Il ruggito della mucca viola

Ci vuol coraggio per farsi notare

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.7
(93)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 228 | Formato: Altri

Isbn-10: 8820041499 | Isbn-13: 9788820041496 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: S. Bertoncini

Genere: Affari & Economia , Educazione & Insegnamento , Non-narrativa

Ti piace Il ruggito della mucca viola?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il mondo si è trasformato, ma le imprese non si sono adeguate e non possiamopiù affidarci a soluzioni, prodotti e servizi del passato. Oggi bisogna esserestraordinari, straordinariamente innovativi, motivati e autentici. Ma come?Per illustrare quest'idea, Seth Godin ha riunito un gruppo di menti originalie creative: autori di bestseller e personalità del business come MalcolmGladwell, Tom Peters, Mark Cuban, Guy Kawasaki e Tom Kelley, che svelano iloro segreti per essere straordinari in modo duraturo e sostenibile.
Ordina per
  • 4

    Interessante, di facile e veloce lettura, ma un po'slegato.

    Essendo un libro scritto a più mani (66!) è costituiito da capitoli brevi su argomenti tutti legati all'essere straordinari.

    Alcuni intereve ...continua

    Interessante, di facile e veloce lettura, ma un po'slegato.

    Essendo un libro scritto a più mani (66!) è costituiito da capitoli brevi su argomenti tutti legati all'essere straordinari.

    Alcuni intereventi lasciano davvero il segno, altri si dimenticano dopo aver voltato pagina.

    Nel complesso è comunque un testo da tenere in biblioteca.

    ha scritto il 

  • 0

    Keynes

    Credo che l'idea generale del Gruppo dei 33 si rifaccia a quella con cui Keynes, nel 1936, coclude la "Teoria genearle dell' occupazione, dell' interesse e della monete":

    ""Sia quando sono giuste, si ...continua

    Credo che l'idea generale del Gruppo dei 33 si rifaccia a quella con cui Keynes, nel 1936, coclude la "Teoria genearle dell' occupazione, dell' interesse e della monete":

    ""Sia quando sono giuste, sia quando sono sbagliate, le idee degli economisti e dei fiolofi politici hanno potere assai più forte di quanto si creda comunemente: invero, poche altre cose governano il mondo. Gli uomini pratici, che credono di essere completamente immuni da ogni influenza intellettuale, sono generalmente schiavi di qualche economista defunto. Pazzi al potere che sentono voci nell' aria, stanno oggi distillando la propria follia dalle idee di qualche imbrattacarte accademico di qualche anno fa.
    Sono certo che si esagera molto la potenza degli interessi costitutiti rispetto alla progressiva conquista da parte delle idee.
    Una conquista, invero, che non è immediata, ma si realizza dopo un certo tempo: infatti, nel campo della filosofia economica e politica non sono molti quelli che che si lasciano influenzare da nuove teorie dopo ever superato i venticinque o trant' anni, e quindi è improbabile che le idee che i funzionari pubblici, gli uomini politici e persino i rivoluzionari applicano agli eventi attuali siano le più recenti.
    MA, PRESTO O TARDI, SONO LE IDEE, NON GLI INTERESI COSTITUITI, CHE DIVENTANO PERICOLOSE PER IL BENE O PER IL MALE"".

    Questa idea, messa nel giusto contesto riassume perfettamente il libro.
    Ma comunque rimane un mio parere. Può anche darsi che mi sbagli. Anzi sicuramente.

    ha scritto il 

  • 2

    Non ho letto il libro precedente "La mucca viola" ma il tema di questo è la straordinarietà.
    Degli articoli che costituiscono questa raccolta, ce ne sono stati pochi che mi sono piaciuti realmente o c ...continua

    Non ho letto il libro precedente "La mucca viola" ma il tema di questo è la straordinarietà.
    Degli articoli che costituiscono questa raccolta, ce ne sono stati pochi che mi sono piaciuti realmente o che mi abbiano colpito.
    Per questo ho dato un volto basso: il libro mi ha un po' deluso.
    Per dirla come loro: ha poco dello straordinario!

