Il ritratto di Dorian Gray

Di

Editore: Garzanti (I grandi libri)

4.3
(31230)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 318 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Chi tradizionale , Giapponese , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Olandese , Catalano , Finlandese , Greco , Turco , Polacco , Basco , Ceco , Galego

Isbn-10: 8811581664 | Isbn-13: 9788811581666 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Traduttore: Marco Amante ; Prefazione: Franco Marenco

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Altri , Cofanetto , Copertina morbida e spillati , Non rilegato , Rilegato in pelle , eBook , CD audio

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il ritratto di Dorian Gray?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso.
Ordina per
  • 1

    Anelli con smeraldi di plastica e rubini di pongo

    "Il Ritratto di Oscar Wilde è un libro scritto da Dorian
    Gray, piuttosto invecchiato male, cosa che comunque
    non ha impedito al suo autore di invecchiare anche
    peggio. In esso un uomo innamorato della ...continua

    "Il Ritratto di Oscar Wilde è un libro scritto da Dorian
    Gray, piuttosto invecchiato male, cosa che comunque
    non ha impedito al suo autore di invecchiare anche
    peggio. In esso un uomo innamorato della bellezza
    sensuale e luccicante colleziona figurine del campionato
    di lotta nel fango tra camionisti, nonché anelli con smeraldi
    di plastica e rubini di pongo trovati nelle patatine.
    Si fa dipingere un ritratto, e si rende conto di essere
    molto brutto. Per questo motivo fa rifare il ritratto
    in maniera tale da apparire ancora più brutto in esso,
    e, per contrasto, sembrare meno indecente nella realtà.
    L'altra possibilità presa in considerazione era quella di
    farsi dipingere un ritratto estetizzante e incollarselo
    sul naso, ma questo creava problemi pratici nel lavarsi
    la faccia (il dipinto si scoloriva) e nello schiacciarsi i
    brufoli (erano solo dipinti). Alla fine, la frustrazione
    lo porterà a distruggere il quadro, cosa che lo fece diventare
    ancora più brutto, perché quando ci si arrabbia
    si è ancora più brutti, che è una nota legge estetica.
    Lasciò anche la sua ragazza, perché, in nome dell'arte,
    la voleva bionda ossigenata, mentre lei voleva
    rimanere mora naturale, e non farsi crescere la barba.
    Questo romanzo fu così apprezzato che l'autore Dorian
    Gray fu costretto ad avere rapporti omosessuali in
    prigione a vita. Gli piacque."

    da "Alcune note su una non entità" di Umberto Bieco

    ha scritto il 

  • 5

    null

    Ma che libro fantastico! Iniziato diverse volte e abbandonato sempre dopo poche pagine, in gioventù, ci voleva la maturità dei quarant'anni per apprezzare infine questo gioiello decadente. Cosa mi sa ...continua

    Ma che libro fantastico! Iniziato diverse volte e abbandonato sempre dopo poche pagine, in gioventù, ci voleva la maturità dei quarant'anni per apprezzare infine questo gioiello decadente. Cosa mi sarei perso!

    ha scritto il 

  • 4

    El retrato de Dorian Gray me ha parecido una novela sorprendente. Y eso, a pesar de conocer el argumento y haber visto la última versión cinematográfica, que no hace justicia al libro. Demás está deci ...continua

    El retrato de Dorian Gray me ha parecido una novela sorprendente. Y eso, a pesar de conocer el argumento y haber visto la última versión cinematográfica, que no hace justicia al libro. Demás está decir que, a diferencia de la película, la novela me ha cautivado y atrapado desde el principio.

    A pesar de que solo he leído "The Important of Being Ernest", una comedia teatral, creo que el talento de Oscar Wilde como escritor está fuera de toda duda. El retrato de Dorian Gray, está escrito de forma impecable. Las frases y palabras han sido bien escogidas, las descripciones esmeradas y con una extensión precisa y unos personajes muy bien perfilados y construidos, son algunos de los puntos destacables de la forma en la que está escrita.
    Pero también existen pegas a esta manera de escribir. Para empezar la profusión del lenguaje es tal, que a veces no puede evitar la pedantería y el aburrimiento. Hay capítulos que sobran ya que no aportan nada a la historia. Y lo mismo se puede decir de ciertos monólogos llenos de "perlas" misóginas y misántropas con las que Lord Henry nos tortura en ciertas ocasiones.

