Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il secolo dei lumi

Di

Editore: Sellerio (La memoria; 519)

4.3
(103)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 478 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8838917264 | Isbn-13: 9788838917264 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Angelo Morino

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace Il secolo dei lumi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
All'alba della rivoluzione cubana, Alejo Carpentier lavora a scrivere un romanzo sugli effetti della rivoluzione francese nel bacino dei Caraibi e, al centro degli eventi, recuperandolo da oscure pagine di storia, colloca il personaggio di Victor Hugues. Il giovane, sospinto dal vento delle passioni, arriva nell'isola negli ultimi anni del Settecento e porta con sé gli ideali di giustizia e libertà. "Mi si domanderà - dice l'autore - perché ho ricercato un'azione situata in tale periodo storico. Dirò che, avendo studiato in profondità i costumi e le idee di quel momento di preludio al Romanticismo, mi è parso di individuare una grande coincidenza fra gli aneliti di quest'epoca e quelli degli uomini del nostro secolo."
Ordina per
  • 5

    La macchina del tempo

    Rivoluzione francese nelle Antille, esistenzialismo magico, romanzo storico di guerre, ghigliottine ed epidemie, fatti di sangue, d'amore e di armi nell'universo coloniale. Laddove ogni cosa ha un ...continua

    Rivoluzione francese nelle Antille, esistenzialismo magico, romanzo storico di guerre, ghigliottine ed epidemie, fatti di sangue, d'amore e di armi nell'universo coloniale. Laddove ogni cosa ha un nome o ne va in cerca, in un tempo di spettri e di decapitazioni, Carpentier istituisce un legame profondo tra realtà e linguaggio, alterandone i confini e sublimando la tragicità del quotidiano in una rappresentazione creola e meticcia del mondo e dell'umano, sempre in bilico tra classicità e altezze barocche. I suoi personaggi hanno qualcosa di eterno, danzano con un desiderio di viaggio e di avventura che nella tempesta non si placa, si rigenera e trova nuovi simboli cui aspirare. E' un romanzo che si legge in un respiro e ci si scopre, bene o male, ancora affamati di racconti, di analogie e di parole.

    ha scritto il 

  • 4

    Obra magna de la literatura hispanoamericana. Todo un referente, que encierra una compleja y profunda reflexión sobre las ideas de la revolución francesa en las Antillas. Detalla muy bien como el ...continua

    Obra magna de la literatura hispanoamericana. Todo un referente, que encierra una compleja y profunda reflexión sobre las ideas de la revolución francesa en las Antillas. Detalla muy bien como el idealismo naufraga irremediablemente cuando es llevado a la práctica; dejando en su camino una estela de desamparo, de ruina, de dolor y de asfixia.

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo molto particolare, principalmente per lo stile narrativo: un pò prolisso e ampolloso, mi è però sembrato molto poetico e coinvolgente e diverso dal modo di scrivere di tanti altri ...continua

    Romanzo molto particolare, principalmente per lo stile narrativo: un pò prolisso e ampolloso, mi è però sembrato molto poetico e coinvolgente e diverso dal modo di scrivere di tanti altri scrittori. Bella la trama, che apre uno squarcio su un'epoca (quella della rivoluzione francese)e un'ambientazione (le Antille) da me poco toccata nelle mie letture; i personaggi sono interessanti, anche se (forse ad eccezione di Victor, Sofia ed Esteban) mi sono sembrati poco approfonditi, ma in effetti probabilmente questo è più un romanzo di ambiente e di scenari, che non di singoli personaggi. E' un romanzo storico? non so, ma ho l'impressione che prevalga l'invenzione narrativa piuttosto che la descrizione degli eventi.

    ha scritto il 

  • 3

    Ma a parte la scrittura?

    Scritto benissimo con uno stile caraibico, florido e lussureggiante, e pure magistralmente tradotto. Ma a parte la scrittura? Se l'autore non fosse stato così bravo nell'uso della parola, che ne ...continua

    Scritto benissimo con uno stile caraibico, florido e lussureggiante, e pure magistralmente tradotto. Ma a parte la scrittura? Se l'autore non fosse stato così bravo nell'uso della parola, che ne sarebbe stato di questa storia? Victor Hughes ci piace ma il romanzo, secondo me, descrive bene ma interpreta poco lo spirito del tempo che racconta.

    ha scritto il 

  • 5

    Romanzo stupendo e sontuoso, in cui le vicende storiche e quelle dei personaggi d'invenzione sono fuse senza sbavature e senza schematismi riduttivi. La natura lussureggiante del Mediterraneo ...continua