    ha scritto il 

  • 5

    Seth Godin non si smentisce! Anche questo libro, come il precedente "La mucca viola", è assolutamente ricco di curiosità e spunti di riflessione (e di azione).
    Il tutto in puro stile Seth.
    Magnifico! ...continua

    Seth Godin non si smentisce! Anche questo libro, come il precedente "La mucca viola", è assolutamente ricco di curiosità e spunti di riflessione (e di azione).
    Il tutto in puro stile Seth.
    Magnifico!

    ha scritto il 

  • 4

    Discontinuo ma interessante

    Antologia che riprende il concetto di "mucca viola" reso celebre da Seth Godin, in cui alcuni contributi sono davvero illuminanti e molto stimolanti, altri lasciano il tempo che trovano. Purtroppo non ...continua

    Antologia che riprende il concetto di "mucca viola" reso celebre da Seth Godin, in cui alcuni contributi sono davvero illuminanti e molto stimolanti, altri lasciano il tempo che trovano. Purtroppo non viene indicato l'autore di ogni contributo quindi a meno di non conoscere già bene i singoli autori e poterne riconoscere lo stile risulta difficile esplorare meglio un particolare tema o un argomento.

    Se non avete tempo di leggere sia "La mucca viola" sia "Il ruggito della mucca viola", concentratevi solo sulla mucca viola e lasciate perdere il ruggito, non ve ne pentirete.

    ha scritto il 

  • 4

    In verità cercavo il primo libro di Godin sulla mucca viola, la bibliotecaria però ha trovato solo questo e ho dovuto attendere diversi mesi (!!!) prima che libro fosse disponibile poichè apparentemen ...continua

    In verità cercavo il primo libro di Godin sulla mucca viola, la bibliotecaria però ha trovato solo questo e ho dovuto attendere diversi mesi (!!!) prima che libro fosse disponibile poichè apparentemente passava da un prestito all'altro come un folletto. La cosa mi ha incuriosito ulteriormente!
    Premetto che NON mi occupo di marketing né di economia (in teoria almeno, in pratica collaboro, con lo stesso stile di Becky Bloomwood,con una rivista di economia). In ogni caso NON sono un'economista, nè ho una formazione specifica sulle dinamiche d'azienda o su quello che accade negli uffici. Ho deciso di leggere questo libro per semplice curiosità, legata al titolo, alla copertina, al successo che ha avuto e, in fondo, alla mucca viola in sé e per sé.
    Gli spiccati riferimenti al mondo degli affari mi hanno confuso un po', ma solo all'inizio. Quello che leggiamo in queste pagine è riferibile a tantissimi altri ambiti di azione, tutti quelli che coinvolgono la vita di tutti i giorni, dalle relazioni interpersonali in su. E' un libro che va letto con il giusto assetto mentale e con una buona dose di spirito critico (do' 4 stelline perchè è fortemente "americano" nello stile e nei contenuti)ma in esso si ritrovano spunti interessanti da applicare in tante situazioni oper lo meno su cui riflettere.
    NB. non è vero come dice una recensione più sotto che i proventi arricchiranno gli autori, è chiaramente annunciato nella sovracopertina che il ricavato andrà ad associazioni di volontariato.

    ha scritto il 

  • 3

    Non si parla di taglie...

    Adoro la mucca viola: soprattutto quando si presenta come idea; non male nemmeno quella che , più frequentemente, ricopre il concentrato di calorie che porta il nome di cioccolato.
    Questo raccolt ...continua

    Adoro la mucca viola: soprattutto quando si presenta come idea; non male nemmeno quella che , più frequentemente, ricopre il concentrato di calorie che porta il nome di cioccolato.
    Questo raccolta però l'ho trovata "pezzata" , come normalmente sono i bovini.
    Qualche idea interessante ma sostanzialmente un concetto ripetuto in varie forme.
    Mi ha stupito invece il gruppo dei 33, gli autori di questo volume, "fra le più geniali menti del mondo del business" : circa 12 sono donne ('sti nomi americani...,) : 36% .
    E visto dall'Italia questo 36 sembra pure un gran bel numero....

    ha scritto il