Il signore della vendetta

Di

Editore: Leggereditore

3.7
(121)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 352 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8865082003 | Isbn-13: 9788865082003 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Alessia Barbaresi

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Rosa

Ti piace Il signore della vendetta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Può il desiderio di vendetta essere così intenso e trasformarsi in amore?Divorato dalla rabbia, Gunnar Rutledge ha trascorso gli ultimi tredici anni della sua vita a escogitare il modo di vendicare l’assassinio della madre. Quando finalmente l’occasione tanto attesa si presenta, Gunnar rapisce Raina, la figlia dell’odiato barone d’Bussy, per costringerlo alla resa dei conti. L’incontro con la figlia del suo acerrimo nemico, una ragazza ribelle e dallo spirito libero, cambierà per sempre la vita di entrambi. Tra colpi di scena e battaglie, Gunnar capirà che la vendetta può non essere l’unico scopo nella vita di un uomo.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Si lascia leggere, ma la storia è simile ad altri libri romance storici scritti da altre autrici, un po monotona e fin troppo semplice la trama.

    ha scritto il 

  • 2

    Quando ho comprato l’ebook mi sono fatta influenzare dalla copertina del libro.
    Pensavo che appartenesse alla serie del bacio di mezzanotte ed invece …. Non è altro che un Harmony medievale.
    A metà de ...continua

    Quando ho comprato l’ebook mi sono fatta influenzare dalla copertina del libro.
    Pensavo che appartenesse alla serie del bacio di mezzanotte ed invece …. Non è altro che un Harmony medievale.
    A metà del libro non vedevo l’ora che qualcuno facesse fuori la protagonista femminile, un tira e molla che è durato più di metà libro e subito dopo una svolta alla storia tra il protagonista, quello che aveva votato la sua vita alla vendetta, e la protagonista rompi…
    L’ho trovato lungo e noiso, il fatto che in parallelo stia anche leggendo ‘Mondo senza fine’ non migliora la mia recensione a questo harmony, ma la cosa più grave è quello di sfruttare una copertina che non ha nulla a che fare con l’argomento trattato, anzi inganna il lettore pensando di stare acquistando un prodotto e se ne ritrova uno completamente diverso.

    ha scritto il 

  • 5

    Raccontando la storia vestendo i panni di narratore onnisciente e dirigendo dunque l'attenzione da punti di vista di personaggi differenti, rifacendosi alle vecchie ambientazioni medievali all'epoca d ...continua

    Raccontando la storia vestendo i panni di narratore onnisciente e dirigendo dunque l'attenzione da punti di vista di personaggi differenti, rifacendosi alle vecchie ambientazioni medievali all'epoca di re Artù e la tavola rotonda, l'autrice disegna un mondo cui per nulla al mondo mi sarei voluta distaccare. Definisce personaggi ben approfonditi e caratterizzati cui in poco tempo ci si affeziona e soprattutto avremo modo di scoprire e conoscere quasi alla perfezione. Vivremo assieme a loro le magnifiche esperienze cui affronteranno insieme i meravigliosi e idilliaci momenti d'amore che sembrino trasudare dalle pagine. Realizzati in un meraviglioso quadro forse come unica pecca, il ritmo un pò lento e monotono di alcune situazioni ma ben presto appagati dalla costante presenza di svariate scene d'azione o di sesso che come una calamita attireranno l'attenzione del lettore e lo trascineranno in quell'ormai familiare vortice di sensazioni ed emozioni cui non cesseranno di esistere nemmeno alla fine dell'ultimo capoverso.

    ha scritto il 

  • 3

    Per chi come me ha letto tanto, questo romanzo non rappresenterà certo una novità in quanto questo tema della vendetta , e l'ambientazione storica in cui viene raccontata è stata già trattata e raccon ...continua

    Per chi come me ha letto tanto, questo romanzo non rappresenterà certo una novità in quanto questo tema della vendetta , e l'ambientazione storica in cui viene raccontata è stata già trattata e raccontata una miriade di volte , da moltissime scrittrici prima della Adrian.
    Certo non si può dire che la Adrian non sappia rendere affascinante una storia come questa, però mentre la si legge si ha la sensazione di già letto e riletto, e inoltre nella storia non ci sono grandi colpi di scena, infatti leggendo si sa già dove la storia andrà a parare .
    Ma veniamo ai personaggi in se.
    Gunnar è un uomo che ha dedicato la sua vita alla vendetta , sacrificando tutto il resto compresi gli affetti, fino a quando non incontra la bella Lady Raina , figlia del suo peggior nemico, colui che ha distrutto la sua vita. Se in un primissimo momento sembra trattarla male, ecco che nel giro di una settimana o anche meno si rende conto che la ama incondizionatamente ! (alla faccia del colpo di fulmine !!!)
    E che questo sentimento che prova per lei, alla fine gli farà rendere conto che la vendetta non è così soddisfacente come ha sempre creduto.
    Raina dal canto suo è una ragazza ostinata , almeno all'inizio del libro. Libera e quasi selvaggia , e che reputa il padre come la persona più importante della sua vita nonché come un uomo giusto e leale .
    Sarà per lei un colpo tremenda venir a sapere la verità sul genitore che ha sempre ritenuto un uomo quasi perfetto, ma questo le farà anche capire la profondità dei sentimenti che prova per Gunnar .
    Si ritroverà ad avere per lui una fiducia incrollabile anche quando tutto sembra dimostrare il contrario.
    Per quel che mi riguarda come dicevo prima questo libro non rappresenta una novità, infatti mentre leggevo mi venivano in mente tanti altri titoli di vecchi libri letti che avevano come tema più o meno questo, e soprattutto questo periodo storico .
    Come forse qualcuno saprà a me non piacciono molto i romanzi ambientati nel Medioevo , o giù di li , infatti li evito come la peste, però non posso dire di sconsigliare questo libro della Adrian perché non è male, e se non siete sature di questo genere di letture e ambientazioni allora provate a leggerlo, male non vi farà di certo !

