il peso di una narrazione eccessivamente lenta che prende vita solo nelle ultime pagine. Interessanti le vicende personali di Claire e Jamie, mortalmente noiose quelle di carattere storico-militare.

    ha scritto il 

Ordina per