Il ritorno del maestro di danza

Di

Editore: Marsilio (Tascabili maxi)

3.8
(1029)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 491 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Svedese , Spagnolo , Catalano

Isbn-10: 8831707477 | Isbn-13: 9788831707473 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Puleo

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il ritorno del maestro di danza?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Herbert Molin, ex poliziotto in pensione, decide di ritirarsi in un casolare sperduto nel nord della Svezia. Ma un brutale assassino lo raggiunge per accompagnarlo in un ultimo, terribile ballo con la morte. Quando la polizia arriva sulla scena del delitto, trova delle impronte di sangue che sembrano tracciare i passi del tango.
Il trentasettenne ispettore di polizia Stefan Lindman, un tempo collega della vittima, si butta a capofitto nelle indagini e scopre ben presto l'inquietante passato nazista di Molin. Sulle tracce dell'assassino, che dalla Svezia portano in Germania e Argentina, la sua inchiesta ripercorre un pezzo doloroso della nostra storia.
Ordina per
  • 0

    Il Paesaggio e il Tempo

    Il Paesaggio e il Tempo
    L’intreccio degli eventi è sicuramente ben congegnato, un poliziesco che rispetta tutte le regole del noir, colpi di scena,intrighi,il passato che ritorna ,ma alla fine ci si ...continua

    Il Paesaggio e il Tempo
    L’intreccio degli eventi è sicuramente ben congegnato, un poliziesco che rispetta tutte le regole del noir, colpi di scena,intrighi,il passato che ritorna ,ma alla fine ci si accorge che i veri protagonisti sono il Paesaggio, una Svezia a volte cupa, a volte solare,nella sua quotidianità , con le sue enormi foreste ,la neve, il freddo,le notti gelide e deserte , e il Tempo, la data del 19 novembre,che spesso ricorre nelle pagine del libro, giorno in cui il protagonista dovrà cominciare la radioterapia, e gli anni della Seconda Guerra Mondiale.
    Tutto quello che accade è inscritto in questa cornice che funge da contesto ma che a sua volta diviene parte integrante della narrazione influenzandone anche lo sviluppo. Lo stile è freddo e asciutto poco incline a giri di parole e descrizioni sterili,il narratore rimane sempre in ombra offrendoci uno spaccato di vita lucido ed essenziale, scegliendo col suo tono impersonale quali zone e personaggi illuminare e quali invece lasciare all'immaginazione del lettore. Una piacevole lettura,scorrevole e mai noiosa.

    ha scritto il 

  • 2

    Era meglio non fosse tornato..

    Per quanto abbia apprezzato Mankell in altri suoi romanzi senza assassini ed ambientati in luoghi ben distanti dalla sua terra natia svedese, non posso nascondervi quanto questo suo thriller mi abbia ...continua

    Per quanto abbia apprezzato Mankell in altri suoi romanzi senza assassini ed ambientati in luoghi ben distanti dalla sua terra natia svedese, non posso nascondervi quanto questo suo thriller mi abbia deluso.
    Era da tempo, infatti, che desideravo avvicinarmi ad uno dei suoi romanzi gialli più apprezzati dal pubblico, come gli stessi lettori che mi hanno preceduto in questo commento, ma l'incontro non è stato affatto appagante.
    E' un pò come quando nasce un'attrazione 'virtuale' tra due persone che non si conoscono minimamente, lui magari vede una sua foto-copertina, si lascia adescare, guarda in giro i commenti sul suo conto, legge la sua storia e pensa che possa funzionare tra loro e l'immaginazione alimenta questa sua convinzione, magari pensa 'è proprio ciò che cerco da tempo'..
    Ma, giunto il momento in cui l'incontro diventa reale, il palazzo di sogni così eretto si sgretola progressivamente trasformandosi in una doccia fredda che si abbatte con tutta la sua intensità sul capo del malcapitato sognatore, ponendolo di fronte ad una realtà ben diversa da quella sospirata.. e sebbene sappia inconsciamente quanto sia inutile insistere - perchè è sempre la prima impressione quella che conta, quella veritiera - lui non demorde, si sforza di trovare nell'altro anche solo un dettaglio, un appiglio per non naufragare nella più totale delusione per aver preso un abbaglio così grande.. ed invece niente, nessuna sorpresa, nessuna attrazione magica.. anzi più approfondisce la sua conoscenza, parola dopo parola, più resta infastidito dalla sua banalità.
    Ecco, spero di aver reso l'idea, perchè non me ne voglia il buon caro Mankell, pace all'anima sua, ma la mia esperienza con questo romanzo è molto simile a quella appena descritta.
    Mankell non è certo un novellino quando porta alla luce questo romanzo, anzi è reduce dalla fortunata serie noir legata alle vicende del commissario Wallander con un ottimo successo di critica.
    E nelle prime pagine del libro ci sono tutti i presupposti per intravedere nel Ritorno del maestro di danza le fattezze di buon thriller: incipit intrigante ambientato nel passato, durante la seconda guerra mondiale; ritorno al presente con omicidio efferato di un ex poliziotto, Herbert Molin, ormai in pensione nella casa in cui da anni l'anziano ufficiale conduceva una vita in appartata solitudine nel bel mezzo della foresta svedese; strani indizi che la polizia locale non riesce ad interpretare per collegarli ad un possibile movente di un omicidio tanto spietato quanto insolito in una regione come questa del nord della Svezia, fredda, isolata, inospitale.. come i pochi abitanti che vi dimorano.
    Interviene sul caso anche l'ispettore Stefan Lindman, in forza nella città svedese di Boras, amico ed ex collega del defunto, che decide di rinunciare ad una vacanza rilassante al mare recandosi invece nel bosco dello Härjedalen, con l'intenzione di aiutare la polizia locale nelle indagini su quella strana morte.
    Non per eccessivo spirito filantropico, direi: se una dottoressa non gli avesse diagnosticato un cancro ed ancor più se non gli avesse prescritto di tornare in ospedale dopo due settimane per ritirare l'esito definitivo degli esami, probabilmente il nostro ispettore avrebbe deciso di trascorrere la sua vacanza al mare.
    Ma l'atmosfera solare e vivace di una località balneare non sarebbe stata in sintonia col suo stato d'animo e la sua improvvisa paura di morire, talmente forte da annullare un qualsiasi barlume di speranza di poter resistere alla malattia.
    Per questo decide di indagare sulla morte del suo collega, convincendosi che quella strana morte potesse tener lontana la sua mente dal pensiero ricorrente ed assillante della propria morte.

