Il sentiero dei nidi di ragno

Di

Editore: Einaudi Scuola

3.9
(9626)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Polacco

Isbn-10: 8828608501 | Isbn-13: 9788828608509 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Politica

Ti piace Il sentiero dei nidi di ragno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    La storia è fatta di piccoli gesti anonimi

    "Il sentiero dei nidi di ragno", scritto da Italo Calvino nel secondo dopoguerra, esprime al meglio i dolori, i disagi e le profonde ferite della seconda guerra mondiale e della resistenza partigiana, ...continua

    "Il sentiero dei nidi di ragno", scritto da Italo Calvino nel secondo dopoguerra, esprime al meglio i dolori, i disagi e le profonde ferite della seconda guerra mondiale e della resistenza partigiana, attraverso chi per primo non comprende a fondo questi argomenti, offrendo uno spunto di riflessione diverso per mezzo del protagonista, Pin, un bambino con difficoltà sociali ed economiche non indifferenti che, proprio attraverso la sua ingenuità e incomprensione, saprà lasciare il lettore di stucco, esattamente come i bambini di oggi.

    Da cosa cominciare per descrivere questo piccolo romanzo? Innanzitutto mi piacerebbe precisare che, ancora una volta, questa è stata una lettura "impostami" dalla scuola, motivo per cui mi ero inizialmente posta in un atteggiamento riluttante ma, dopo il primo capitolo un po' lento e confusionario, ho dovuto assolutamente ricredermi e addirittura scoprirmi nel non voler staccarmi neanche per un momento dalle pagine: il tutto ha a mio parere un'unica ragione, e cioè l'estrema modernità degli argomenti trattati e la semplicità con cui Pin giunge a determinate conclusioni che, se pur banali, riescono sorprendentemente ad aprire nuove prospettive nella mente del lettore.

    Il contenuto è impagabile: la crescita prematura di Pin che si trova catapultato nel mondo degli adulti e delle cose "dal sapore aspro" - donne, fumo e guerra -, la lotta per l'indipendenza dal nazifascismo, l'incapacità per gli uomini in guerra di ricordarsi della loro essenza di Uomini, con il conseguente annullamento delle loro personalità individuali e l'inconsapevole identificazione in semplici mezzi della guerra, in una mistione densa e eterogenea di vita partigiana.

    Tutto ciò ha un significato magistrale che culmina in uno dei capitoli più discussi - e autobiografici -, cioè il nono, dove il capitano Ferriera e il dottore Kim prendono per un po' il ruolo di protagonisti, in un capitolo che considererei probabilmente il migliore che abbia mai letto nella letteratura italiana.

    Concludo dicendo che la scelta, da parte dell'autore, di dare un finale così aperto e assolutamente sottinteso è piacevole così come raramente mi è capitato: la suggestiva scena di Pin e Cugino per mano tra le lucciole che possono sembrare magiche ma che, per Pin, viste da vicino, “sono bestie schifose anche loro”.

    ha scritto il 

  • 5

    La Resistenza è un tema molto impegnativo oggi, figurarsi all'indomani della guerra. Eppure chi l'aveva vissuta probabilmente percepiva l'obbligo morale di scriverci su. Calvino risolve alla grande og ...continua

    La Resistenza è un tema molto impegnativo oggi, figurarsi all'indomani della guerra. Eppure chi l'aveva vissuta probabilmente percepiva l'obbligo morale di scriverci su. Calvino risolve alla grande ogni possibile problema, narra uno dei fatti storici più delicati della storia italiana con l'ingenuità di un bambino. I fatti e le persone vengono spogliate dall'aura (bianca o nera che sia) conferita loro dalla storia, restano semplicemente uomini e donne, ognuno col proprio bagaglio di pregi e difetti, e tutte le vicende diventano il gioco di un bambino nato nell'epoca sbagliata, costretto a vivere da fanciullo eventi molto più grandi di lui.
    Grande romanzo.

    ha scritto il 

  • 3

    Ingredienti: un bambino uscito troppo precocemente dal mondo dei giochi, adulti entrati troppo confusamente nel gioco della guerra, l'umanità dei bassifondi costretta a dividersi tra neri e rossi, un ...continua

