Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il sapore della felicità

Di

Editore: Leggereditore

3.9
(252)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 400 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8865080779 | Isbn-13: 9788865080771 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Federica Ressi

Disponibile anche come: eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Il sapore della felicità?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Serie: Il quartetto della sposa n.3

Laurel McBane ha sempre fatto affidamento sulle sue amiche, in particolar modo quando il suo sogno di frequentare una scuola di cucina è quasi sfumato a causa dei problemi economici dei genitori. Ora Laurel sta ripagando questo affetto incondizionato con le meravigliose torte che confeziona per rendere
ancora più speciali i ricevimenti dei loro clienti.
Laurel crede nell’amore, almeno in teoria... Ma non si sente minimamente attratta da ciò che di solito cattura le altre donne, non le interessano il lusso, né le comodità. Ciò che desidera più di ogni altra cosa è un uomo intelligente e pieno di carattere: tutto ciò che incarna alla perfezione il fratello maggiore di Parker, Delaney. È l’uomo dei suoi sogni da quando era bambina, ma le sembra irraggiungibile. Inoltre, Delaney è protettivo e amorevole nei suoi confronti e lei è convinta che non varcherà mai la soglia dell’amicizia.
E quando riuscirà a fare il primo passo, perdendosi fra le braccia del suo amato, Laurel dovrà far tacere i propri dubbi e decidere di trasformare un momento di passione in una storia intramontabile.
Ordina per
  • 5

    Lo agarró por el nudo perfecto de su elegante corbata, tiró de él llevándose al paso un mechón de su pelo y lo acercó a su rostro. Y lo besó presionándole los labios, con un beso tórrido, apasionado y furioso que le disparó el corazón cuando su mente le susurró: «Lo sabía».
    Le hizo perder e ...continua

    Lo agarró por el nudo perfecto de su elegante corbata, tiró de él llevándose al paso un mechón de su pelo y lo acercó a su rostro. Y lo besó presionándole los labios, con un beso tórrido, apasionado y furioso que le disparó el corazón cuando su mente le susurró: «Lo sabía».
    Le hizo perder el equilibrio, aposta, hasta que Del terminó asiéndola con fuerza por la cadera durante un instante glorioso.
    Laurel se abandonó. Quería saborear a ese hombre, absorberlo. Sabores y texturas, fuego y pasión al alcance de la mano. Se sació de él, como quería, y luego lo apartó de un empujón.
    -Ya está. - Se echó hacia atrás el cabello con la mirada de él clavada en sus ojos-. El cielo no se ha desplomado, el mundo sigue girando, no nos ha partido un rayo ni hemos bajado a los infiernos. No soy tu maldita hermana, Delaney. Con esto queda claro.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo un po' meglio dalla Roberts. Sinceramente un po' scialbino. Non ho letto gli altri della serie e non ne ho nemmeno voglia o curiosità. I protagonisti non mi hanno catturata, la trama un po' noiosa e piatta, insomma non succede nulla. La descrizione della preparazione dei dolci se all ...continua

    Mi aspettavo un po' meglio dalla Roberts. Sinceramente un po' scialbino. Non ho letto gli altri della serie e non ne ho nemmeno voglia o curiosità. I protagonisti non mi hanno catturata, la trama un po' noiosa e piatta, insomma non succede nulla. La descrizione della preparazione dei dolci se all'inizio può essere carina alla fine è ripetitiva. Purtroppo anche la storia d'amore non è un granché...insomma non succede nulla di nulla.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Due stelle e mezzo

    Questo terzo capitolo della serie, è meglio del secondo ma non al livello del primo.
    Il problema principale è che la storia segue lo stesso schema per tutti e tre i libri.
    I personaggi, a parte Carter, sembrano fatti con lo stampino. Del è molto simile a Jack, con un pochino più di ca ...continua

    Questo terzo capitolo della serie, è meglio del secondo ma non al livello del primo.
    Il problema principale è che la storia segue lo stesso schema per tutti e tre i libri.
    I personaggi, a parte Carter, sembrano fatti con lo stampino. Del è molto simile a Jack, con un pochino più di carisma (infatti, i due qui si scambiano i ruoli). Laurel, se non altro, è meglio di Emma (ma ci voleva poco ^.*); mi piace quella sua apparente durezza, quel suo menefreghismo, ma ha un background familiare molto simile a quello di Mac, per cui ne derivano analoghi problemi nel rapporto di coppia (non per niente Linda, la madre di Mac, torna a far danni).
    Le amiche qui sono meno invadenti, anche perché la crisi amorosa avviene solo verso la fine del libro e non hanno avuto tempo d’intervenire con i loro pessimi consigli.
    Tra l’altro quest’amicizia perfetta tra le quattro mi lascia un po’ perplessa. Primo perché è un po’ troppo inverosimile (non litigano mai, non hanno mai un piccolo screzio), secondo la trovo un po’ soffocante, cioè queste lavorano assieme, vivono praticamente nella stessa casa, fanno palestra assieme, vanno in vacanza assieme, in sostanza vivono assieme 24 ore su 24… aiuto, io impazzirei!