    I presupposti per un buon thriller quindi non mancano, peccato però che proseguendo la lettura del romanzo si scopre che essi rimangono solo 'presupposti', non evolvono e non si confermano, ed il lettore non può fare a meno di sentirsi ingannato constatando la pochezza di una trama che sembra quasi improvvisata per quanto banale e superficiale sia la costruzione degli eventi che porta alla svolta nelle indagini. E' proprio questa, infatti, la caratteristica che rende un thriller un capolavoro, la capacità cioè dell'autore di progettare una catena di cause-effetti che sia plausibile seppur ben celata nella trama.
    Caratteristica, a mio parere, del tutto assente in questo romanzo: alcuni particolari che sembrano rilevanti muoiono nel corso della storia senza alcun legame con gli eventi successivi, altri particolari invece portano a conclusioni del tutto scontate o facilmente prevedibili.
    Ed ecco che compaiono personaggi che puzzano di marcio lontano un miglio, ecco che intervengono poliziotti paragonabili per arguzia ai carabinieri delle nostre barzellette che discutono sull'evolversi delle indagini negli uffici del piano terra della stazione di polizia e con le finestre aperte (anche in Svezia a volte fa caldo) senza tener conto che qualcuno potrebbe avvicinarsi ed origliare, abitudine tra l'altro molto diffusa nei villaggi svedesi; e mi fermo qui per non screditare lo stesso ispettore Lindman-Clouseau, la cui ingenuità sfiora spesso il ridicolo.
    E come se non bastasse, forse mosso dalla convinzione che un romanzo possa definirsi tale solo se diluito in circa 500 pagine, l'autore cerca di colmare le lacune di una trama inconsistente con una descrizione accurata e profonda dello stato d'animo del protagonista, in bilico tra la vita e la morte annunciata, che diventa ben presto ripetitiva e snervante.

    Un tema tra l'altro, quello della morte, che l'autore riprenderà diversi anni dopo col suo ultimo libro, autobiografico, "Sabbie mobili", affrontandolo però in modo molto più intimo e liberatorio, anche perchè colpito da un cancro non più finto ma reale, così come reali e tragici sono stati i suoi effetti.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi piace il Thriller nordico, ma in tutta sincerità questa storia l'ho trovata interessante ma noiosa: lo svolgimento è stato lento e poco avvincente, con un epilogo altrettanto piatto.

    ha scritto il 

  • 5

    Tanti piccoli passi compongono un ottimo thriller

    Si legge veramente con entusiasmo.
    Molti libri vanno avanti a "passi da gigante" nel senso che c'è il colpo di scena e poi il libro si appiattisce. Qui invece i passettini sono da formica e danno una ...continua

    Si legge veramente con entusiasmo.
    Molti libri vanno avanti a "passi da gigante" nel senso che c'è il colpo di scena e poi il libro si appiattisce. Qui invece i passettini sono da formica e danno una continuità fantastica.

    Cercando proprio di fare i critici, mr Mankell dovrebbe spiegarmi perchè continua a ripetere le cose 200 volte, non sono mica tonto eh ? Se proprio "ti pagano a pagine scritte" (!!!) soffermati su qualche descrizione dei personaggi a livello fisico che manca completamente. (ripeto, queste critiche sono inezie rispetto all'ottimo libro)

    consigliatissimo

    ha scritto il 

  • 3

    Apprezzo moltissimo gli scrittori scandinavi e sicuramente Mankell si posiziona tra i migliori nel suo genere. La gelida ambientazione non impedisce alla storia di scaldare i nostri cuori con persona ...continua

    Apprezzo moltissimo gli scrittori scandinavi e sicuramente Mankell si posiziona tra i migliori nel suo genere. La gelida ambientazione non impedisce alla storia di scaldare i nostri cuori con personaggi meravigliosamente caratterizzati. E' sempre presente nei libri di Mankell la descrizione della situazione politica del momento, ciò permette al lettore di inquadrare al meglio l'intreccio della storia e le motivazioni che spingono i personaggi a commettere determinate azioni.

    ha scritto il 

Ordina per