    La historia de Dorian Gray es de sobra conocida. Nuestro protagonista cambia su alma por la juventud eterna. Así todo los efectos del paso del tiempo y de una vida de vicio y depravación, pasan al retrato que un amigo suyo, Basil Hallward, le hizo. Pero bajo esta premisa tan simplista, Wilde realiza un retablo perfecto de la sociedad de la época. No con el objetivo de hacer una crítica, si no simplemente de describirla con todas sus luces y sombras.
    El otro gran tema que permanece oculto tras sus páginas, es el amor homosexual. A lo largo de todo el libro hay insinuaciones, muy veladas, a la homosexualidad, como parte normal de la doble vida de muchos caballeros. Pero eso no es todo. Wilde se hace eco de las corrientes estéticas del siglo XIX, así como de los últimos descubrimientos en psicología y en diversas ciencias, que también incorpora a la historia en distintos momentos, aunque de manera muy poco atractiva, ya que casi siempre lo hace a través de el controvertido Henry Wotton.

    Resumiendo, El retrato de Dorian Gray es una novela que se ha ganado justamente un sitio en la historia de la literatura. Tiene una fuerza en los diálogos que no ha podido ser trasladada a ninguna de las películas que se han hecho. Deshaceos de los prejuicios sobre esta gran obra y atreveos a leerla. Nos os arrepentiréis.

    ha scritto il 

  • 5

    Audiolibro Salani eccezionale

    La storia è particolare e i commenti del cinico Lord Henry sono sferzanti e compiaciuti ma colgono nel segno. Ho letto l'audiolibro della Salani in auto e posso dire che è stata un'esperienza unica. I ...continua

    La storia è particolare e i commenti del cinico Lord Henry sono sferzanti e compiaciuti ma colgono nel segno. Ho letto l'audiolibro della Salani in auto e posso dire che è stata un'esperienza unica. I personaggi dettagliati benissimo da veri professionisti. Insomma un di più come dei veri Librivivi.

    ha scritto il 

  • 0

    Mi ha colpito davvero molto, non mi aspettavo un capolavoro del genere.
    Il finale è qualcosa di unico: scorre via velocissimo, in una paginetta ti racconta talmente tanti avvenimenti che ti lascia con ...continua

    Mi ha colpito davvero molto, non mi aspettavo un capolavoro del genere.
    Il finale è qualcosa di unico: scorre via velocissimo, in una paginetta ti racconta talmente tanti avvenimenti che ti lascia con il fiato sospeso.

    ha scritto il 

  • 5

    Il numero di segnalibri che ho messo a questo libro... oltre ad essere nell'insieme una storia e una riflessione interessante, c'è una media di una citazione per pagina che merita di essere evidenziat ...continua

    Il numero di segnalibri che ho messo a questo libro... oltre ad essere nell'insieme una storia e una riflessione interessante, c'è una media di una citazione per pagina che merita di essere evidenziata. Ne sono rimasta molto soddisfatta, e c'è da dire che avevo aspettative molto alte nei confronti di questo libro perché erano anni che ne sentivo cantare le lodi da ogni parte.

    ha scritto il 

  • 5

    Quanto è bravo Oscar Wilde: impossibile affermare il contrario. Arguto, profondo conoscitore dell'essere umano, sensibile ai limiti e - perchè no - alla grandezza dei figli di Adamo e di Eva, Wilde ci ...continua

    Quanto è bravo Oscar Wilde: impossibile affermare il contrario. Arguto, profondo conoscitore dell'essere umano, sensibile ai limiti e - perchè no - alla grandezza dei figli di Adamo e di Eva, Wilde ci prende per mano in questo racconto che anzichè celebrare la bellezza, ne magnifica la precarietà. Sono diversi i passi da ricordare, ciascuno da scoprire con attenzione ed intelletto, ma è la passione che comanda la lettura di questo racconto. Assolutamente da leggere.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo bellissimo. Un vero capolavoro della letteratura. Ha il fascino del grande classico, ma si legge facilmente. E' ricco di spunti di riflessione e citazioni memorabili.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per