Il ritratto di Dorian Gray

Di

Editore: Rizzoli (SuberBur)

4.3
(30751)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 269 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Chi tradizionale , Giapponese , Chi semplificata , Francese , Tedesco , Olandese , Catalano , Finlandese , Greco , Turco , Polacco , Basco , Ceco , Galego

Isbn-10: 8817150169 | Isbn-13: 9788817150163 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Ugo Dèttore ; Contributi: Bernhard Fehr

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Altri , Cofanetto , Copertina morbida e spillati , Non rilegato , Rilegato in pelle , eBook , CD audio

Genere: Narrativa & Letteratura , Filosofia , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il ritratto di Dorian Gray?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Il mito dell'eterna giovinezza

    Oscar Wilde riesce a dare un volto all'insensata avarizia di un giovane che vuole rimanere bello e seducente, anche al costo di mettere a repentaglio la propria anima. Grazie alle sue frasi filosofich ...continua

    Oscar Wilde riesce a dare un volto all'insensata avarizia di un giovane che vuole rimanere bello e seducente, anche al costo di mettere a repentaglio la propria anima. Grazie alle sue frasi filosofiche lascia capire che non si può vivere con l'ossessione di non voler invecchiare, perchè tutto ciò mette a repentaglio la propria crescita personale, della propria anima, che è la sola cosa che ci può far rimanere giovani nonostante il tempo passi inesorabile.

    "La vita è troppo breve perché ci si possa caricare sulle spalle anche il fardello degli errori altrui. Ciascuno vive la propria vita e ne paga il prezzo"

    ha scritto il 

  • 5

    Preciso ed immorale, uno di quei libri che non puoi non amare. La psicologia del protagonista che ti lancia in un mondo di peccati e vergogne.
    La precisione di Wilde così perfetta da sembrare vera, qu ...continua

    Preciso ed immorale, uno di quei libri che non puoi non amare. La psicologia del protagonista che ti lancia in un mondo di peccati e vergogne.
    La precisione di Wilde così perfetta da sembrare vera, quel sentimento di suspense che ti accompagna pagina per pagina.
    Secondo me, un libro da leggere prima di morire.

    ha scritto il 

  • 4

    Un'idea straordinaria trasformata in un mito moderno

    C'è nel romanzo di Wilde uno stile unico e inimitabile, fatto in aforismi, osservazioni sul paesaggio, rappresentazioni dei personaggi (si pensi alla figura tragica di Sibilla) che ne farebbero comunq ...continua

    C'è nel romanzo di Wilde uno stile unico e inimitabile, fatto in aforismi, osservazioni sul paesaggio, rappresentazioni dei personaggi (si pensi alla figura tragica di Sibilla) che ne farebbero comunque un bellissimo romanzo.
    Tuttavia il carattere di Dorian Gray insieme con il suo fatale quadro evocano nel lettore una potente fascinazione e una tipicità assoluta che lo trasformano in uno dei grandi miti dell'età moderna.

    ha scritto il 

  • 2

    Mr. Wilde quando si ha una fama come la sua è davvero esecrabile far mostra di tanta pochezza.
    Un'idea tanto incisiva quanto deludente la messa a punto.
    Riguardo ai capitoli che ha avuto la sventatezz ...continua

    Mr. Wilde quando si ha una fama come la sua è davvero esecrabile far mostra di tanta pochezza.
    Un'idea tanto incisiva quanto deludente la messa a punto.
    Riguardo ai capitoli che ha avuto la sventatezza di aggiungere successivamente avrebbe dovuto fidarsi del suo primo istinto: hanno soltanto impastoiato la fluidità del racconto.

    ha scritto il 

  • 0

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La sfortuna di non esser nato nel XXI Secolo e poter usufrui ...continua

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La sfortuna di non esser nato nel XXI Secolo e poter usufruire della chirurgia plastica.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Forse il manifesto di Oscar Wilde, la sua opera più compiuta, quella in cui meglio di tutti emergono la sua estetica e la sua posizione autoriale. Non la mia preferita - preferisco il Wilde autore di ...continua

