Il sangue di san Gennaro

Voto medio di 157
| 42 contributi totali di cui 38 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
«A Pasqualino, perché aveva sei anni e ogni mattina portava giù l'immondizia, al pescatore monco, perché ammansiva il mare, a santo Strato, perché proteggeva il palazzo e i malati»: a loro Márai dedica il suo «romanzo napoletano», ambientato nella ci ...Continua
cloudbuster
Ha scritto il 23/04/18
Il “Sangue di San Gennaro” è un romanzo italiano di Sandor Marai, scritto a Napoli all’inizio degli anni 50 e ambientato nella città partenopea del dopoguerra, segnata dalla povertà e dalla miseria ma anche da un’incrollabile fede nel “miracolo”, ese...Continua
A Dessy
Ha scritto il 09/01/17

E' stupefacente come questo autore che ha vissuto solo quattro anni a Napoli nell'immediato dopoguerra abbia saputo cogliere appieno le caratteristiche della "napoletanità"

LilyBart
Ha scritto il 08/10/15
Márai, il vento e l'anima
Se mi chiedessero di classificare questo libro mi troverei in difficoltà, non è un romanzo e non è un saggio, Márai ha scritto questo libro dove ci parla di noi, di come siamo dentro tutti, di quello che abbiamo e che ci accomuna. Si ascolta la voce...Continua
Dragoval
Ha scritto il 28/07/14
Vedi Napoli. E poi muori
Gli piaceva molto stare qui. Tutto gli piaceva qui, padre. Diceva che questa era la sua seconda patria, la costa occidentale del Mediterraneo, e il mare… Diceva che soltanto su queste sponde vivono ormai, o vivono ancora, uomini fatti a misura d’uom...Continua
desgi
Ha scritto il 22/07/14
Sacrificio e redenzione
Romanzo poco equilibrato nella struttura formale, con una prima parte in cui l'autore descrive tipici e caratteristici quadretti di vita napoletana, un po' alla maniera di Marotta, ed una seconda in cui, attraverso un'indagine poliziesca, finalmente...Continua

Ivan il terribile
Ha scritto il Dec 03, 2011, 10:43
E' così difficile avvicinarsi alla coscienza degli uomini perché il singolo sfugge alla responsabilità individuale nascondendosi dietro slogan gridati dalle masse. Gli individui oggi si accontentano di partecipare a qualcosa, ma non basta partecipare...Continua
Pag. 256
Ivan il terribile
Ha scritto il Nov 30, 2011, 17:25
un'umanità priva di coscienza individuale e di scrupoli finirà un giorno per annientare se stessa e il mondo, perché non dispone di alcun imperativo morale che possa arrestare il suo cammino verso la distruzione.
Pag. 212
Ivan il terribile
Ha scritto il Nov 25, 2011, 11:08
Tutti quelli che arrivano dall'altra parte della cortina di ferro tengono moltissimo agli accenti.... Si vede che non hanno più nulla, oramai, anzi si sono accorti che senza i loro accenti non sono più quelli che erano prima, quando ancora ce li avev...Continua
Pag. 185
Ivan il terribile
Ha scritto il Nov 25, 2011, 11:00
Le masse annientano l'individuo e poi vengono divorate dai grandi sistemi i quali le considerano alla stregua di materia prima. Uno dei sistemi promette meno libertà e una vita materiale più sicura, mentre l'altro grande sistema riserva molta più lib...Continua
Pag. 222

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi