Il segreto delle gemelle. Fairy Oak

Di

4.0
(1239)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 277 | Formato: Altri

Isbn-10: 8841870001 | Isbn-13: 9788841870006 | Data di pubblicazione: 

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il segreto delle gemelle. Fairy Oak?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    RECENSIONE A CURA DI ANTONIETTA MIRRA PER IL BLOG L'AMICA DEI LIBRI

    Fairy Oak è un saga davvero emozionante e dedicata agli animi più nobili e dolci che anche da adulti amano le storie in cui la dolcezza e la magia sono le protagoniste.
    Elisabetta Gnone racconta con m ...continua

    Fairy Oak è un saga davvero emozionante e dedicata agli animi più nobili e dolci che anche da adulti amano le storie in cui la dolcezza e la magia sono le protagoniste.
    Elisabetta Gnone racconta con morbidezza e armonia una storia che pullula di personaggi e di affascinanti creature figlie della luce e del buio.
    Fairy Oak è un villaggio immaginario dove vivono esseri magici e non magici in una comunione fraterna e solidale che non prevede macchia alcuna.
    Questo significa che uomini e creature magiche convivono nell’assoluto rispetto e nella più totale solidarietà sia nell’animo che nell’aspetto fisico perché esternamente gli uni non si distinguono dalle altre se non per i loro poteri.
    La storia è narrata come un racconto attraverso le parole di un personaggio comprimario, la fatina Felì, chiamata dalla più famosa strega del paese, di nome Tomelilla, per occuparsi delle sue due nipotine.
    A Fairy Oak vivono grandi e piccini, umani e magici e c’è l’usanza che alcune famiglie possano avere una fatina che si occupi dei bambini e li aiuti a crescere seguendoli nella quotidianità della loro maturazione.
    E’ proprio questo il caso delle due protagoniste, Vaniglia e Pervinca. La strega Tomelilla è la loro nonna e la fatina Felì deve occuparsi proprio di loro. E’ sua la voce narrante che attraverso i giochi della memoria ci porta a scoprire lentamente tutti i segreti ed i risvolti riguardanti l’esistenza delle due bambine.
    Naturalmente Vaniglia e Pervinca non sono creature come tutte le altre ma sono magiche!
    Una è strega del buio, l’altra strega della luce. Sono legate e complementari e ancor di più, sono gemelle!
    Lacci di rovi, mani di vento che infliggete dolore e tanto spavento, colui che rapite è una bimbetta, che mai fu colpevole d’esser streghetta! Il vostro padrone è caduto in errore, troppo preso a devastare e portare terrore.
    Questo non significa che siano uguali in tutto. Anzi i loro caratteri e le loro predisposizioni sia personali che nei rapporti con gli altri si mostrano eccezionalmente differenti, evitando quindi che il risultato sia la copia esatta l’una dell’altra.
    Una storia piena di colore, di odori e di incanto. Certo, è una lettura consigliata ai bambini di età superiore ai 9 anni e non c’è formalmente un limite, ma è bene sottolineare che si tratta di letteratura per i più piccoli e bisogna certamente amare a priori questo genere di trame e soprattutto di ambientazioni per apprezzare un mondo simile.
    (...)

    CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG L'AMICA DEI LIBRI DI ANTONIETTA MIRRA
    http://amicadeilibri.blogspot.it/2016/04/fairy-oak-il-segreto-delle-gemelle-di.html

    ha scritto il 

  • 3

    Deludente

    Lo so che la mia voce è quella fuori dal coro, ma... posso dire che non mi ha convinta?
    Non l'ho letto da bambina, ma da adulta, e posso dire che la storia è sicuramente godibile da un pubblico di gio ...continua

    Lo so che la mia voce è quella fuori dal coro, ma... posso dire che non mi ha convinta?
    Non l'ho letto da bambina, ma da adulta, e posso dire che la storia è sicuramente godibile da un pubblico di giovanissimi. Purtroppo però, credo sia troppo infantile per chi, come me, ha ormai varcato la soglia dell'età adulta.
    La trama è scontata, carino il condimento (i nomi, le ambientazioni...) ma tutto il resto è e resta banale a mio parere. Non l'ho letto con piacere, sono sincera. Almeno in questo primo volume, non ci ritrovo il capolavoro acclamato da molti, non lo trovo originale, né tantomeno profondo. Si dice che i libri per bambini non siano veramente belli se non trasmettono qualcosa anche agli adulti, se non sono godibili anche per loro e se non toccano il loro cuore. Ebbene, il primo libro di questa trilogia non mi ha emozionata, mi ha lasciata indifferente, come se mi fosse scivolato sulla pelle. Ho letto libri per bambini di gran lunga più meritevoli di questo... Per ora gli assegno un voto intermedio, aspetto di leggere i seguiti per decidere se bocciare definitivamente la serie o se ricredermi e tornare sui miei passi.

