Il sigillo del cavaliere

Di

Editore: Fanucci

3.1
(28)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 332 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 883471833X | Isbn-13: 9788834718339 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Riccardo Moratto

Genere: Intrattenimento , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il sigillo del cavaliere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
L’Impero Occidentale di Aslan fa parte del leggendario continente di Aoting, un mondo intriso di psicoarti dove energia e forza sono nelle mani di sette Cavalieri Reali, maestri di altissimo livello i cui poteri appartengono alle più alte sfere dei quattro elementi. Il giovane Qiling non conosce nulla di questo mondo, ma si ritrova di punto in bianco a essere nominato discepolo del Cavaliere Reale di Settimo Grado, e comincia così a seguire Polvere d’Argento in tutte le sue avventure. Inizialmente spaventato dalla sua psicofiera, Dente della Pallida Neve, un leone alato color argento, Qiling imparerà poi ad amarlo e a vivere in simbiosi con lui, come ogni Cavaliere fa con la propria psicofiera, perché sarà proprio lui a salvarlo dalle situazioni più pericolose. A poco a poco, Qiling imparerà a conoscere i segreti di quel mondo a cui tanto anelava ma che gli era estraneo, affrontando mille traversie e combattimenti agghiaccianti. Riuscirà con la sua indole pura a far fronte da solo a un mondo efferato, e a trovare dentro di sé la forza necessaria per poter prendere le redini di Cavaliere di Settimo Grado?
Ordina per
  • 3

    gotta catch 'em all

    Primo libro di una trilogia (credo) fantasy nientedimeno cinese. Dal momento che il miglior fantasy, o comunque la maggior parte, ci arriva dall'America, mi piaceva l'idea di leggere qualcosa di diver ...continua

    Primo libro di una trilogia (credo) fantasy nientedimeno cinese. Dal momento che il miglior fantasy, o comunque la maggior parte, ci arriva dall'America, mi piaceva l'idea di leggere qualcosa di diverso.
    La storia, soprattutto all'inizio, è confusa: appare gente che viene spiegata nel dettaglio e che dopo due pagine muore; vengono utilizzati nomi di poteri e simili senza un motivo e alcuni sono proprio brutti (anche se forse è per la traduzione) e non si capisce queste psicofiere a cosa servano di preciso, visto che tutti si fiondano a cercarle, ma nessuno può permettersi di batterle. Mi ha fatto pensare ai pokémon, che si collezionano per le varie sfide. In pratica sono psicopokémon.
    Ci sono un paio di battaglie che vengono liquidate in poche righe e poi l'autore ci mette tre pagine per dire che la neve è bianca e fredda (ah, beh).
    Forse la cosa più noiosa è la ripetizione di quanto siano belli e bianchi e candidi e belli e giovani e belli e belli i cavalieri, che sono proprio ma proprio proprio belli, eh.
    Mi aspettavo un po' di più, dal momento che è presentato come un caso editoriale e pare che l'autore con le sue pubblicazioni sia diventato ricchissimo, ma è comunque una lettura di stacco abbastanza rilassante.

    ha scritto il 

  • 0

    Questo romanzo di avventura è stato entusiasmante e allo stesso tempo pieno di colpi di scena. Mi ha colpito in modo particolare la capacità dello scrittore nel rendere i personaggi sempre più vivi av ...continua

    Questo romanzo di avventura è stato entusiasmante e allo stesso tempo pieno di colpi di scena. Mi ha colpito in modo particolare la capacità dello scrittore nel rendere i personaggi sempre più vivi avvicinandoli alla realtà, anche se ritengo che in alcuni momenti la storia prenda una 'piega' alquanto noiosa.
    Mattia B. 1C

    ha scritto il 

  • 5

    Storia particolarmente bella e appassionante all'inizio siccome l'autore era cinese non so perché ero un po' scettica, poi ho letto la storia e devo dire che è molto bella, le descrizioni sono molto ...continua

    Storia particolarmente bella e appassionante all'inizio siccome l'autore era cinese non so perché ero un po' scettica, poi ho letto la storia e devo dire che è molto bella, le descrizioni sono molto particolari forse perché, ripeto, l'autore è cinese e quindi ha un modo scrivere diverso, i personaggi sono simpatici e ti ci affezzioni subito, è un mondo dove la magia e le bestie magiche abbondano ed è una cosa che io cerco quasi sempre nei libri io la reputo quindi una bellissima storia che consiglio a tutti!! non vedo l'ora di prendermi il seguito :)

    ha scritto il 

  • 1

    Pessimo

    Pessimo, un accozzaglia di luoghi comuni, personaggi patetici, sembrano usciti dagli anime o dai manga, peccato che l'accoppiata con il fantasy ci becca veramente poco; si passa da scene patetiche in ...continua

    Pessimo, un accozzaglia di luoghi comuni, personaggi patetici, sembrano usciti dagli anime o dai manga, peccato che l'accoppiata con il fantasy ci becca veramente poco; si passa da scene patetiche in cui i personaggi si esibiscono in dialoghi puccettosi e amorevoli a combattimenti con decapitazioni da film giapponesi di serie C;credo che non continuero' assolutamente con i prossimi volumi anzi, se volete con un consiglio, non compratelo.
    1 su 5 e' un regalo, giusto perche' non si puo' dare mezza stella, e menomale che l'autore in patria e' famosissimo ed apprezzatissimo...
    Ma forse la cosa che infastidisce di piu' e' che una casa editrice seria come Fanucci perde pure tempo e denaro a pubblicare questo scempio.

