Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il silenzio di Cleaver

Di

Editore: Il Saggiatore

3.5
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 283 | Formato: Altri

Isbn-10: 8842813834 | Isbn-13: 9788842813835 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Granato

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il silenzio di Cleaver?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Compiuto il capolavoro della sua intera carriera - un'intervista al vetriolocon il presidente degli Stati Uniti - e furibondo per l'uscita di un libro delfiglio che lo dipinge come un tiranno semialcolizzato, un genitore assente eun personaggio assetato di successo, Harold Cleaver, il giornalista più famosodi Londra, decide di fuggire, di abbandonare tutto. Carismatico e distruttivo,sovrappeso e sopraffatto, sogna di poter finalmente contemplare qualcosa diconcreto, solido, immutabile, non una fotografia o un filmato, non qualcosache si può riscrivere o riorganizzare. Decide quindi di partire, alla ricercadell'isolamento fisico e mentale. Cerca il silenzio, lo trova, poi si accorgeche il rumore più assordante di tutti è nell'unico luogo che non riuscirà maiad abbandonare: la sua mente. Una mente febbricitante all'interno della qualeTim Parks ci conduce seguendo il frenetico andamento dei pensieri, facendocitoccare quasi con mano il collasso nervoso di un uomo che si vedeimprovvisamente straniato dal mondo, che pensava di possedere saldamente.
Ordina per
  • 3

    Ambientato in un maso

    Ho cercato e letto questo libro per la sua ambientazione oltre che per la genziana d'oro vinta al concorso Montagnalibri di Trento. Ha un po' deluso le aspettative. Parks colloca nelle Alpi il suo ...continua

    Ho cercato e letto questo libro per la sua ambientazione oltre che per la genziana d'oro vinta al concorso Montagnalibri di Trento. Ha un po' deluso le aspettative. Parks colloca nelle Alpi il suo fuggitivo da un angoscioso passato urbano. Nella sua ricerca di serenità e isolamento il protagonista sulle prime non si rende conto di essere finito in un ambiente ancor più torbido e inesplicabile. Ma la vicenda si annoda un po' su se stessa e la valle alpina appare più barocca che gotica.

    ha scritto il 

  • 4

    Cleaver, famosissimo uomo di spettacolo, si ritira dal mondo delle telecamere, e quindi dal suo mondo, per andare a vivere in un posto sperduto senza elettricità né comodità. Parks ci guida con ...continua

    Cleaver, famosissimo uomo di spettacolo, si ritira dal mondo delle telecamere, e quindi dal suo mondo, per andare a vivere in un posto sperduto senza elettricità né comodità. Parks ci guida con maestria nelel riflessioni che affollano la mente di Cleaver da quando il silenzio e l'anonimato fanno parte delle sue giornate, alternando il ritmo dei continui flashbacks a quello lento e freddo della casa di montagna. Non annoia affatto, grazie alla piacevole abilità dello scrittore nell'utilizzare un lessico variegato, nel tratteggiare alla perfezione i personaggi della storia e nel dosare i diversi ritmi. Da leggere.

    ha scritto il