Il talento di Mr. Ripley

Patricia Highsmith, 1

Di

Editore: RCS - Corriere della Sera

3.8
(1760)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 295 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Portoghese , Olandese , Sloveno , Ceco , Catalano

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria G. Prestini

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il talento di Mr. Ripley?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Tom Ripley, in viaggio dalla natia Boston in Italia, si invaghisce della personalità e del modo di vivere di Dickie, un giovane uomo conosciuto per caso. Quando Dickie si ribella alle profferte di amicizia di Ripley, questi non esita ad ucciderlo e a prendere la sua identità. E' l'inizio di una catena di omicidi, di fronte ai quali Tom Ripley, con il sangue freddo e l'amoralità che lo contraddistinguono, non arretrerà mai.
Ordina per
  • 3

    Giallo strano...tre stelle e mezza

    Che strano questo giallo. Mi sono ritrovata a parteggiare per l'assassino. Questo giovanotto senza arte nè parte vuole riscattare la sua modesta vita, non con l'impegno o il lavoro ma con gli inganni ...continua

    Che strano questo giallo. Mi sono ritrovata a parteggiare per l'assassino. Questo giovanotto senza arte nè parte vuole riscattare la sua modesta vita, non con l'impegno o il lavoro ma con gli inganni e sotterfugi; allora perché mi sta a cuore questo disgraziato di protagonista, patema d'animo (a me lettore) che non venga arrestato o che commetta qualche errore fatale? Perché l'autrice è brava e nonostante qualche parte noiosetta e forse datata è un gialletto da leggere.

    ha scritto il 

  • 3

    Non capisco se Il Talento di Mr. Ripley sia invecchiato male o se, semplicemente, non sia tutto questo gran romanzo. Lo stile di scrittura della Highsmith non è esaltante, eppure la trama riesce a t ...continua

    Non capisco se Il Talento di Mr. Ripley sia invecchiato male o se, semplicemente, non sia tutto questo gran romanzo. Lo stile di scrittura della Highsmith non è esaltante, eppure la trama riesce a tenere agganciato il lettore fino alla fine della storia. Il personaggio di Ripley è davvero ben caratterizzato, soprattutto nella sua omosessualità repressa, e il ritratto dell'Italia azzeccato e gustoso. Tuttavia, non sento il minimo desiderio di leggere gli altri romanzi su Ripley. Se persino l'ultima parte del primo romanzo è un allungamento del brodo, e gli intrighi del protagonista cominciano a mostrare la corda, mi chiedo con che materiale si possano riempire non uno, non due, ma altri quattro romanzi (!).
    Concludo questa recensione con un aneddoto semi-personale. Qualche anno fa mi capitò di leggere un'intervista a un musicista metal, capace di creare vere e proprie saghe con i suoi concept album. Ma il chitarrista si espresse anche contro l'abuso di tali escamotage. "[...] Quando i concept sono finiti bisogna avere la maturità di accettarlo.", disse.
    Sono molti gli scrittori che dovrebbero acquisire questa maturità.

    ha scritto il 

  • 4

    本來看到中間有點不耐煩,甚至想直接放棄。
    但蓋上最後一頁,居然有種毛骨悚然的顫慄感從腳底竄上。
    真的幸好有看完,不然又錯過一本好書。

    ha scritto il 

  • 4

    Era solitario ma non si sentiva solo.

    Non era solo Tom Ripley. Perchè dentro di lui coesistono tutte le personalità a cui aspira, e di cui anela l'ammirazione.
    Non era solo Tom Ripley. Con i suoi sogn ...continua

    Era solitario ma non si sentiva solo.

    Non era solo Tom Ripley. Perchè dentro di lui coesistono tutte le personalità a cui aspira, e di cui anela l'ammirazione.
    Non era solo Tom Ripley. Con i suoi sogni, le sue aspirazioni e la sua "grandeur"
    Non era solo Tom Ripley. Perchè l'ansia sottesa di essere scoperto nel suo bluff gli è compagna.

    ha scritto il 

  • 3

    La maschera di Tom Ripley

    Mr. Ripley è un giovane americano con la capacità di indossare una "maschera" e di vendersi nei più disparati contesti sociali. questa sua caratteristica lo porterà ad incontrare un ricco armatore (Mr ...continua

    Mr. Ripley è un giovane americano con la capacità di indossare una "maschera" e di vendersi nei più disparati contesti sociali. questa sua caratteristica lo porterà ad incontrare un ricco armatore (Mr. Greenleaf) che, credendolo un amico intimo del figlio Dickie, gli proporrà di partire per l'italia a sue spese con il compito di convincere lo stesso Dickie ad abbandonare i suoi propositi di diventare un artista per fare ritorno a casa e gestire l'impresa di famiglia.
    Da qui si sviluppano una serie di vicende nelle quali viene alla luce la personalità controversa e problematica del protagonista.
    Non volendo anticipare altro, dico solo che la trama è carina; non a caso da questo libro è stato tratto un film.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro bellissimo, che parte un po' in sordina, forse si dilunga un po' troppo nella prima parte, ma che poi decolla. Che nervoso che fa montare Tom Ripley, viene continuamente voglia di prenderlo a ...continua

    Un libro bellissimo, che parte un po' in sordina, forse si dilunga un po' troppo nella prima parte, ma che poi decolla. Che nervoso che fa montare Tom Ripley, viene continuamente voglia di prenderlo a schiaffi!

    ha scritto il 

  • 5

    Per essere allegri, malinconici, ansiosi, riflessivi oppure cortesi, bastava simulare questi sentimenti, bastava recitare con ogni parte di sè.

    Un paio di anni fa (nonostante sia uscito nel 1999) ho visto per la prima volta l’omonimo film di Anthony Minghella e ne sono rimasta completamente affascinata. Ho quindi deciso poi di leggere il libr ...continua

    Un paio di anni fa (nonostante sia uscito nel 1999) ho visto per la prima volta l’omonimo film di Anthony Minghella e ne sono rimasta completamente affascinata. Ho quindi deciso poi di leggere il libro da cui la pellicola era stata tratta, sperando di non rimanerne delusa – perchè sì, quando a volte si vede prima la versione cinematografica, poi si corre il rischio di perdere tutti i colpi di scena e le novità che si assaporerebbero nella lettura. Fortunatamente, con il capolavoro di Patricia Highsmith non è successo. Tom Ripley è un giovane americano che campa organizzando piccole truffe; è piuttosto insoddisfatto della sua vita ma, per una volta, la buona sorte gli viene in soccorso. Incontra infatti il signor Greenleaf, padre di un suo vecchio compagno di scuola, Dickie, che lo persuade – pagandolo anche discretamente – a recarsi in Italia, nel paesino marittimo di Mongibello, dove il figlio risiede, per convincerlo a tornare in America. Ha luogo quindi quello che per Tom è un “nuovo inizio”: incontra Dickie, ne rimane ammaliato, e decide di dar luogo ad uno scambio d’identità che gli permetterà di assumere una nuova, magnifica, ricca vita. Senza spoilerare troppo, vi dico che questo romanzo, ambientato per la maggior parte in Italia, è un thriller psicologico veramente appassionante, e, nonostante il protagonista non sia propriamente una brava persona, non potrete non affezionarvi a lui.

    ha scritto il 

Ordina per