Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il sangue degli innocenti

Di

Editore: CDE

3.7
(515)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 611 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: A000108721 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Il sangue degli innocenti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Este libro, me ha encantado, tres historias con fechas distintas y un mismo fin vengar la sangre de los inocentes, que cada protagonista ve de distinto punto de vista, las bases me han encantado. Y los argumentos, tampoco me ha dejado indiferente. El único pero que tengo, es que en el final de ...continua

    Este libro, me ha encantado, tres historias con fechas distintas y un mismo fin vengar la sangre de los inocentes, que cada protagonista ve de distinto punto de vista, las bases me han encantado. Y los argumentos, tampoco me ha dejado indiferente. El único pero que tengo, es que en el final de la novela te deja muchas incógnitas sin resolver y te queda ese sabor agridulce. Por lo demás perfecto.

    ha scritto il 

  • 5

    LA SANGRE DE LOS INOCENTES

    La verdad es que cada vez que leo algún libro de esta autora disfruto muchísimo. Para mi es una de mis preferidas y el libro me ha encantado.

    ha scritto il 

  • 4

    Historia en 3 épocas diferentes con el nexo de la religión y las muertes, que ésta y sus extremismos produce. Me ha resultado muy entretenida, con un arranque estupendo donde leemos el escrito de un fraile, que va a acompañarnos a lo largo del libro. La segunda parte en la época nazi de gran fuer ...continua

    Historia en 3 épocas diferentes con el nexo de la religión y las muertes, que ésta y sus extremismos produce. Me ha resultado muy entretenida, con un arranque estupendo donde leemos el escrito de un fraile, que va a acompañarnos a lo largo del libro. La segunda parte en la época nazi de gran fuerza, que me hizo recordar en varios de sus pasajes a "Dime quien soy" de la misma autora, y su lectura, al tener tan fresco el anterior libro, le restó un poco de la fuerza que tiene; y un tramo final, quizás el más flojo, pero que te mantiene en vilo hasta el final. En resumidas cuentas, pretende y consigue tenerte entretenido a lo largo de todas sus paginas, lo que es mucho.

    ha scritto il 

  • 4

    Metà del XIII secolo. Mentre il castello di Montsegur, ultimo baluardo del movimento cataro, sta per cadere nelle mani dei soldati cattolici, il domenicano frate Julián - notaio dell'Inquisizione e spia - lotta contro la malattia e i dubbi che tormentano la sua coscienza, ormai incapace di disti ...continua

    Metà del XIII secolo. Mentre il castello di Montsegur, ultimo baluardo del movimento cataro, sta per cadere nelle mani dei soldati cattolici, il domenicano frate Julián - notaio dell'Inquisizione e spia - lotta contro la malattia e i dubbi che tormentano la sua coscienza, ormai incapace di distinguere il vero Dio. Ma ha un compito da portare a termine, affidatogli dalla ricca e potente matrigna che guida in segreto la resistenza dei catari: scrivere la cronaca degli eventi di quei giorni, affinché i posteri conoscano la storia della persecuzione di cui furono oggetto i Buoni Cristiani e l'iniquità di quelli che combattevano per la Chiesa di Roma. Sette secoli dopo, nel 1938, Ferdinand Arnaud, docente di storia medievale all'Università di Parigi, entra in possesso del rotolo di pergamena contenente la Cronaca di frate Julián e ne rimane intimamente sconvolto. Ma, prima di comprendere appieno il significato di quel documento, sarà costretto ad abbandonare la Francia per recarsi a Berlino in cerca della moglie ebrea fatta prigioniera dai nazisti. Passano altri decenni e il sangue degli innocenti torna di nuovo a scorrere. Mentre ad Atene alcuni tra i più potenti uomini della Terra si riuniscono per discutere i propri interessi sotto la copertura del Vertice per lo Sviluppo, un commando di radicali islamici si fa saltare in aria in un cinema di Francoforte, provocando una strage. Sul luogo dell'attentato, gli agenti del Centro antiterrorismo dell'Unione Europea troveranno i frammenti di alcune enigmatiche carte che sembrano ricollegare circostanze apparentemente distanti fra di loro: l'intolleranza dell'Inquisizione, l'orrore nazista, il fondamentalismo islamico. Tutte sciagure che, in un modo o nell'altro, hanno a che fare con una frase di frate Julián: "Un giorno qualcuno vendicherà il sangue degli innocenti". In questo suo ultimo e ambizioso romanzo, Julia Navarro ci trascina in una drammatica quanto affascinante avventura che, attraverso le epoche storiche, scava nelle ragioni del fanatismo e dell'intolleranza religiosa. Un libro che lascia senza fiato e scuote anche le più solide certezze.

    ha scritto il 

  • 4

    8 secoli x una vendetta...

    tre stelle e mezzo...
    Quasi 800 pagine ed alcuni personaggi chiave meriterebbero un finale diverso.
    Ricca di personaggi, talvolta, però, funzionali solo a poche pagine e talvolta caratterizzati da qualche stereotipo.
    Comunque un bella trama che si dipana lungo 8 secoli, con qualche colpo di scena ...continua

    tre stelle e mezzo... Quasi 800 pagine ed alcuni personaggi chiave meriterebbero un finale diverso. Ricca di personaggi, talvolta, però, funzionali solo a poche pagine e talvolta caratterizzati da qualche stereotipo. Comunque un bella trama che si dipana lungo 8 secoli, con qualche colpo di scena finale.

    ha scritto il 

  • 3

    Ma che peccato il finale banale, pensavo chei i dialoghi semplici fossero un modo per far conoscere in modo naturale il contesto degli accadimenti, ma i personaggi che potevano essere usati in modo incisivo per il finale si sono rivelati appannati e poco credibili peccato perche' il romanzo era ...continua

    Ma che peccato il finale banale, pensavo chei i dialoghi semplici fossero un modo per far conoscere in modo naturale il contesto degli accadimenti, ma i personaggi che potevano essere usati in modo incisivo per il finale si sono rivelati appannati e poco credibili peccato perche' il romanzo era iniziato molto bene quanto e' stato deludente il finale. Un menzione per il Prof.Arnaud il personaggio migliore di tutto il romanzo

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro molto interessante, delle volte sembra un po' troppo lungo ma che alla fine mette tutti i pezzi insieme e crea una storia davvero appasionante. Consigliato soprattutto se si ha tempo per leggerlo con pazienza e tempo libero

    ha scritto il