Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il teatro di Sabbath

Di ,

Editore: Einaudi

4.1
(1037)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 401 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: 8858400607 | Isbn-13: 9788858400609 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il teatro di Sabbath?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Philip Roth è un grande. E’ un opinione personale e pertanto soggetta a confutazione altrui, ma non sono disposta a cambiare il mio pensiero. Philip Roth è per me un perno della letteratura contemporanea inamovibile nella mia scala degli autori preferiti. D’accordo, in certi romanzi, come questo ...continua

    Philip Roth è un grande. E’ un opinione personale e pertanto soggetta a confutazione altrui, ma non sono disposta a cambiare il mio pensiero. Philip Roth è per me un perno della letteratura contemporanea inamovibile nella mia scala degli autori preferiti. D’accordo, in certi romanzi, come questo, ostico e faticoso, ma anche uno di quegli autori che tratteggiano i propri personaggi con una maestria di cui pochi sono padroni. Nel caso di Mickey Sabbath il compito è davvero arduo per quanto ben riuscito. Il protagonista, burattinaio erotomane, ci accompagna, anzi a volte sarebbe più corretto dire, ci trascina, nella sua realtà quotidiana abbastanza complessa. I personaggi femminili di Drenka, donna dissoluta e sessualmente amatissima, Roseanna, fragile moglie alcolizzata e in via di disintossicazione, e Nikki la prima moglie attrice scomparsa all’improvviso, si alternano nella narrazione come burattini su di un palco. Il palco del teatro dei burattini di Sabbath, appunto. E’ difficile entrare nella mente di Sabbath , impossibile diventarne amici, inevitabile provare tenerezza e pietà per un uomo tanto dissoluto e sofferente, in grado di descrivere impietosamente le proprie continue sconfitte . Non troverete la verve di Zuckerman, ma nel gioco degli opposti tra ciò che c’è di buono in noi e ciò che c’è di cattivo in Sabbath, il nostro yin e yang e il suo, vi appariranno come per magia sovrapposti, tuttavia toccare il fondo con il fallimento di un altro, fa davvero meno male che farlo in proprio! Un po’ Bukowsky, un po’ Céline. Difficile arrivare alla fine!

    ha scritto il 

  • 3

    … è uno di quei libri di Roth che mi lasciano perplessa. certe parti sono veramente intense, altre non saprei proprio come descriverle. Probabilmente la descrizione del sesso così smodato ha su di me un effetto negativo.

    ha scritto il 

  • 2

    Non sono un bacchettone...

    ...ma quando è troppo, è troppo! Sesso, sesso, sesso dalla prima all'ultima delle quasi cinquecento pagine. Sesso e solo sesso, un intero mondo fatto di sesso, talmente tanto da risultare noioso e talvolta disgustoso.

    ha scritto il 

  • 5

    Philip Roth - Il teatro di Sabbath

    Grottesco, esagerato, sboccato, irriverente, strabordante. Questi sono solo alcuni degli aggettivi che meritano di essere usati per descrivere questo capolavoro di Roth, un romanzo che trascina, che sciocca per bocca del suo burattinaio Sabbath, vero e proprio personaggio (mai termine è più azzec ...continua

    Grottesco, esagerato, sboccato, irriverente, strabordante. Questi sono solo alcuni degli aggettivi che meritano di essere usati per descrivere questo capolavoro di Roth, un romanzo che trascina, che sciocca per bocca del suo burattinaio Sabbath, vero e proprio personaggio (mai termine è più azzeccato) in linea con i grandi alter ego di questo scrittore.

    Il teatro di Sabbath è un viaggio nei meandri della lussuria, della depravazione, ma anche della vecchiaia, della morte e della vita. È un libro che mette a nudo (non solo fisicamente) le pulsioni di un uomo che non ha mai fatto nulla per resistervi, perchè forse spesso reprimere ciò che abbiamo dentro vuol dire condannare noi stessi ad una vita vissuta a metá, una vita monca.

    Il linguaggio di Roth come al solito è ricco, strabordante, esagerato nei contenuti, senza un attimo di pausa e tregua e con salti temporali gestiti in maniera impeccabile, avvolti in un turbinio di parole ed un profluvio di situazioni grottesche, sboccacciate.

    Uno dei migliori libri di Roth per me in cui tutta la sua carica satirrica ed erotica prorompe a getto continuo, lasciando spesso esilarati da quanto si legge. Consigliato a tutti, a patto che non vi scandalizziate per termini e situazioni molto al limite. Ma Roth è così, non è certo un tipo leggero. Stupendo!

    ha scritto il 

  • 3

    Avrei potuto dare una mezza stella in più.... Opera non troppo riuscita di quel maestro che è Philip Roth, "Il teatro di Sabbath" è esagerato, furibondo, lussurioso. Il libro è magistralmente orchestrato tra presente, passato e immaginazione del protagonista. dietro a tutto questo c'è però poca c ...continua

    Avrei potuto dare una mezza stella in più.... Opera non troppo riuscita di quel maestro che è Philip Roth, "Il teatro di Sabbath" è esagerato, furibondo, lussurioso. Il libro è magistralmente orchestrato tra presente, passato e immaginazione del protagonista. dietro a tutto questo c'è però poca cosa, una storia che non convince fino in fondo, un amore fondato solo sulla libidine, un tormentato rapporto con la morte. Tutto reale, forse. Per un romantico però, è davvero troppo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    La confessione di un clown perverso