    Forse il manifesto di Oscar Wilde, la sua opera più compiuta, quella in cui meglio di tutti emergono la sua estetica e la sua posizione autoriale. Non la mia preferita - preferisco il Wilde autore di teatro e il Wilde autore di favole - ma senz'altro la più rappresentativa e quella che più di tutti ha influenzato la letteratura a venire.
    Il tema, quello del patto col diavolo, è sviluppato in maniera "atipica": un quadro invecchierà al posto del bellissimo Dorian, che resterà per sempre giovane.
    Creatura vampiresca, crepuscolare, Dorian Gray viaggia nel corso degli anni senza invecchiare di un giorno, sperimenta piaceri di ogni sorta con uomini e con donne, la sua eterna esistenza viene devoluta allo scopo di provare ogni esperienza possibile. Plasmato dalle idee dell'amico Lord Henry e da un "libro venefico" che lui gli ha regalato, Dorian si corrompe sempre più.
    E il quadro creato dall'amore e dall'adorazione del pittore Basil Hallward diventa specchio non solo dell'invecchiare di Dorian ma anche delle brutture della sua anima.
    E Dorian, alla fine, non riesce più a sopportare di essere guardato con "gli occhi della sua coscienza". Il suo tentativo di distruggere il dipinto si risolve in un nulla di fatto: Dorian, profondamente crudele anche nel candore ipocrita che manifesta fino alla fine, distrugge se stesso.
    Dorian e il dipinto erano, a conti fatti, la stessa cosa.
    Il romanzo sviluppa un tema caro al periodo Vittoriano, quello del doppio. Così come per altri romanzi gotici, come il ben noto "Lo strano caso del Dottor Jekyll e del Signor Hyde", l'ego viene sdoppiato in un "bianco" e in un "nero", e sta all'individuo dialogare coi due volti. Nel caso di Dorian, il suo bel volto era la maschera di un io ormai ributtante. Il dipinto, nato dall'ideale puro di Basil Hallward, quell'ideale che sarebbe dovuto rimanere immutato, diviene mutevole come una cosa vivente.
    E la critica, sottile, è anche all'ipocrisia della società dell'epoca, capace di nascondere ogni nefandezza dietro a una bella apparenza.
    Nei personaggi di Basil ed Henry sono nascosti due lati di Wilde.
    Uno, quello puro, è anche quello che lo condurrà alla sua personale tragedia, pennellato all'interno del romanzo nella maniera più sincera.
    L'altro era, per così dire, il suo "personaggio pubblico", irriverente e sfacciato.
    Personalità generosa e sensibile, Wilde ha vinto la sua personale battaglia con il Tempo nonostante la "damnatio memoriae" di cui cadde vittima a partire dal 1895.
    Sempre grandissimo.
    (E, rileggendo "Il ritratto di Dorian Gray" e poi "Colori Proibiti" di Mishima, ti accorgi di quanto quest'ultimo gli deva. Considerazione del tutto fuori contesto, ma mi riserverei di tornarci sopra.)

    ha scritto il 

  • 5

    Con Il ritratto di Dorian Gray, Oscar Wilde ha dato la prova più originale del tema del patto col diavolo, uscendo dalla dialettica fra un Faust e un demonio pronto a comprare la sua anima e trasforma ...continua

    Con Il ritratto di Dorian Gray, Oscar Wilde ha dato la prova più originale del tema del patto col diavolo, uscendo dalla dialettica fra un Faust e un demonio pronto a comprare la sua anima e trasformando questo topos in un manifesto dell'Estetismo, quella tendenza insita nel Decadentismo che inneggia alla trasformazione della vita in un'opera d'arte, con il trionfo assoluto dei valori della bellezza, della raffinatezza e di un lusso guadagnati a costo di abbracciare un'esistenza immorale ed egoista, perché nessun compromesso è possibile per il cultore di sé, dio di fronte allo specchio.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2015/12/il-ritratto-di-dorian-gray-wilde.html

    ha scritto il 

  • 5

    BELLO SI!

    MAGNIFICO!
    Dorian con i suoi chiaroscuri è un personaggio TROPPO affascintante! E Wilde è un autore eccezionale. Tra le metafore, i dialoghi, le situazioni fa emergere senza censure il suo pensiero!
    # ...continua

    MAGNIFICO!
    Dorian con i suoi chiaroscuri è un personaggio TROPPO affascintante! E Wilde è un autore eccezionale. Tra le metafore, i dialoghi, le situazioni fa emergere senza censure il suo pensiero!
    #FURBACCHIONE

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per