    Ingredienti: un bambino uscito troppo precocemente dal mondo dei giochi, adulti entrati troppo confusamente nel gioco della guerra, l'umanità dei bassifondi costretta a dividersi tra neri e rossi, un lembo di terra che ospita ed accoglie tutti.
    Consigliato: a chi da giovane seppellisce desideri in nascondigli senza più riuscire a ritrovarli da grande, a chi pensa che 23 anni siano troppo pochi per scrivere un bel libro.

    ha scritto il 

  • 5

    Uno dei più bei romanzi sulla Resistenza, rappresentata in modo antieroico e non retorico, attraverso lo sguardo di un bambino precocemente messo a contatto con gli aspetti più duri e squallidi dell'e ...continua

    Uno dei più bei romanzi sulla Resistenza, rappresentata in modo antieroico e non retorico, attraverso lo sguardo di un bambino precocemente messo a contatto con gli aspetti più duri e squallidi dell'esistenza, ma che dell'infanzia conserva la capacità di leggere la realtà secondo il codice delle favole e dell'avventura.

    ha scritto il 

  • 3

    Il sentiero dei nidi di ragno è il romanzo d’esordio di Italo Calvino. Protagonista è un ragazzino, Pin, che vive nel periodo della Resistenza. Il bambino entra poi in un gruppo di partigiani, entrand ...continua

    Il sentiero dei nidi di ragno è il romanzo d’esordio di Italo Calvino. Protagonista è un ragazzino, Pin, che vive nel periodo della Resistenza. Il bambino entra poi in un gruppo di partigiani, entrando in prima persona negli avvenimenti storici. Nonostante un forte realismo, la narrazione presenta del meraviglioso, del fantastico e del fiabesco. Una peculiarità stilistica che diventerà il tratto distintivo di Calvino.

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia raccontata di sguincio...

    Questo romanzo propone una storia, che da un certo punto di vista appare abbastanza improbabile. Un bambino abbastanza discolo, che viene trattato alla pari rispetto a dei loschi individui raffigurat ...continua

    Questo romanzo propone una storia, che da un certo punto di vista appare abbastanza improbabile. Un bambino abbastanza discolo, che viene trattato alla pari rispetto a dei loschi individui raffigurati sotto le spoglie di puerili partigiani. Mentre la leggi ti accorgi che la macchinazione del racconto non scorre in maniera molto fluida, ma tutto sommato l'emozione che ti lascia l'ultima frase del libro è di quelle che un timbro emozionale te lo lasciano. Comunque l'autore va tastato con le opere successive!

    ha scritto il 

  • 5

    Un capolavoro

    Probabilmente molti lo giudicano ingenuo, giovanile, ancora acerbo e lontano dallo stile unico del Calvino maturo, ma per quanto mi riguarda si tratta semplicemente di un bellissimo libro. Riesce a fa ...continua

    Probabilmente molti lo giudicano ingenuo, giovanile, ancora acerbo e lontano dallo stile unico del Calvino maturo, ma per quanto mi riguarda si tratta semplicemente di un bellissimo libro. Riesce a farti vedere un mondo spietato con gli occhi di un bambino senza rinunciare al gusto di una narrazione magistrale. E la cosa incredibile è che finisci per non accorgerti dell'inganno stilistico, tanto da rileggere frasi e paragrafi interi solo per il piacere che se ne ricava. Si divora e lo si ridivora per puro piacere. E guai a liquidarlo come un testo didascalico sulla resistenza italiana. Potrebbe riguardare qualunque paese in guerra con un movimento di resistenza. Sarà anche acerba, ma è pura poesia in prosa. Da consigliare assolutamente.

    ha scritto il 

  • 4

    Con Calvino è sempre cosi, ti imbatti in una piacevole lettura che ti sembra leggera e fiabesca e poi ad un tratto... arriva...la pagina che ti scontra con la realtà, che ti obbliga a riflettere, che ...continua

    Con Calvino è sempre cosi, ti imbatti in una piacevole lettura che ti sembra leggera e fiabesca e poi ad un tratto... arriva...la pagina che ti scontra con la realtà, che ti obbliga a riflettere, che ti scava dentro. E allora quello che hai letto non è stato solo bello ma ha lasciato il segno.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per