Il telefono di Calipso e altre «Storie sgradevoli»

Di

3.4
(7)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Altri

Isbn-10: 8870188434 | Isbn-13: 9788870188431 | Data di pubblicazione: 

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Il telefono di Calipso e altre «Storie sgradevoli»?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    IL REALE CELATO NELL'ASSURDO

    Otto brevi racconti riuniti in un unico volumetto (1894), lontani dalla coeva produzione letteraria francese ancora intrisa di tinte naturaliste.
    Una scrittura delirante a parlare di vita e morte indi ...continua

    Otto brevi racconti riuniti in un unico volumetto (1894), lontani dalla coeva produzione letteraria francese ancora intrisa di tinte naturaliste.
    Una scrittura delirante a parlare di vita e morte indissolubilmente intrecciate fra loro in situazioni al limite dell’assurdo e del paradosso ma tristemente paragonabili all’orrore della nostra cronaca quotidiana.
    Il reale si tinge di fosco ne “La tisana”, primo racconto dove una madre si reca in confessione e il di lei figlio che la ascolta di nascosto ne scopre l’intento omicida che si riverserà su di lui. Il secondo racconto, “La religione di Monsieur Pleur ” presenta l’assurdo attraverso la tecnica del rovesciamento;un ricco signore vivere nella più bieca avidità(efficacemente rappresentata) e per questo viene dileggiato, in realtà...
    O ancora “Il parlatorio delle tarantole” in cui si racconta lo strano caso, poi rivelatosi fortunato, di un uomo che incappa nella vena poetica e nella verve narrativa di Damasceno Chabrol, il quale “era stato medico” per poi dedicarsi a “un ostinato e intenso studio della poesia”. Attratto nella sua casa con un invito a cena l’uomo ci farà calare in un vero e proprio racconto noir per poter sperare di uscirne vivi. L’ironia è dietro la porta. Singolare poi la storia degli sposi smemorati de “I prigionieri di Longjumeau” dove l’immaginazione visionaria si nutre della formazione cattolica per far comparire protagonista indiscusso il Diavolo.
    Si arriva poi al racconto che dà il titolo alla raccolta,il più riuscito nella sua efficace critica al mezzo telefonico in tempi non sospetti come quelli che viviamo.
    Complessivamente interessanti, molto lontani dai miei gusti letterari li consiglio solo se interessati al genere o all’autore.

    ha scritto il 

  • 3

    8 racconti in 70 pagine!
    Letti sul vaporetto nella laguna di Venezia...ma nessun romanticismo, anzi!
    Paradossali, visionari,originali, esilaranti....un'occasione per capire lo stile e la genialità di ...continua

    8 racconti in 70 pagine!
    Letti sul vaporetto nella laguna di Venezia...ma nessun romanticismo, anzi!
    Paradossali, visionari,originali, esilaranti....un'occasione per capire lo stile e la genialità di Léon Bloy, scrittore francese poco conosciuto al grande pubblico, ma amato da Borges.
    Questi racconti volgono lo sguardo beffardo verso " un'umanità in preda al delirio ", criticano il mondo borghese, visto come " il ricettacolo di tutti i difetti umani ".
    Carino ma poco adatto alla lettura sul vaporetto...si rischia la nausea per il resto della giornata!:)

    ha scritto il