    ha scritto il 

  • 5

    Ho letto il terzo e il quarto libro in un giorno e mezzo, mi spavento da sola. In questi momenti non mi sento normale, però sono state delle letture fantastiche e non riuscivo a staccarmi.
    Nel "Il sapore della felicità" troviamo come protagonista Laurel McBane, non ha avuto una vita molto f ...continua

    Ho letto il terzo e il quarto libro in un giorno e mezzo, mi spavento da sola. In questi momenti non mi sento normale, però sono state delle letture fantastiche e non riuscivo a staccarmi.
    Nel "Il sapore della felicità" troviamo come protagonista Laurel McBane, non ha avuto una vita molto facile, ed è riuscita a realizzare il suo sogno grazie all'aiuto della signora G.
    Lei è un ottima pasticcera, le sue torte sono meravigliose, e riesce sempre ad accontentare tutte le sue clienti, realizzando la torta perfetta per ogni sposa. Riesce a catturare l'essenza di ognuno.
    Tecnicamente crede nell'amore, ma non è come tutte le altre donne, non vuole ne la ricchezza, ne il ceto sociale, o la comodità, vuole un uomo intelligente, simpatico.
    Fin da bambina è innamorata di Delaney Brown, il fratello della sua amica Parker, ma lo trova irraggiungibile, sopratutto per via del suo comportamento nei confronti di lei, sempre protettivo e amorevole, come se fosse sua sorella.
    Ma mai avrebbe immaginato che anche lui provasse la stessa attrazione.
    Laurel è una ragazza che da fuori può sembrare forte, ma che in realtà nasconde molte insicurezze.
    Ha paura di non essere all'altezza dell'uomo di cui è innamorata. E' ha paura che Del non provi quello che lei prova.
    Del invece è Del, affascinante e divertente. All'inizio non vuole lasciarsi andare con Laurel, non vuole farla soffrire, ma poi non riesce a resistere alla sua dolcezza e alla sua passione. E finisce per innamorarsi di quella pasticcera dalla mani d'oro.
    La storia non è delle più originali, ma il contesto in cui è messo, e tutti i personaggi rendono tutto originale e emozionante.
    E' bello vedere come vanno le cose tra Mac e Carter, Jack e Emma, Parker, la signora G tutti loro insieme sono una bellissima famiglia.
    Mi mancheranno questi personaggi, e mi mancherà ancora di più l'organizzazione dei matrimoni.
    Vi consiglio questi bellissimi libri, vi innamorerete di queste 4 amiche.

    ha scritto il 

  • 3

    mi aspettavo qualcosa in più...rispetto ai primi due della quadrilogia l'ho trovato troppo scontato e poco approfondito.
    E' vero che i due protagonisti si conoscono da una vita e non hanno bisogno di conoscersi....ma noi lettori?? Si che avevamo bisogno di conoscerli meglio! Peccato...spero ...continua

    mi aspettavo qualcosa in più...rispetto ai primi due della quadrilogia l'ho trovato troppo scontato e poco approfondito.
    E' vero che i due protagonisti si conoscono da una vita e non hanno bisogno di conoscersi....ma noi lettori?? Si che avevamo bisogno di conoscerli meglio! Peccato...spero in una ripresa nell'ultimo!

    ha scritto il 

  • 3

    El tercer libro de esta saga, me quedo a deber, espera mucho de esta pareja, pero creo que la autora así lo quizó hacer, como que simple, que no es tan complicado hacer la transición de conocerse toda la vida ser amigos y brincar a ser pareja, pero sinceramente Del como protagonista masculino y p ...continua

    El tercer libro de esta saga, me quedo a deber, espera mucho de esta pareja, pero creo que la autora así lo quizó hacer, como que simple, que no es tan complicado hacer la transición de conocerse toda la vida ser amigos y brincar a ser pareja, pero sinceramente Del como protagonista masculino y príncipe azul le falto.
    para pasar un rato, se lee súper rápido y pues para los seguidores de la saga no esta mal, pero hasta ahorita el más flojo para mi gusto.