    ha scritto il 

  • 4

    La Adrian è sempre la Adrian

    Da www.sognipensieriparole.com

    Lara Adrian è sicuramente tra le autrici più conosciute, lette e amate grazie alla fortunata serie La stirpe di Mezzanotte, una serie paranormal romance che seguo con mo ...continua

    Da www.sognipensieriparole.com

    Lara Adrian è sicuramente tra le autrici più conosciute, lette e amate grazie alla fortunata serie La stirpe di Mezzanotte, una serie paranormal romance che seguo con molto interesse; lo scorso 31 ottobre la Casa Editrice Leggereditore ha regalato alle fans un altro gioiello di questa autrice, che si discosta dal genere fantastico per abbracciare il genere del romance storico.

    Un romanzo che si è fatto apprezzare molto e leggere tutto d'un fiato.

    Che dire? Per chi conosce lo stile della Adrian, fin dalle prime pagine capirà che anche questo romanzo ci regalerà scene d'amore indimenticabili e che i suoi personaggi saranno dotati di quel carisma inconfondibile che coinvolge il lettore nelle loro vicende.

    Unico pecca è che, se anche non si comprende fin da subito la piega che prenderanno gli eventi, la storia che l'autrice ci narra, fin dalla sinossi risulta un pochino scontata.
    Anche se del resto, letture di questo tipo a volte ci vogliono!

    La trama è molto semplice e anche se appunto si discosta dal genere fantasy per cui i più la conoscono, anche qui, nella lontana Inghilterra del 1140, ci presenta un guerriero, o meglio un cavaliere dal bianco sorriso splendente, dai modi un po' rudi, ma con un fisico da urlo: Gunnar Rutledge.

    «Il battito del suo cuore era alimentato dall'odio, e la rabbia gli rimescolava il sangue nelle vene»

    Il valoroso cavaliere porta sulla sua pelle e sul cuore quelle profonde cicatrici che tredici anni prima lo trasformarono nel temuto Signore della Vendetta: un cavaliere alla riconquista del suo onore.
    Il barone d'Bussy infatti, quando Gunnar era solo un bambino, uccise suo padre in un torneo e tolse, davanti ai suoi occhi, la vita della sua cara madre, oltre ovviamente ad aver saccheggiato e distrutto il suo castello e la contea di Wynbrooke.
    E immaginate la sorte, di chi vuole che il baldo cavaliere alla ricerca di vendetta nei confronti di d'Bussy si innamori? Ma ovviamente della sua bellissima figlia Raina.

    «Santi numi! Gli aveva concesso il suo favore!»

    Una romanzo dunque che parla d'amore, di quell'amore in grado di vincere su tutto, anche sulla sete di vendetta covata per anni.

    «Quando le grida si soffocano con i baci e il cuore batte contro la forza della ragione»

    Non vi nascondo che nelle pagine troverete comunque azione, trepidazione, batticuori e suspense che renderanno la vicenda assolutamente godibile in ogni sua parte.
    Un altro punto a favore della Adrian.
    Un altro romanzo autoconclusivo che si inserisce nella lunga lista di quelli che consiglio, soprattutto a chi magari, non ha ancora avuto modo di conoscere la forza che emerge dallo stile di questa autrice.

    ha scritto il 

  • 5

    "Il signore della vendetta"

    Prima di tutto, dico che lo consiglio moltissimo, davvero bello e scritto bene, la Adrian, non delude mai.
    Io sono già sua fan per la saga "La stirpe di mezzanotte" che la ...continua

    "Il signore della vendetta"

    Prima di tutto, dico che lo consiglio moltissimo, davvero bello e scritto bene, la Adrian, non delude mai.
    Io sono già sua fan per la saga "La stirpe di mezzanotte" che la trovo semplicemente stupenda, e visto che mi piace come scrive e la trama mi ha interessato da subito, naturalmente non ho potuto non prenderlo.
    Di solito questo non è il mio genere, questo è il primo romanzo storico che ho letto, ma devo dire che l'ho trovato stupendo e scritto benissimo, man mano che vai avanti a leggerlo, non riesci a smettere e a staccarti, devi assolutamente sapere come finisce e come va avanti.
    A me è piaciuto moltissimo, poi molto scorrevole nella lettura, consiglio!!!

    ha scritto il 

Ordina per