Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il sangue nero del vampiro

Di

Editore: Newton Compton

3.2
(224)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8854113328 | Isbn-13: 9788854113329 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il sangue nero del vampiro?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Kate McAlliston, giovane studentessa, accetta di lavorare come stagista presso una prestigiosa rivista di moda, "Tasty". Dopo le prime angherie e umiliazioni inferte dalle colleghe e dalla direttrice, Lillian, quando finalmente Kate sta conquistando un piccolo spazio per sé, all'improvviso si trova di fronte a una rivelazione terrificante: l'intero staff della rivista sarebbe composto da vampiri. Incredula, Kate decide di investigare a fondo, con l'aiuto dell'amica Sylvia, per appurare la vera natura dei suoi colleghi. In effetti, tra strane abitudini e sotterfugi rivelatori scoprirà la verità; Lillian è davvero a capo dì un esercito di vampiri. Ma non ha intenzione di lasciare che un testimone possa diffondere la notizia, così Kate sarà costretta con il ricatto ad allearsi con i colleghi e ad aiutare, con le sue doti umane, le forze sovrannaturali nella loro assurda vita.
Ordina per
  • 1

    Dopo aver letto questo "libro" mi sono categoricamente rifiutata di comprare altri libri sui vampiri. "Grazie" a Twilight, ora le librerie pullulano di libri sui vampiri, ed e' il caso di dirlo, uno piu' penoso dell'altro. Questo pero' e' davvero l'apoteosi del nonsense. Non c'ho messo piu' di tr ...continua

    Dopo aver letto questo "libro" mi sono categoricamente rifiutata di comprare altri libri sui vampiri. "Grazie" a Twilight, ora le librerie pullulano di libri sui vampiri, ed e' il caso di dirlo, uno piu' penoso dell'altro. Questo pero' e' davvero l'apoteosi del nonsense. Non c'ho messo piu' di tre giorni a leggerlo, solo perche' volevo disfarmene al piu' presto. Mi ha ferito fisicamente nel profondo. Da evitare assolutamente.

    ha scritto il 

  • 3

    Il sangue nero del vampiro

    Lavorare facendo quello che più ci piace non è il sogno di ognuno di noi?
    Chi non accetterebbe un lavoro interessante e ben retribuito?
    Lo farebbero tutti e Kate, la protagonista de Il sangue nero del vampiro, non è da meno.
    Kate è una ragazza indipendente, è cresciuta praticame ...continua

    Lavorare facendo quello che più ci piace non è il sogno di ognuno di noi?
    Chi non accetterebbe un lavoro interessante e ben retribuito?
    Lo farebbero tutti e Kate, la protagonista de Il sangue nero del vampiro, non è da meno.
    Kate è una ragazza indipendente, è cresciuta praticamente da sola, ha una passione sfrenata per la moda, ereditata dalla madre stilista, scomparsa quando lei era piccola. Kate non solo crea abiti che sono un’esplosione di colore e creatività, ma si cuce i vestiti da sola, abiti originali e trendy ammirati da tutti. La moda, però, le ha procurato problemi durante l’adolescenza: tante sono state le serate passate in solitudine per l’assenza di una madre sempre impegnata con il suo lavoro, un lavoro fatto di sfilate, riunioni ed incontri mondani che le hanno sottratto l’attenzione materna.
    Per esorcizzare la passione per la moda, Kate decide di studiare medicina. Durante le vacanze scolastiche, per guadagnare qualche soldo, anche se molto indecisa, ma convinta soprattutto dalla zia, sorella della mamma e personaggio stravagante quanto simpatico, accetta di lavorare presso una rivista di moda molto importante.