    ha scritto il 

  • 1

    Infantile

    C'era qualcosa di buono in tutto ciò...ma lo scrittore (o il traduttore, chissà) ha trasmesso l'insieme in maniera estremamente confusionaria: il protagonista che sembra uscito diretto da un anime gia ...continua

    C'era qualcosa di buono in tutto ciò...ma lo scrittore (o il traduttore, chissà) ha trasmesso l'insieme in maniera estremamente confusionaria: il protagonista che sembra uscito diretto da un anime giapponese dei più stupidi, il comprimario figo che lo guarda con faccia stupita (mancava giusto l'animazione della classica gocciolina che cade dalla fronte), i nemici cattivissimi...

    Salti da una parte all'altra del mondo senza una logica, scontri stile Pokemon e discorsi (e descrizioni) talmente aulici da rendere pesantissima la lettura mi hanno deciso ad abbandonarlo seduta stante.

    Si può essere complessi nelle costruzioni verbali, ma se lo scrittore vuole continuare su questi binari, consiglio vivamente di leggere Il Silmarillion di Tolkien: potrebbe imparare tanto.

    ha scritto il 

  • 3

    Che dire di questo libro...ho visto girovagando su internet che non è molto piaciuto, a me (che vado sempre contro corrente XD)non è dispiaciuto, ok devo ammettere che non è un libro per tutti in qua ...continua

    Che dire di questo libro...ho visto girovagando su internet che non è molto piaciuto, a me (che vado sempre contro corrente XD)non è dispiaciuto, ok devo ammettere che non è un libro per tutti in quanto si nota che è scritto da un orientale: la scrittura è diversa da quella che siamo abituati a leggere nei libri fantasy diffusi in Italia che sono scritti per la maggior parte da americani o inglesi e quindi non a tutti può piacere e inoltre è un po' incasinata...Si può dire in parole povere che a me ha ricordato un miscuglio tra manga anime e videogiochi (tipo Final Fantasy) giapponesi, la cui storia invece di essere disegnata o ehm...virtualizzata?(non so come dire per i videogiochi,quindi ho sparato a caso XD)è scritta.

    ha scritto il 

  • 2

    E qui ce ne sarebbero di cose da dire....
    Questo piccolo libro è in verità una sorta di evento, in quanto primo fantasy cinese moderno ad essere tradotto in Italia. La trama è interessante e ricca di ...continua

    E qui ce ne sarebbero di cose da dire....
    Questo piccolo libro è in verità una sorta di evento, in quanto primo fantasy cinese moderno ad essere tradotto in Italia. La trama è interessante e ricca di richiami ad una cultura immaginaria diversa dalla nostra, eppure è talmente diverso, per strutturazione della frase, dei capitoli e dell'intreccio, da risultare un colpo nello stomaco del lettore occidentale. Forse in parte ciò è da imputare al giovane traduttore (che comunque stimo), che sicuramente ha fatto delle scelte traduttive piuttosto azzardate: atarassico volto, piumaggio delle sopracciglia.....sono termini veramente da abolire. Eppure non riesco a non mettermi nei suoi panni, in quanto non ho dubbi che la frase in originale fosse veramente così! Come non dubito che Guo Jingming, da bravo cinese, costruisca frasi ridondanti di aggettivi e lunghe anche 7 righe. Il risultato è un libro a tratti incomprensibile e difficile da leggere, stomachevole negli aggettivi e confuso nel susseguirsi sfrenato delle vicende. Mi dispiace, perchè vedo della bellezza nella trama, che però è totalmente vuota di intenti.
    C'è poco da fare, finchè non arriverà un traduttore esperto di cinese E DI FANTASY, questi libri rimarranno veramente godibili solo in lingua originale

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo dal gusto decisamente tipo Manga, con demoni sanguinanti, armi di ogni tipo e fiere demoniache da ogni parte.
    Sebbene abbia un certo fascino la storia narrata, a mio giudizio e' di difficile l ...continua

    Romanzo dal gusto decisamente tipo Manga, con demoni sanguinanti, armi di ogni tipo e fiere demoniache da ogni parte.
    Sebbene abbia un certo fascino la storia narrata, a mio giudizio e' di difficile lettura o meglio, di difficile sopportazione.
    L'uso smodato di parole che iniziano con psico+aggettivo risulta pesante. Palesemente occorre attendere il prossimo volume per sapere come prosegue (finisce?) la storia. Bah... dovro' farci un pensiero se comprare il prossimo volume.

    ha scritto il 

  • 2

    -------

    Il romanzo è pienamente in linea con la tradizione manga orientale e giapponese. Non ho molto apprezzato lo stile maniacalmente descrittivo e ripetitivo alla noia. La storia è l'equivalente di una o p ...continua

    Il romanzo è pienamente in linea con la tradizione manga orientale e giapponese. Non ho molto apprezzato lo stile maniacalmente descrittivo e ripetitivo alla noia. La storia è l'equivalente di una o più puntate di un qualsiasi cartone giappo e per lo più davvero poco accattivante. L'unica cosa che mi ha legato al romanzo è stata una serie di ricordi legati ai fantasy giappo visti in tv. Non credo leggerò il seguito.

    ha scritto il