Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il secolo breve

1914-1991

By E.J Hobsbawm

(1261)

| Paperback | 9788817259019

Like Il secolo breve ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Con questo saggio Eric J. Hobsbawm delinea un panorama esauriente della storia del ventesimo secolo. Il secolo, per molti aspetti, più violento della storia dell'umanità: ben due guerre mondiali. Ma il ventesimo secolo è stato caratterizzato anche da Continue

Con questo saggio Eric J. Hobsbawm delinea un panorama esauriente della storia del ventesimo secolo. Il secolo, per molti aspetti, più violento della storia dell'umanità: ben due guerre mondiali. Ma il ventesimo secolo è stato caratterizzato anche dall'emancipazione femminile, dal progresso scientifico, dalle rivoluzioni nella società e nella cultura. Un "secolo breve" per l'accelerazione sempre più esasperata impressa agli eventi della storia e alle trasformazioni nella vita degli uomini.

116 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Uno sguardo lucido su un periodo complicatissimo.
    Verrebbe da dire che questo libro sia stato scritto soprattutto per se stesso, da un uomo appassionato che a un certo punto della sua vita si è seduto di fronte a un mare di appunti, carte sparse, cas ...(continue)

    Uno sguardo lucido su un periodo complicatissimo.
    Verrebbe da dire che questo libro sia stato scritto soprattutto per se stesso, da un uomo appassionato che a un certo punto della sua vita si è seduto di fronte a un mare di appunti, carte sparse, castelli da ricostruire.

    Se invece è il libro di uno storico, quel che riporta narra le vicende di un tempo assurdo, e le 600 pagine di narrazione non possono essere altro che un semplice riassunto di un secolo isterico.

    Is this helpful?

    Baltic Man said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Se si riesce a salvaguardare la libertà, si può sempre sperare.

    Il saggio di Hobsbawm deve la sua grande notorietà alla felice intuizione del titolo. Si tratta comunque di un capolavoro della saggistica. Non è propriamente un manuale di storia. E’ un grande “affresco” scritto, a mio avviso, con uno stile giornali ...(continue)

    Il saggio di Hobsbawm deve la sua grande notorietà alla felice intuizione del titolo. Si tratta comunque di un capolavoro della saggistica. Non è propriamente un manuale di storia. E’ un grande “affresco” scritto, a mio avviso, con uno stile giornalistico. Nel senso che sembra un immenso articolo che descrive il Novecento in modo erudito ma, contemporaneamente, discorsivo.
    Questo rende la lettura piacevole e scorrevole ma, attenzione!, allo stesso tempo richiede una buona conoscenza dei fatti e delle situazioni per essere pienamente compresa. L’autore distribuisce spunti storici ed economico-politici, collegamenti artistici e culturali, escursioni temporali, paragoni geopolitici, ma ovviamente dà per scontato che il lettore sappia di ciò di cui si parla. Il punto di osservazione è evidentemente influenzato dalle opinioni dell'autore, ma nello stesso tempo è quello di uno storico che osserva i fatti descritti con uno sguardo ampio e "dall'alto". Mirabile, a questo proposito, la descrizione dei cosiddetti "anni di piombo" italiani, che oggettivamente hanno un'influenza nulla sul corso della storia, al di la' delle terribili sofferenze delle vittime e dei loro familiari.
    Il “secolo breve” è una denominazione efficacissima. Il Novecento si caratterizza, infatti, per un concentrato di eventi “da brividi”. La distinzione tra la prima fase (1918-1945) e la seconda (1945-1991) è più apparente che reale. Si tratta di due facce della stessa medaglia, quella del dominio delle grandi ideologie nella storia umana. Così com’è del tutto superata (e ciò è ormai riconosciuto da quasi tutti gli storici) la distinzione tra prima e seconda guerra mondiale. Si tratta in realtà di un unico gigantesco conflitto planetario, in cui il ventennio tra il 1918 e il 1938 non è stato altro che un periodo transitorio volto a preparare una distruzione ancora più terribile di quella condotta, in modo quasi incosciente, forse persino idiota, nel corso della cosiddetta Grande Guerra.
    Il “secolo breve” ormai è alle nostre spalle, ma se apriamo la finestra di casa e lo scrutiamo come se osservassimo un paesaggio, vedremmo ancora nitide le contraddittorie immagini di dolore e felicità, sentiremmo ancora vividi gli odori di morte e di festa, udiremmo ancora distintamente le urla di strazio e i canti di gioia.
    Osservare il “secolo breve” provoca un lancinante senso di sgomento. Non saprei se questa emozione è più forte quando si considera l’età della catastrofe (1914-1945), sicuramente gli anni più bui dell’intera storia dell’umanità: il solo pensare che i nostri nonni, ossia persone ancora vive nella nostra mente e nei nostri cuori possano aver vissuto una tal epoca fa star male. Oppure se il senso di sgomento è persino più intenso quando si considera l’età dell’oro (1945-1991), ossia gli anni del boom economico e quindi della diffusione del benessere e della democrazia, almeno nel mondo occidentale e in Italia: il solo pensare che i nostri figli probabilmente non potranno più avere un’epoca di pace e benessere come questa appena trascorsa produce angoscia.
    La speranza, a ogni buon conto, è una virtù che non possiamo che coltivare. Come dice Leo Valiani (citato da Hobsbawm all’inizio del libro) “il Novecento prova che la vittoria degli ideali di giustizia e uguaglianza è sempre effimera, ma, se si riesce a salvaguardare la liberta, si può, tuttavia, ricominciare da capo … non bisogna disperare, neppure nelle situazioni più disperate.”

    Is this helpful?

    Ferro said on May 22, 2014 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    "Tout comprendre c'est tout pardonner". E'quanto di più difficile si possa fare per questo secolo che ci siamo lasciati alle spalle.

    Ma penso sia stata la filosofia dell''800 che ha alimentato le speranze dell'umanità in un mondo giusto e buono. Pot ...(continue)

    "Tout comprendre c'est tout pardonner". E'quanto di più difficile si possa fare per questo secolo che ci siamo lasciati alle spalle.

    Ma penso sia stata la filosofia dell''800 che ha alimentato le speranze dell'umanità in un mondo giusto e buono. Potevamo pensare che nonostante tutto quello che si era detto si potesse assistere ad un tale spettacolo?

    Is this helpful?

    Mauriziaberenice said on May 3, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    capolavoro

    Il migliore libro di storia del novecento, con una brillantissima analisi della rivoluzione cinese in tutte le sue fasi. Da leggere

    Is this helpful?

    Umberto Stradella said on Nov 13, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    non finito

    solo perché richiede una lettura attenta e offre un miliardo di spunti di ricerca. Lo riprenderò con un po' di calma.

    Is this helpful?

    Renata Comandini said on Jul 23, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book