    ha scritto il 

  • 0

    Commento: Ho appena finito da poco il libro. Una piacevole lettura, scorrevole e carina. Mi sono anche commossa verso la fine. Anche se è un fantasy per bambini/ragazzi io lo consiglio. Soprattutto a ...continua

    Commento: Ho appena finito da poco il libro. Una piacevole lettura, scorrevole e carina. Mi sono anche commossa verso la fine. Anche se è un fantasy per bambini/ragazzi io lo consiglio. Soprattutto a chi piacciono: Fate, Streghe, Maghi...ecc. Continuerò sicuramente la saga.

    ha scritto il 

  • 5

    Grazie,Fairy Oak.Sei la mia vita.

    Allora...io sono una lettrice sfegatata,che ama leggere di tutto.Ma prima di compiere sette anni non era così. Certo,è l'età in cui uno va a scuola ,io ero in seconda elementare e leggere era una cosa ...continua

    Allora...io sono una lettrice sfegatata,che ama leggere di tutto.Ma prima di compiere sette anni non era così. Certo,è l'età in cui uno va a scuola ,io ero in seconda elementare e leggere era una cosa bellissima e nuova per me,come il rito per diventare grandi,ma i libri che ci consigliavano le maestre di leggere,sopratutto le fiabe,le odiavo.Non piaceva l'idea(come tutt'ora in certi casi) che una
    ragazza semplice ad un certo punto diventasse magica,dal nulla. Poi,entrando in una caffetteria/libreria ho visto questo libro e l'ho comprato. Leggendolo mi sono sentita benissimo,e da questo libro è nata la mia passione.
    Questa picola premessa era per far capire quanto devo a questo libro e allla scrittrice.
    Ambientato in un luogo magico,anche il libro sembra liberare magia quando si sfogliano le pagine. Segreti e misteri di una dinastia di maghi che va avanti da tempi,un libro bellissimo. Semplice ma allo stesso tempo complicato. Le illustrazioni meravigliose,tutto così bello e magico che amo ancora a tedici anni e che amerò per sempre.
    Perchè poi,un buon libro ti tiene agganciato sempre a lui,e,anche se ti appassioni di un altro libro,non ti lascera mai. Non mi lascerà mai. MAI.

    ha scritto il 

  • 3

    Un tuffo nel passato

    E' ovvio che leggerlo a dodici anni non è come leggerlo a diciannove. Tuttavia, quando si crea qualcosa di magico, quando ci si mette il cuore nelle storie, nei personaggi, chi legge lo sente. Sente u ...continua

    E' ovvio che leggerlo a dodici anni non è come leggerlo a diciannove. Tuttavia, quando si crea qualcosa di magico, quando ci si mette il cuore nelle storie, nei personaggi, chi legge lo sente. Sente un po' di quella magia che entra nel proprio cuore, che dà la forza agli occhi di leggere nonostante i nomi buffi o l' "infantilità" del racconto. Sono contenta di averlo ripreso in mano, sento come se avessi riacquistato un po' di spensieratezza che, ahimè, man mano che si cresce si perde.

    ha scritto il 

  • 3

    LA STORIA E' BELLA MA...

    ...Gli manca il mordente!

    E' frenata da una lunga lista di ovvietà( soprattutto i personaggi), che ne limitano fortemente il potenziale. Mi voglio augurare che i seguiti siano più agili e meno 'ingabb ...continua

    ...Gli manca il mordente!

    E' frenata da una lunga lista di ovvietà( soprattutto i personaggi), che ne limitano fortemente il potenziale. Mi voglio augurare che i seguiti siano più agili e meno 'ingabbiati', se non nelle strutture narrative, nell'idea che, siccome è per bambini/ragazzi allora essere banali è d'obbligo.
    Bellissime le illustrazioni.

    ha scritto il 

Ordina per