Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il suono dolce della pioggia

Di

3.4
(19)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 250 | Formato: Altri

Isbn-10: 8817054550 | Isbn-13: 9788817054553 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il suono dolce della pioggia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Trovo difficile leggere i libri di racconti. La storia finisce dopo poche pagine. La magia è troppo breve. Si incomincia con qualcosa di nuovo appena girata la pagina. Ma questi racconti sono scritti bene. Sono piccole opere d'arte che in poche pagine riescono a creare un mondo partendo da qualco ...continua

    Trovo difficile leggere i libri di racconti. La storia finisce dopo poche pagine. La magia è troppo breve. Si incomincia con qualcosa di nuovo appena girata la pagina. Ma questi racconti sono scritti bene. Sono piccole opere d'arte che in poche pagine riescono a creare un mondo partendo da qualcosa di minuscolo e trascurabile. Lo spirito di osservazione di questa scrittrice corredato da un linguaggio scivoloso e sensuale mettono al centro ciò a cui si presterebbe attenzione solo con la coda dell'occhio. In più ci sono UN RITARDO INEVITABILE e IL RITORNO. Due capolavori!!!

    ha scritto il 

  • 5

    Una perla scovata per caso. Non conoscevo questa autrice raffinata e intelligente.
    Un libro di racconti, genere poco di moda. Le brevi storie sono pennellate, tranches de vie di donne del secolo scorso, in bilico tra sentimenti e voglia di scoprire, tra la famiglia e la propria femminilit ...continua

    Una perla scovata per caso. Non conoscevo questa autrice raffinata e intelligente.
    Un libro di racconti, genere poco di moda. Le brevi storie sono pennellate, tranches de vie di donne del secolo scorso, in bilico tra sentimenti e voglia di scoprire, tra la famiglia e la propria femminilità.
    Una scrittura lucida, delicata, intelligente. È stato un godimento leggerla.

    ha scritto il 

  • 4

    C'è chi insegue un amore ideale e chi il sesso, ci sono donne capaci di affrontare il "pasticcio dell'essere in due", e altre che mal si rassegnano a quella gabbia.

    Non sono mai stata una grande appassionata di raccolte di racconti, eppure leggendo questa credo di averne capito il motivo. Ci deve essere una differenza di approccio tra leggere un romanzo e leggere una raccolta di racconti! Cioè, quello che intendo dire è che un romanzo lo inizi e lo devi fini ...continua

    Non sono mai stata una grande appassionata di raccolte di racconti, eppure leggendo questa credo di averne capito il motivo. Ci deve essere una differenza di approccio tra leggere un romanzo e leggere una raccolta di racconti! Cioè, quello che intendo dire è che un romanzo lo inizi e lo devi finire, tanto più velocemente lo fai in base a quanto ti sta appassionando. I racconti, invece, devi saperli dosare. Leggere un racconto dopo l'altro non ti lascia granché a parte un po' di confusione. Ogni racconto bisogna considerarlo come un breve romanzo, con dei personaggi e una trama, quindi una volta finito, bisogna darsi il tempo di rifletterci sopra. Per questo, credo, di aver conosciuto così tanti lettori forti (così definisco le persone che, come me, leggono davvero tanto), che non apprezzano troppo i racconti. Ed è questo il motivo per il quale ho deciso di calibrare la lettura di questi racconti: me ne concedevo non più di 4 al giorno, e tutti in diversi momenti della giornata, non uno di seguito all'altro. Così ho avuto modo di apprezzare un po' di più una lettura che altrimenti non mi sarebbe piaciuta.
    Più che racconti, questi della Athill li definirei schizzi: rappresentazioni di un attimo della vita di qualcuno. Alcuni mi sono piaciuti di più, altri di meno, ma la capacità dell'autrice di cogliere momenti dell'animo e della debolezza umana, è indubbia. Il racconto che ho apprezzato di più è quello intitolato Notte di mezz'estate per artisti squattrinati. Non so perché, ma l'ambientazione di questo racconto mi è piaciuta molto: un rifugio per scrittori in crisi. Altri racconti mi hanno lasciato con il naso arricciato e un grosso punto interrogativo sulla testa. Se qualcuno avesse la bontà di leggere quello intitolato Un caso disperato e darmi la sua interpretazione, ne sarei grata. Direi che il tema ricorrente nella maggior parte di questi racconti è il rapporto uomo/donna in tutte le sue sfaccettature: crisi matrimoniali, tradimenti, stanchezza, inettitudine...
    Assolutamente consigliati a chi riesce ad apprezzare nel modo migliore i racconti.

    ha scritto il 

  • 4

    Due a due

    Questi dodici racconti narrano della vita, o di particolari vicende, dei sentimenti reciproci, dell'incontrarsi, ritrovarsi, lasciarsi, o rimanere insieme, di altrettante coppie di persone, uomo e donna, non sempre né necessariamente amanti; ma sullo sfondo, sempre, storie di amori.
    La scri ...continua

    Questi dodici racconti narrano della vita, o di particolari vicende, dei sentimenti reciproci, dell'incontrarsi, ritrovarsi, lasciarsi, o rimanere insieme, di altrettante coppie di persone, uomo e donna, non sempre né necessariamente amanti; ma sullo sfondo, sempre, storie di amori.
    La scrittura è estremamente gradevole, mai scontata, spesso sorprendente: sempre aliena da stereotipi e luoghi comuni. Sa cogliere aspetti e sfumature particolari di persone e relazioni. Niente sentimentalismi, nonostante il tema dominante: al contrario, spesso molto umorismo ma senza sarcasmi.
    Immagini di esterni, o di interiorità, particolarmente efficaci, come questa: "piccole onde si arricciavano lente lungo la spiaggia, allargandosi con tale riluttanza che il loro lieve sciabordio faceva parte del silenzio"; o la descrizione di un calice, "trasparenza pura, il nulla raccolto nel vetro"; o l'effetto dei "rumori del bosco di notte, la sensazione di creature che si ritirano nell'ombra spiando gli intrusi"; o ancora, infine,la descrizione di ciò che tante volte segna l'inizio apparentemente imprevedibile di un rapporto: "Tra loro era sorta quella curiosa sospensione della consapevolezza, il che significa che se scegliessi di essere consapevole capiresti cosa sta per succedere."
    Una lettura decisamente per palati fini, non per chi cerca sensazioni forti o trame travolgenti.

    ha scritto il 

  • 2

    A volte si fanno acquisti sbagliati.

    Mah.
    Nulla da dire su punti, virgole e sintassi.
    Sul contenuto, invece....
    Un libro di racconti monocorde.
    Un colore? Beige, un libro beige.
    Di che parla? Non lo so, l'ho già dimenticato.

    ha scritto il