Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il taccuino segreto di Cartesio

Di

Editore: Mondadori

3.5
(43)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 249 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804558016 | Isbn-13: 9788804558019 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: T. Cannillo

Genere: Biography , Philosophy

Ti piace Il taccuino segreto di Cartesio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tra le carte di Leibniz esiste la trascrizione che il filosofo fece di untaccuino custodito da Cartesio e che, dopo la sua morte, è andato perduto.L'unico ad aver avuto accesso a quel documento è stato il filosofo tedesco :un codice segreto che nascondeva i frutti di una ricerca matematica cheCartesio stava compiendo in gran segreto. Che cosa voleva nascondere il grandepensatore francese? Qual è il significato di quei numeri in codice? Inun'Europa lacerata dalla Guerra dei trent'anni si cela uno dei grandi enigmimatematici della storia: la formula geometrica che avrebbe cambiato la nostraidea dell'universo e che la Chiesa cattolica non avrebbe mai voluto chevenisse rivelata.
Ordina per
  • 4

    4 e 1/2. Una biografia che sembra a tratti un giallo, con incursioni nel campo della filosofia e della matematica; interessanti specie quelle matematiche, tenendo conto che sono una profana in materia. Ma quando Aczel afferma che il Cogito, ergo sum è "la deduzione più brillante della stor ...continua

    4 e 1/2. Una biografia che sembra a tratti un giallo, con incursioni nel campo della filosofia e della matematica; interessanti specie quelle matematiche, tenendo conto che sono una profana in materia. Ma quando Aczel afferma che il Cogito, ergo sum è "la deduzione più brillante della storia del pensiero occidentale" (p. 145), francamente sono almeno perplessa. Divergenze di pensiero, diciamo così; ma io, del mio pensiero, dubito...

    ha scritto il