Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il sogno di una notte di mezza estate

Di

Editore: Rizzoli (BUR Teatro)

4.3
(6171)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 186 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Giapponese , Portoghese , Russo

Isbn-10: 8817123404 | Isbn-13: 9788817123402 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Gabriele Baldini

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , Foreign Language Study , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il sogno di una notte di mezza estate?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Testo inglese a fronte Scritta tra il 1595 e il 1596 e pubblicata nel 1600, il "Sogno di una notte di mezza estate" è tra le opere più rappresentate di Shakespeare. Ricca e originale è la tradizione folclorica di superstizioni e paure medievali cui l'autore attinge ambientando in un bosco, luogo di misteri, smarrimenti e incanti, di invisibili presenze, di fate, folletti e spiritelli maliziosi, una storia di sentimenti e passioni, di intrighi, gelosie e filtri magici che ricalca i modelli della commedia classica plautina e terenziana.
Ordina per
  • 4

    Una divertida y original comedia en la que el autor mezcla personajes del mundo humano y del mundo de la fantasía, a los que somete a multitud de situaciones y enredos cómicos, usando el amor como telón de fondo.
    Utilizando el estilo que ha hecho famoso a su autor, nos encontramos ante una comed ...continua

    Una divertida y original comedia en la que el autor mezcla personajes del mundo humano y del mundo de la fantasía, a los que somete a multitud de situaciones y enredos cómicos, usando el amor como telón de fondo. Utilizando el estilo que ha hecho famoso a su autor, nos encontramos ante una comedia muy bien escrita, un soplo de aire fresco entre tanta tragedia Shakesperiana.

    ha scritto il 

  • 4

    Lotterò per amore; siamo fatte per essere corteggiate e non per farlo. Ti seguirò, e farò dell'inferno un paradiso se morirò per mano di chi amo.

    Due coppie che incorrono un amore romantico e illusorio - dal candore non completamente purissimo, violato da una qualche forma di non castità. Amanti illuminati dall'acquoso bagliore della luna che lusinga per la sua contemplazione, confonde per la sua bellezza, ma che sembra piangere per il lor ...continua

    Due coppie che incorrono un amore romantico e illusorio - dal candore non completamente purissimo, violato da una qualche forma di non castità. Amanti illuminati dall'acquoso bagliore della luna che lusinga per la sua contemplazione, confonde per la sua bellezza, ma che sembra piangere per il loro amore proibito. Questa è la storia di un sogno. Di quattro anime gemelle che combattono battaglie sconfinate tra sovrani di Fate e folletti pasticcioni. Questo è un quadro prettamente irreale del sentimento amoroso che, nel romanzo di Shakespeare, funge da bisogno primordiale di appartenenza, in cui l'uno non riesce a vivere senza l'altro. Non esige cambiamenti, ne vuole compierli. Spontaneo e irruento, in bilico tra il reale e il possibile in cui i personaggi, al momento del loro ricongiungimento, si fondono insieme salvando le loro anime da un mondo di ipocrisia e irrazionalità. Amando leggere autori romantici e, in particolare, storie forti in cui i protagonisti si ribellano alle convenzioni imposte dalla posizione sociale, pur di coronare il loro sogno d'amore, Sogno di una notte di mezza estate - in questi primissimi giorni di settembre - mi ha colta impreparata. Avevo letto, fino ad ora, soltanto le prime righe di quello che è il resoconto di una proiezione astrale imprigionata sulle pagine bianche di un romanzo: sparute e intense dichiarazioni d'amore di quattro coppie e dei loro tormenti. Leggerlo tutto d'un fiato per la prima volta, a distanza d'anni, mi ha permesso di vedere quest'ennesima commedia shakespeariana sotto una nuova luce, e intuire come tutto sembrasse estremamente profondo, tragico, romantico. Solenne e illusorio. Con una vastità di temi trattati, ma con la luna perennemente presente, che apre e chiude la commedia e lascia intravedere possibilità nefaste fino al momento in cui si giunge alla benedizione degli amanti. L'originalità sta nel modo in cui è raccontata. Il forte senso di malessere che trasmette la separazione degli amanti; l'amore che dà un significato ai discorsi per la sua lotta alla sopravvivenza; l'inferno visto come una sorta di paradiso, in balia alla morte, Sogno di una notte di mezza estate è una prodigiosa varietà poetica che ammalia e affascina. Ci sono voluti anni. Qualche piccola esperienza alle spalle, ma, alla fine, è riuscito a condurmi fra le braccia di amanti tormentati e insoddisfatti, in un luogo che immaginavo di conoscere. E non credo che, ai romanzi di questo tipo, non bisogna dare una seconda possibilità. Remota o piccolissima, ma pur sempre una possibilità. Un bellissimo racconto romantico. Una finestra sul mondo dell'amore che, sono certa, non riuscirà a non sposarsi nei nostri pensieri.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello!