    ha scritto il 

  • 2

    C'erano una volta quattro amiche che si volevano tanto tanto bene. Vivevano praticamente assieme sin da piccole, ma poi la vita ci si mise di mezzo e loro andarono in giro per il mondo a studiare e a cercare di farsi una vita propria. Ma erano così tanto amiche e si volevano così tanto bene, che ...continua

    C'erano una volta quattro amiche che si volevano tanto tanto bene. Vivevano praticamente assieme sin da piccole, ma poi la vita ci si mise di mezzo e loro andarono in giro per il mondo a studiare e a cercare di farsi una vita propria. Ma erano così tanto amiche e si volevano così tanto bene, che si organizzarono in maniera tale da poter di nuovo lavorare e vivere assieme.
    Hanno infatti fondato "Promesse" la ditta più spaventosa che ci sia... una agenzia che organizza matrimoni. Dato che una è una bravissima fioraia, l'altra una fotografa meravigliosa, la terza è una maniaca del controllo e quindi organizza il tutto che nemmeno le risse tra madri e matrigne della sposa le rovinano la tabella di marcia (le prevede!), restava vacante solo il posto per la magica cuoca di dolci incredibili, ed ecco Laurel, la protagonista di questo libro.
    Sistemate Mec (la fotografa) e Emma (la fioraria), con chi piazziamo Laurel? Beh, c'è Del, che è il fratello di Parker (la maniaca del controllo) ed è un fratellone così bravo ma così bravo da cedere l'uso della magione di famiglia alla ditta degli orrori matrimoniali, in maniera tale che queste il lavoro lo fanno a casa, avendo la location perfetta per cerimonie, feste e dopofeste matrimoniali.

    In tutto questo mondo idilliaco (mai una lite, mai una cosa che vada storta e non dico rovini la loro amicizia, ma men che meno crei un attrito minimo tra di loro) si inseriscono perfettamente e di nuovo senza problemi gli uomini della loro vita, il goffo professore Carter, l'architetto tentennante Jack, e ora l'avvenente avvocato Del.

    E ci vuole equilibrismo in questa situazione, dato che Del, che è fratello di Parker (quella che organizza i matrimoni) e amore segreto di Laurel (la realizzatrice di torte) sin dall'infanzia, è socio silenzioso di Promesse e iperprotettivo fratello adottivo/putativo di tutte, il che mi sa di vagamente incestuoso anche se indirettamente, che poi è l'unica cosa un poco interessante di questo libro che, come il secondo, si svolge senza drammi e senza problemi se non quelli che Laurel riesce a procurarsi da sola dato che è affetta da problemi di insicurezza cronici dovuti a una tragica (si fa per dire) infanzia. Problemi che puntualmente scaraventa sul povero Del che non ci capisce niente, ovviamente. Ma del resto è un uomo, che ci può fare. Tutte e dico tutte e tre le altre capiscono tutto, e gli danno torto in blocco perché lui poverino è un uomo. Ma di dargli un consiglio, manco per idea. Sarebbe violare una regola della sacra amicizia tra donne.

    Il libro è all'acqua di rose. La trama è la stessa dei primi due, e sarà la stessa anche nel quarto. Qui non sono le singole storie a essere importanti, ma il ritratto di questa amicizia perfetta che coinvolge le quattro ragazze. Gli uomini che girano attorno al nucleo affettivo sono scelti accuratamente per non mettere a rischio il rapporto più importante che non è quello d'amore di ogni coppia, ma quello di amicizia tra loro. Quindi che cosa ci può essere di meglio di Del, fratello di una, amore incompreso di un'altra, amico delle altre due e dei rispettivi compagni? Nessuno. Infatti l’amore sboccia (e tanto per dire già stanno tirando dentro anche il quarto maschietto, per sistemare Parker. Ed è stato scelto accuratamente per non rischiare di rovinare l’equilibrio perfetto di questa rocca dell’amicizia).

    C'è una scena secondo me anche troppo rivelatrice, ed è quella in cui Laurel dice a Parker che Del vende casa sua per tornare a vivere in villa (dove vivono già le altre due coppie fisse, caso strano di uomini che si trasferiscono in comune per amore) e Parker piange di gioia perché così la vita può continuare uguale, il legame simbiotico tra loro amiche non si spezzerà.

    A me ha spaventato, sta cosa, ma pare meraviglioso al resto del mondo quindi probabilmente va bene.

    ha scritto il