    Il primo giorno di lavoro per la giovane Kate è stressante, ambientarsi, specialmente all’inizio, non è facile per nessuno, ma lei ci mette tutta la sua buona volontà. Essendo una persona solare e simpatica, prova a stringere amicizia almeno con le sue colleghe di scrivania, ma loro, ahimè, si fanno lo sgambetto a vicenda pur di emergere!
    Il suo capo, una donna molto bella, tratta tutti come schiavetti: è la classica strega, che pare non le vada mai bene nulla di quello che i suoi dipendenti fanno.
    Giorno per giorno Kate capisce che in quell’ambiente c’è qualcosa di inquietante, qualcosa che va oltre il semplice arrivismo lavorativo, e cerca di scoprire cosa caspita succede a tutti quanti. Il personale della rivista, soprattutto i pezzi grossi, sono proprio strambi. Sono tutti elegantissimi, perfettissimi, naturalmente vestiti all’ultimissima moda e senza mai un capello fuori posto, ogni loro personale dettaglio è curatissimo e, ciliegina sulla torta, fisicamente sono tutti magrissimi! Insomma gli issimi abbondano!! Oltretutto a parte bere del succo di barbabietola rossa (l’unico alimento di cui, a quanto sembra, tutti si nutrono), Kate non li ha mai visti mangiare. Altra stranezza costoro lavorano solo la sera perché la mattina dormono, comportamento che Kate attribuisce alle troppe a troppe feste che durano quasi tutta la notte .
    La nostra Kate inizia a osservare con attenzione tutti i colleghi, sino a quando scopre che quello che si vede non sempre è quello che è. Che fare poi quando all’interno dell’azienda si consumano alcuni omicidi? La nostra eroina comincia a indagare aiutata da James, fotografo della rivista e ragazzone simpatico che, per fortuna, non sembra avere nulla in comune con il resto dello staff. Al pari di Kate anche James comincia a nutrire dei sospetti e trai due nasce una simpatia che presto sfocia in qualcosa di più serio.
    I protagonisti del sangue nero del vampiro compreso l’intero staff, sono una girandola di personaggi tanto normali all’apparenza quanto anormali all’occorrenza!
    Vi siete abituati ai vampiri di Twiligth o ai meravigliosi guerrieri di J.R. Ward ????
    Bene, scordateveli perché qui sono decisamente diversi! Ce ne sono di buoni, ma anche di molto cattivi, adorano la moda, il potere dei soldi, la fama e il successo… oltre all’onnipresente succo di barbabietola !
    Malizia ed umorismo: sono queste le caratteristiche di una storia scritta con uno stile scorrevole e coinvolgente, che mischia grottesco e ironia, rosa e giallo. Nonostante sia al suo primo romanzo, l’autrice è riuscita a scrivere una storia interessante. Definito un chick lit stile vampiresco “Il sangue nero del vampiro” è un romanzo che consiglio a tutte e che, a parer mio, lascia aperta la porta a un proseguo della storia. Perche si sa… i vampiri non muoiono facilmente, no?

    ha scritto il 

  • 2

    Contrariamente al titolo e alla copertina che può far pensare ad un romanzo da brividi in realtà fa parte di quel genere letterario conosciuto come chick lit (solo in chiave vampiresca). L'ironia è sottile e riguarda a quello che è il mondo della moda dove la protagonista si ritrova a lavorare se ...continua

    Contrariamente al titolo e alla copertina che può far pensare ad un romanzo da brividi in realtà fa parte di quel genere letterario conosciuto come chick lit (solo in chiave vampiresca). L'ironia è sottile e riguarda a quello che è il mondo della moda dove la protagonista si ritrova a lavorare senza averlo desiderato. Per certi aspetti il romanzo potrebbe ricordare il telefilm Ugly Betty e il film Il diavolo veste Prada. Essendo il romanzo ambientato in questo mondo dove essere glamour è la cosa più importante anche la terminologia utilizzata è sullo stesso tono: descrizioni di abiti e accessori, presenza di marche famose e persino gli stessi stilisti. Come ho detto all'inizio non è esattamente una storia da paura ma questo non vuol dire che non ci siano scene un pò più cruenti ma l'autrice trova un modo per sdramatizzare. Il mondo vampiresco si è adattato perfettamente al mondo moderno attenuando per esempio certi aspetti legati alla vecchia tradizione dei vampiri. Solo la parte finale sembra quella più movimentata. Il romanzo seppur con un finale in realtà potrebbe lasciar pensare ad un possibile sequel.

    ha scritto il 

  • 4

    Il sangue è il nuovo nero!

    Bello, divertente, una ventata d'aria fresca che intrattiene il lettore con ottimi requisiti. Un vero peccato la tremenda traduzione del titolo dall'inglese all'italiano che secondo me fa perdere molto, infatti un titolo che voleva dire Il sangue va di moda come andava di moda il nero trasmutato ...continua

    Bello, divertente, una ventata d'aria fresca che intrattiene il lettore con ottimi requisiti. Un vero peccato la tremenda traduzione del titolo dall'inglese all'italiano che secondo me fa perdere molto, infatti un titolo che voleva dire Il sangue va di moda come andava di moda il nero trasmutato in "Il sangue nero del vampiro" mi fa dire: eh ?!
    Da questo romanzo non bisogna aspettarsi nessuna profondità d'animo ne temi particolarmente importanti, lo scopo di questo libro è infatti, secondo me, divertire e dare la possibilità di trascorrere un paio d'ore in totale relax. Io l'ho trovato molto carino per più motivi, uno è indubbiamente lo stile spumeggiante della Stivers, un altro è l'idea innovativa che non relega i vampiri al classico copione ed esce un po' dai canoni del romanzo vampiresco. Anche la cura per i dettagli in fatto di abbigliamento è secondo me un punto forte, che vale però solo per chi è un minimo interessato alla moda, infatti per chi non se ne frega niente potrebbe risultare molto noioso e superfluo fino a rallentare il ritmo del romanzo. Nel complesso bei personaggi bella storia niente di troppo profondo e perfetto per svagarsi un po' !

    ha scritto il 

Ordina per