    Quattro ragazzi ateniesi - Ermia e Lisandro, Elena e Demetrio - che in una notte di chiar di luna, a causa degli incantesimi lanciati dal dispettoso Puck, si innamorano della persona sbagliata.. Atmosfera sognante, in un bosco magico popolato da spiriti fatati, folletti e buffi personaggi.

    ha scritto il 

  • 3

    un po' impegnativo ma molto carino come libro... l'ho letto in diversi giorni poichè la mia versione aveva anche il testo originale inglese scritto accanto quindi l'impegno è stato...doppio :)

    ha scritto il 

  • 4

    A midsommer nights dreame

    Amore:
    ed esso fu momentaneo come suono,
    labile come ombra,
    corto come sogno,
    rapido come saetta che rivela d'impeto,
    in fosca notte, e cielo e terra,
    e in men che non si dica:
    "Guarda!",
    è divorato dalle fauci del buio:
    così pronta a dileguare è cosa risplendente.


    Buon ferragosto agli ing ...continua

    Amore: ed esso fu momentaneo come suono, labile come ombra, corto come sogno, rapido come saetta che rivela d'impeto, in fosca notte, e cielo e terra, e in men che non si dica: "Guarda!", è divorato dalle fauci del buio: così pronta a dileguare è cosa risplendente.

    Buon ferragosto agli inguaribili romantici, a quelli che inforcano tutti i giorni delle lenti colorate, ai nottambuli che leggono, fanno l'amore e sognano: http://www.youtube.com/watch?v=zNpeK7sDLzE

    ha scritto il 

  • 5

    Una commedia deliziosa che scorre via come un bel sogno!
    Avendo letto con attenzione i saggi introduttivi non ho trovato complicato l'intreccio narrativo e il linguaggio parlato dai tre gruppi di personaggi che si incontrano nella vicenda (fate e folletti, innamorati, artigiani) giustamente diver ...continua

    Una commedia deliziosa che scorre via come un bel sogno! Avendo letto con attenzione i saggi introduttivi non ho trovato complicato l'intreccio narrativo e il linguaggio parlato dai tre gruppi di personaggi che si incontrano nella vicenda (fate e folletti, innamorati, artigiani) giustamente diverso, ma sempre poetico e perfetto.

    ha scritto il 

  • 2

    Meno male che Wikipedia mi da una mano

    per capire...... Non capisco molto i libri in prosa come questi... non è proprio il mio genere, e mi dispiace perchè me la consigliato un amica, ma non c capisco proprio nulla...

    ha scritto il 

  • 4

    Dopo che mi era stato rubato, finalmente sono riuscito a prenderne un'altra copia, leggerlo e, finalmente, finirlo!
    Conoscevo già più o meno questo racconto (grazie a "L'attimo fuggente" e poi con il film tratto da questo libro), ma leggerlo ha di sicuro un altro fascino. Ammetto che in alcuni pu ...continua

    Dopo che mi era stato rubato, finalmente sono riuscito a prenderne un'altra copia, leggerlo e, finalmente, finirlo! Conoscevo già più o meno questo racconto (grazie a "L'attimo fuggente" e poi con il film tratto da questo libro), ma leggerlo ha di sicuro un altro fascino. Ammetto che in alcuni punti mi sono messo a ridere, incurante del giudizio delle persone in treno con me. Il fatto di avere sia testo in inglese "antico" e in italiano è un valore in più.

    ha scritto il 

Ordina per