Il sentiero nel bosco

Di

Editore: Adelphi

3.5
(102)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 110 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 8845914690 | Isbn-13: 9788845914690 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Traduttore: Margherita Belardetti

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Viaggi

Ti piace Il sentiero nel bosco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Questa storia d'amore fra un ipocondriaco, raffigurato con ironia, e una "fanciulla del bosco" che gli appare offrendogli fragole selvatiche (e potrebbe essere una driade o un altro essere mitologico), proprio per la sua delicata, implacabile attenzione a ogni minima parvenza della natura e con il suo intatto riserbo sugli eventi psicologici riesce a creare una tensione erotica altissima.
Ordina per
  • 5

    E’ una favola perfetta nella quale si rispecchiano ideali modelli di vita dell’ ’epoca in cui è stata scritta. Un misantropo, ipocondriaco è il protagonista; poi la vita sana che tutto guarisce,ed e ...continua

    E’ una favola perfetta nella quale si rispecchiano ideali modelli di vita dell’ ’epoca in cui è stata scritta. Un misantropo, ipocondriaco è il protagonista; poi la vita sana che tutto guarisce,ed ecco che entra in scena lei , giovane, ingenua, ma saggia, contornata da un’aura di magia. Ed infine arriva l’Amore. Nella storia però non c’è nulla di sdolcinato; sullo sfondo c’è una natura positiva, solare, che accompagna e si fa complice di una felicità inattesa ma giusta. E come in una favola fioriscono e maturano fiori e frutta che magari nella vita reale appartengono a stagioni diverse!!

    ha scritto il 

  • 4

    che sorpresa!
    che sorpresa trovarlo intonso - da quanto e chissà chi me lo regalò? - nella mia libreria, mentre cerco un testo che mi faccia compagnia in un noiosissimo viaggio di quattro ore che sto ...continua

    che sorpresa!
    che sorpresa trovarlo intonso - da quanto e chissà chi me lo regalò? - nella mia libreria, mentre cerco un testo che mi faccia compagnia in un noiosissimo viaggio di quattro ore che sto per intrapprendere in un treno interregionale; che sorpresa il leggere questo lungo racconto delicato, vagamente crepuscolare, ma tinto qua e là di guizzi vitali; che sorpresa il linguaggio, sicuramente ottocentesco, garbato e formale, ma mai retorico o pedante. che sorpresa la storia: una storia d'amore che è quasi favola, che travolge un ipocondriaco, misantropo e ormai insterilito ricchissimo possidente che inoltrandosi nel sentiero che dà nome al racconto trova la fanciulla dei suoi sogni; che sorpresa infine lui, l'autore, personaggio affascinante quanto, almeno da me, sconosciuto e che visse nell'austria ottocentesca ma che nei suoi racconti, nelle sue poesie e nei suoi dipinti mantenne comunque un'originalità rispetto alla cultura del suo tempo. che meravigliosa sorpresa riscontrare, ogni volta, che dono sorprendente sia il leggere!

    ha scritto il 

  • 4

    Mite, nonostante l'abbondanza di chiaroscuro...
    Ma, forse, sono solo i nostri sensi moderni ad essere appannati, cosicché la fatica del risveglio del protagonista e la tensione dell'incontro con Maria ...continua

    Mite, nonostante l'abbondanza di chiaroscuro...
    Ma, forse, sono solo i nostri sensi moderni ad essere appannati, cosicché la fatica del risveglio del protagonista e la tensione dell'incontro con Maria appaiono sfuocati e deboli, invece di nitidi e forti, a dispetto di una realtà che si va dimenticando.

    Forse Stifter ci riporta un ottocento troppo edulcorato, ma è piacevole farsi cogliere, così, dalla nostalgia di tempi mai vissuti.

    ha scritto il 

  • 5

    scrittore e pittore

    Il protagonistavive solitario ed appartato, senza relazioni sociali che schiva, tormentato dall'idea di essere ammalato. Durante una passeggiata nel bosco perde la via del ritorno e mentre si riposa v ...continua

    Il protagonistavive solitario ed appartato, senza relazioni sociali che schiva, tormentato dall'idea di essere ammalato. Durante una passeggiata nel bosco perde la via del ritorno e mentre si riposa vede una giovane montanara cui chiede di comprare delle fragole.....Stifter è un mago della scrittura di cose all'apparenza insignificanti, delicato psicologo, pittore con la penna come fu anche nella vita. Una vera chicca della letteratura mittleeuropea ottocentesca.

    ha scritto il