    Romanzo stupendo e sontuoso, in cui le vicende storiche e quelle dei personaggi d'invenzione sono fuse senza sbavature e senza schematismi riduttivi. La natura lussureggiante del Mediterraneo Caraibico, sfondo geografico che in alcune pagine assurge al ruolo di protagonista, assiste alle convulsioni apparentemente fallimentari o per lo meno effimere di alcuni uomini intenzionati a sovvertire lo stantio ordine costituito della fine del Settecento. Mimando, con una lieve ma avvertibile discrasia cronologica, quanto avveniva in Europa anche in quest'area le parole d'ordine cambiano repentinamente (il caso più clamoroso è quello della schiavitù degli Africani, abolita e poi ripristinata nei territori francesi nel giro dei pochi anni in cui vigeva il calendario repubblicano). Ai singoli la scelta di adeguarsi o contrapporsi alla corrente degli eventi: ma per l'una e l'altra opzione ciò significa, con tragica ironia, finire per combattere ciò in cui si era sinceramente e appassionatamente creduto. Eppure non tutto è stato vano, perché dal panorama di quelle rovine si annuncia un'altra stagione: quella dei Libertadores dell'America latina.

    ha scritto il 

  • 5

    La rivoluzione francese in salsa caraibica. Prendendo spunto da un personaggio realmente vissuto,che da semplice commerciante divenne prima l'alter ego di Robespierre nelle Antille e poi un cinico ...continua

    La rivoluzione francese in salsa caraibica. Prendendo spunto da un personaggio realmente vissuto,che da semplice commerciante divenne prima l'alter ego di Robespierre nelle Antille e poi un cinico discepolo della restaurazione,Carpentier gli fa ruotare intorno la storia di due cugini cubani che con ardore diverso vivono la rivoluzione e si troveranno sulle barricate di Madrid per scacciare l'invasore francese. Stile barocco,avventure,storia,eroismi,amori,che volere di più da un romanzo?

    ha scritto il 

  • 5

    Caribe revolucionario

    Una obra mayúscula en las que forma y fondo consiguen bailar acompasados. El barroquismo furibundo, en un derrolche descriptivo y orgiástico, se conjuga con una trama que funciona a dos niveles: la ...continua

    Una obra mayúscula en las que forma y fondo consiguen bailar acompasados. El barroquismo furibundo, en un derrolche descriptivo y orgiástico, se conjuga con una trama que funciona a dos niveles: la intimidad del rito iniciático a la edad adulta y la 'Gran Historia' representada pro al Revolución Francesa. 'El siglo de las luces' nos transporta al Caribe de los estertores del Antiguo Régimen donde comienzan a llegar las ideas revolucionarias que agitan el Viejo Continente. A través de los pasos del trío protagonista asistimos a una de esas novelas que te capturan en una densa red de aromas, temperaturas y colores, de pasiones, traiciones y singladuras. Una obra maestra que, además, resulta tremendamente adictiva y que presenta singulares identificaciones con procesos revolucionarios posteriores (Cfr. revolución castrista).

    ha scritto il 

  • 3

    La scrittura di Carpentier è bellissima e affascinante. I primi capitoli del libro con la storia dei tre cugini all'Avana fa sperare in un grande libro: purtroppo nella parte centrale (e più ...continua

    La scrittura di Carpentier è bellissima e affascinante. I primi capitoli del libro con la storia dei tre cugini all'Avana fa sperare in un grande libro: purtroppo nella parte centrale (e più corposa) con il solo Esteban la narrazione si perde e fatica a procedere. E'uno di quei libri che dici "peccato" perchè sarebbbe bastato poco per renderlo bellissimo

    ha scritto il 

  • 4

    De formas barrocas, "El Siglo de las Luces" narra de forma magistral, el advenimiento de las ideas esenciales de la revolución francesa a los territorios caribeños. Lo hace a través de la historia ...continua

    De formas barrocas, "El Siglo de las Luces" narra de forma magistral, el advenimiento de las ideas esenciales de la revolución francesa a los territorios caribeños. Lo hace a través de la historia de Sofía, Carlos y Esteban tres adolescentes burgueses que simpatizan con las ideas jacobinas y francmasónicas. Pero al mismo tiempo "El siglo de las Luces" haciendo uso de una serie de imágenes atroces profundiza en un contexto histórico para dejar patente la hipocresía de una época, la ironía de la que está preñada la historia.

    ha scritto il 

  • 0

    Caratteristica di Carpentier, poeta cubano, è nei suoi romanzi la trasfigurazione degli aspetti della vita e della storia in simboli del destino umano, usando forme fantastiche e allegoriche e ...continua

    Caratteristica di Carpentier, poeta cubano, è nei suoi romanzi la trasfigurazione degli aspetti della vita e della storia in simboli del destino umano, usando forme fantastiche e allegoriche e ricorrendo al monologo interiore

    ha scritto il