Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il ritratto di Elsa Greer

Di

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

3.9
(1163)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Giapponese , Catalano , Spagnolo

Isbn-10: A000018653 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il ritratto di Elsa Greer?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    E' un libro che racconta il passato. Saranno stati i flashback numerosi ma l'ho trovato noioso. E la risoluzione del caso, se il libro lo si legge con attenzione, è un po' troppo a portata di lettore. Secondo me, Agatha ha scritto decisamente di meglio.

    ha scritto il 

  • 4

    Contro il logorio della vita moderna

    Agatha Christie è una garanzia assoluta!
    E' sempre divertente, interessante e stimolante.
    Adoro la sensazione che accompagna il disvelamento finale; tutti i pezzettini vanno al loro posto e per magia tutto sembra quasi ovvio. Ti ritrovi a chiederti come hai fatto a non arrivarci prima ...continua

    Agatha Christie è una garanzia assoluta!
    E' sempre divertente, interessante e stimolante.
    Adoro la sensazione che accompagna il disvelamento finale; tutti i pezzettini vanno al loro posto e per magia tutto sembra quasi ovvio. Ti ritrovi a chiederti come hai fatto a non arrivarci prima tu.
    Dopo anni di allenamento, qualcosa della soluzione finale ero riuscita ad intuirla..non proprio tutto ma almeno qualche frammento del puzzle.
    Resta comunque impareggiabile la faccia tosta con cui Agatha crea i suoi personaggi e poi li inquadra spietatamente. Adorabile!

    ha scritto il 

  • 4

    Stavolta un pò banale

    mmm... questa volta sono riuscito a prevedere l'assassino da alcune mosse molto facili da notare, non mi ha sorpreso in maniera estasiante come fa di solito, ma comunque è un ottimo libro che come al solito si finisce tutto d'un fiato :)

    ha scritto il 

  • 5

    Uno dei miei preferiti.

    Una storia del passato dominata da due forti sentimenti: il senso di colpa e l’odio.

    Una ragazza di vent’anni, Mary, cerca Poirot. Dopo tanti anni trascorsi in America, alla maggiore età ha saputo la sua storia.
    Il padre Amyas, grande pittore, è stato ...continua

    Uno dei miei preferiti.

    Una storia del passato dominata da due forti sentimenti: il senso di colpa e l’odio.

    Una ragazza di vent’anni, Mary, cerca Poirot. Dopo tanti anni trascorsi in America, alla maggiore età ha saputo la sua storia.
    Il padre Amyas, grande pittore, è stato ucciso per gelosia dalla moglie Caroline, condannata all’ergastolo e dopo poco morta in carcere. Ha lasciato alla figlia una lettera in cui è contenuta l’unica ammissione d’innocenza che abbia fatto.
    Una villa sul mare, un’estate calda di tanti anni prima: potrà Poirot ricostruire la verità, anche se essa non potrà cambiare nulla del passato, né produrre un nuovo e certo colpevole?

    Il titolo originale è Five little pigs e cinque sono le persone alle quali Poirot chiede di annotare sulla carta i ricordi.

    Quella fu l’estate di Elsa, giovane e bellissima ragazza (l’ultima delle donne di lui) e delle liti tra Amyas e Caroline quando questa viene a sapere dell’intenzione del marito di sposare Elsa. Fu l’estate dello splendido ritratto di Elsa che Amyas riuscì a terminare prima di morire. Fu anche l’estate in cui la sorellina di Caroline, Adrienne, così iperattiva, sarebbe partita per il collegio.
    Adrienne, l’amata sorella sfregiata tanti anni prima da un atto di gelosia di Caroline del quale lei non si perdonò mai, è stata anche la sola non coinvolta nel processo e la sola ad aver ricevuto una lettera di Caroline (a parte la figlia).

    Poirot scopre che tutto è ancora molto presente nei ricordi di tutti, compreso il ricordo allora taciuto perché scambiato come una prova contro Caroline, mentre sarebbe stata una testimonianza a favore … vivi sono ancora i sentimenti di rancore, o quelli nascosti, e, soprattutto, l’odio di Elsa per Caroline. Elsa la cui giovinezza morì con Amyas.

    La verità non servirà a molto, ma almeno è stata “scoperta”.

    ha scritto il 

  • 5

    Forse uno dei migliori gialli di Agatha Christie.

    Gli indizi sono tutti disseminati nel testo (complesso e brillante anche dal punto di vista narrativo), ma la soluzione è davvero a sorpresa.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Interessante e originale il presupposto (ricostruire un delitto di 16 anni prima attraverso i resoconti scritti dei testimoni) anche se francamente abbastanza noioso lo svolgimento. Indizi piuttosto evidenti che portano dove non dovrebbero, personaggi femminili uno più antipatico dell'altro, comp ...continua

    Interessante e originale il presupposto (ricostruire un delitto di 16 anni prima attraverso i resoconti scritti dei testimoni) anche se francamente abbastanza noioso lo svolgimento. Indizi piuttosto evidenti che portano dove non dovrebbero, personaggi femminili uno più antipatico dell'altro, complicazioni folli nella soluzione. E che cos'è la 'roba di gatto'??? Qualcosa mi sfugge...Next step: Poirot e la salma.

    ha scritto il 

  • 5

    Bello, davvero molto molto bello. Un altro piccolo capolavoro di psicologia umana e di sadismo narrativo da parte di questa scrittrice astuta e carognetta, scritto in forma diversa e per questo forse ancora più affascinante.
    Capire chi fosse l'assassino ha un che di librogame: più del solit ...continua

    Bello, davvero molto molto bello. Un altro piccolo capolavoro di psicologia umana e di sadismo narrativo da parte di questa scrittrice astuta e carognetta, scritto in forma diversa e per questo forse ancora più affascinante.
    Capire chi fosse l'assassino ha un che di librogame: più del solito chiunque poteva essere il colpevole.
    Eppure, al tempo stesso, non poteva che essere quello.

    ha scritto il 

  • 4

    Mary Lemarchant ingaggia Poirot per scoprire la verità su un omicidio commesso 16 anni prima, quando sua madre venne condannata con l'accusa di aver ucciso suo padre. Le prove contro di lei erano schiaccianti ma, prima di morire, la donna aveva lasciato una lettera alla figlia nella quale giurava ...continua

    Mary Lemarchant ingaggia Poirot per scoprire la verità su un omicidio commesso 16 anni prima, quando sua madre venne condannata con l'accusa di aver ucciso suo padre. Le prove contro di lei erano schiaccianti ma, prima di morire, la donna aveva lasciato una lettera alla figlia nella quale giurava di essere innocente. Poirot chiede ad ognuna delle cinque persone presenti il giorno del delitto di scrivere il loro resoconto della tragedia. In questo modo viene a conoscenza di tanti piccoli particolari importanti per la risoluzione del caso.

    E' un giallo particolare, perché si indaga su un omicidio avvenuto 16 anni prima e perché l'indagine è basata esclusivamente sulle testimonianze delle persone presenti il giorno del delitto.
    La prima parte è più lenta ed è incentrata sulle domande di Poirot ai cinque sospettati e sulle loro testimonianze. E' pero molto utile per conoscere i personaggi e la loro personalità. L'ultima parte è più dinamica, con Poirot che riunisce i personaggi e ricostruisce la storia, svelando la soluzione del caso.
    Bello! Agatha Christie riesce sempre a stupirmi!

    ha scritto il