Il segreto della guglia

Di

Editore: Bompiani (Tascabili, 62)

4.1
(35)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 162 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000044418 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Decio Cinti ; Illustrazione di copertina: Kenji Sumura

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il segreto della guglia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Nel 2004 sono anche stata nella zona della Normandia dove si trova la guglia, avrei dovuto rileggermi questo romanzo per l'occasione, ma purtroppo non ci ho pensato. Però mi ha fatto piacere scoprire ...continua

    Nel 2004 sono anche stata nella zona della Normandia dove si trova la guglia, avrei dovuto rileggermi questo romanzo per l'occasione, ma purtroppo non ci ho pensato. Però mi ha fatto piacere scoprire che da quelle parti Lupin è un personaggio del folklore locale, con locali "ambientati" a mo' dei romanzi di Leblanc.

    ha scritto il 

  • 5

    "gli oggetti se ne vanno, altri ne vengono[...] Qui c'è solo il meglio del meglio del meglio"

    Leggere Lupin è sempre una soddisfazione, l’ironia e la nonchalance del personaggio lo rendono speciale e irresistibile.
    La presenza del detective liceale, non può ora come ora, non richiamarci a un c ...continua

    Leggere Lupin è sempre una soddisfazione, l’ironia e la nonchalance del personaggio lo rendono speciale e irresistibile.
    La presenza del detective liceale, non può ora come ora, non richiamarci a un certo Shinici Kudo, noto ai più come Detective Conan, tuttavia la figura di Isidore Beautrelet è più vicina a quella di un appassionato, che quella di un poliziotto; Per sua ammissione si dedica al caso del furto al conte Gesvres perché aveva la settimana libera, e resta sempre stupito dai prodigi che compie Lupin.
    Considerato, e credo a ragione, un dei apici delle avventure del ladro gentiluomo Il segreto della guglia la presentazione del caveau di Lupin è meravigliosa, non ci si aspetterebbe nulla di meno da Lui.

    -Bellissime copie!- disse Beautrelet. Lupin lo guardò, meravigliato.
    -Copie?... Ah. Come siete ingenuo, mio caro Beautrelet. Le copie di questi quadri sono a Firenze, a Venezia, a Madrid, a Monaco, ad Amsterdam!
    .

    La struttura della storia, lo svolgimento delle eventi, non tradisce la struttura la struttura “a puntate” anzi lo avvicina molto di più ad una Pièce teatrale, godibilissima
    La conclusione è davvero bella, non come ce la si aspetterebbe da quell’ironia di Arsène, ma per questo è forse uno dei romanzi più belli, sebbene io preferisca sempre il finale divertente e allegro tipico del personaggio.
    Un libro stupendo, che possiamo leggere grazie all’impegno della Excelsior, e che va letto.

    ha scritto il 

  • 5

    Grazie all'Excelsior 1881 per aver ristampato questi introvabili Leblanc, spero davvero che proseguano completando il ciclo di Lupin: la grafica è molto curata, la copertina elegante, ho davvero appre ...continua

    Grazie all'Excelsior 1881 per aver ristampato questi introvabili Leblanc, spero davvero che proseguano completando il ciclo di Lupin: la grafica è molto curata, la copertina elegante, ho davvero apprezzato (eccetto alcuni piccoli nei: qualche refuso - soprattutto una piccola svista nella traduzione del codice segreto su cui si incentra tutto il libro - e l'italianizzazione del nome di Lupin).

    Venendo, in particolare, a Arsène Lupin e il segreto della Guglia:

    colpi di scena, paesaggi suggestivi (con un'atmosfera un po' più gotica e un po' meno Belle Epoque che in altri Lupin), un misterioso documento tramandato di secolo in secolo, il duello avvincente fra il ladro gentiluomo e Beautrelet, con Ganimard e Herlock Sholmes sullo sfondo....

    Tutto ciò rende il romanzo, che ho divorato in un giorno e mezzo, assolutamente imperdibile, uno dei migliori di Leblanc (fra quelli che ho letto).

    Il ladro gentiluomo ha qui 35 anni e, considerata la sua precocità, un curriculum di tutto rispetto alle spalle; possiede inoltre alcuni punti di forza segreti (per non anticipare troppo...), che gli permettono di avere la meglio sul giovanissimo e geniale Beautrelet.

    Sholmes più antipatico che mai.

    ha scritto il 

  • 5

    Adoro le avventure del ladro gentiluomo. L'autore ha la capacità di rendere plausibile tutto quello che viene raccontato anche le cose più mirabolanti. Ho letto il libro tutto di un fiato anche se il ...continua

    Adoro le avventure del ladro gentiluomo. L'autore ha la capacità di rendere plausibile tutto quello che viene raccontato anche le cose più mirabolanti. Ho letto il libro tutto di un fiato anche se il vero protagonista è forse il giovane Beautrelet che sta indagando su un misterioso omicidio avvenuto in un castello francese dove numerosi oggetti d'arte sono stati sostituiti da eccellenti copie.
    Arsenio mantiene la sua capacità di saper stupire chiunque, dato che per lui è normale viaggiare in un sottomarino oppure rendere abitabile uno sperone roccioso battuto dalle onde del mare.
    Vorrei tanto che venisse pubblicata l'intera raccolta come già sucesso per le opere di Agatha Christie e Georges Simenon.

    ha scritto il 

  • 4

    Un Classico d'altri tempi

    Finalmente sono riuscito a leggere un libro di Arsenio Lupin. Ero spariti dal commercio da un po' quando curiosando in una libreria è comparsa questa ristampa.
    Il libro è piacevole e ben scritto. A tr ...continua

    Finalmente sono riuscito a leggere un libro di Arsenio Lupin. Ero spariti dal commercio da un po' quando curiosando in una libreria è comparsa questa ristampa.
    Il libro è piacevole e ben scritto. A tratti ho avuto la senzazione che i vari momenti della trama fossero un po' slegati, ma il ritmo non è mai calato.
    Un libro siscuramente da leggere per conosce il più famoso criminale della letteratura.

    ha scritto il