    E’ il 1994. L’ebreo Morris (Mickey) Sabbath ex burattinaio sessantaquattrenne, dotato di libidine sfrenata, sarcasmo tagliente e creatività scandalosa, dalle dita ormai devastate dall’artrite, vive da anni in un paese rurale del New England, Madamaska Falls dove ha insegnato tecnica teatrale in u ...continua

    E’ il 1994. L’ebreo Morris (Mickey) Sabbath ex burattinaio sessantaquattrenne, dotato di libidine sfrenata, sarcasmo tagliente e creatività scandalosa, dalle dita ormai devastate dall’artrite, vive da anni in un paese rurale del New England, Madamaska Falls dove ha insegnato tecnica teatrale in un collage locale fino al giorno in cui fu costretto a dimettersi a causa di uno scandalo che riguardava una registrazione di una telefonata pornografica avuta con una studentessa. Sabbath è sposato con un’alcolista, Roseanna, (La sua precedente moglie, Nikki, un’attrice di origine greca, è scomparsa nel 1964, dopo di che Sabbath lasciò New York per la vita in campagna). Il grande amore erotico della sua vita, la Croata Drenka Balich, che con il marito ha condotto per anni un albergo a Madamaska falls, è morta di recente di cancro, lasciando Sabbath solo e disperato. Mickey è cresciuto sulla costa del New Jersey con i genitori e il fratello di cinque anni più grande, Morty, che è stato ucciso dai Giapponesi nel 1944. Ora, sono passati cinquant’anni e Sabbath sente la voce della madre morta che gli parla come fosse ancora un bambino. Un’altra morte, quella di un suo vecchio amico, lo fa decidere a lasciare Roseanna per dirigersi a New York per il funerale e per organizzare il proprio suicidio. Attraverso continui flashback, siamo condotti entro il teatrino di questo vecchio senza vergogna fra episodi intrisi di dramma, comicità clownesca, ossessione sessuale, amoralità ma anche lirismo e sensibilità impareggiabili. La tecnica narrativa è talmente complessa e multiforme da rendere quest’opera un esempio irrinunciabile per coloro che vogliono fare della scrittura il loro mestiere. La trama narrativa (intreccio) non coincide con i fatti cronologici (fabula). La vicenda si snoda tra presente e passato, tra numerosi flashback, digressioni, parentesi che si aprono, più o meno all’improvviso lungo un unico filo conduttore, spaziando dagli affreschi di stampo brutalmente sessuale, a quadri classici di una dolcezza inaspettata, attraversando anche paesaggi surreali, con qualche pennellata di pulp. La voce narrante onnisciente è imparziale e razionale e si alterna alla voce narrante in 1a persona che ci porge con emozione la sua disperata confessione priva di morale, da clown perverso che irretisce il lettore e subito dopo lo disgusta. L’alternarsi di queste due voci crea vivacità teatrale, come se l’introspezione dell’animo del protagonista fosse a tratti abbandonata per acquistare uno sguardo oggettivo e critico nei riguardi della folle esistenza scellerata del burattinaio. Il teatro che ruota attorno a questo saltimbanco privo di morale è composto da marionette multiformi: amanti, mogli, conoscenze, amici, famigliari; tutti vengono “usati” per cercare di lenire la propria estrema inesauribile disperazione, quel sentimento che lo accompagnerà per tutta la vita dopo la morte del fratello. Ma fra tutte le marionette, fra tutti i fantasmi solo la “gemella genitale” Drenka riuscirà (fino alla morte di lei) ad abbattere lo strazio esistenziale di Sabbath con il gioco, quello infantile delle parole, e quello animalesco dei loro corpi, delle loro secrezioni. In sostanza Il teatro di Sabbath è la narrazione di un clown disperato, intercalata con i suoi giochi pervertiti, i suoi lazzi osceni, i suoi pensieri lascivi ma anche illuminata dal suo sguardo poetico. Il clown Augusto, così fisico e terreno, si trasforma alla fine in Pierrot e piange del suo dolore, dei suoi morti, dei suoi ricordi, della sua follia, del se stesso come poteva essere e come invece è risultato. La scelta della morte sembrerebbe essere la soluzione finale ma sarebbe troppo semplice e facile.Forse alla fine sarà la vita a scegliere e sceglierà di farlo ancora esistere per rinnovargli l’ ultimo doloroso disagio, quello della vecchiaia, della solitudine, del dolore, per assolvere l’ultimo compito di essere il guardiano del suo fallimento. Con il personaggio di Michey Sabbath, Roth presenta un altro lato della sua ricerca sulla libertà umana. Qui l’uomo diventa satiro fornicante, somma di tutti gli eccessi, di tutte le trasgressioni e le provocazioni. È libertà assoluta, è carne e sesso: ciò che che secondo. D.H. Lawrence, è l’unica arma rimasta all’uomo per avvicinarsi alla vita autentica. Conclusione. Il romanzo è legato a doppio filo con tanti capolavori della letteratura mondiale. Dal Satyricon, al De Cameron nei suoi aspetti più indecenti; dai poemi erotici di Rochester; alla Fanny Hill di Cleland; da Lawrence naturalmente, alle confessioni di Nabokov, da Erica Jong, al Marchese de Sade e Henry Miller. Mickey Sabbath fa pensare anche ai personaggi di Pasolini, spinti da una realtà spirituale tormentata e intensa ma così ignobili, sporchi, direi melmosi, nei giochi esistenziali che inventano per lenire il loro strazio. Insomma per leggere Roth occorre preparazione e predisposizione ad essere colpiti in faccia con le immagini più triviali ma anche con i pensieri più contemplativi e profondi e non è pane per tutti.

    ha scritto il 

Ordina per