Il tempo è un bastardo

Di

Editore: Minimum Fax (Sotterranei; 156)

4.0
(2072)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 391 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Tedesco , Chi tradizionale , Finlandese , Francese , Portoghese , Coreano

Isbn-10: 8875213631 | Isbn-13: 9788875213633 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Matteo Colombo

Disponibile anche come: eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Musica

Ti piace Il tempo è un bastardo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il tempo è un bastardo è un romanzo breve che è valso il premio Pulitzer alla scrittrice americana Jennifer Egan.
Il libro è diventato famoso per lo stile in cui è scritto che esula dalla scrittura tradizionale e che riprende, in modo estremamente originale, alcuni dei metodi moderni della comunicazione, tra cui spiccano numerose pagine che diventano delle slide di powerpoint e alcune abbreviazioni, tipiche della scrittura che i giovani utilizzano per gli sms.
La narrazione si alterna tra prima, seconda e terza persona, dando ritmo e cambiando velocemente l'inquadratura.
Come dice il titolo stesso, il romanzo racconta delle difficoltà legate al passare del tempo, al crescere e all'invecchiare.
Si parla della storia di diverse persone. Sasha è in terapia da uno psicologo perché ha tendenze cleptomani ed è l'assistente di Bennie, che lavora nel settore discografico e sta facendo visita ad una band per chiudere un accordo. Essi sono i due personaggi principali, che restano sempre, più o meno, al centro della scena, in base alle diverse prospettive che vengono descritte.
A volte infatti il racconto parlerà delle persone che i due incontrano nel corso della loro vita.
Il tempo è un bastardo, di Jennifer Egan, è un romanzo divertente e originale che non deluderà gli appassionati delle sperimentazioni letterarie di qualità.
Ordina per
  • 4

    Molto originale

    Non il consueto racconto. Mi piace questo tipo di libri in cui i racconti si incastrano e le storie si legano una all'altra da un capitolo al successivo.
    Non conoscevo l'autrice prima, quindi non avev ...continua

    Non il consueto racconto. Mi piace questo tipo di libri in cui i racconti si incastrano e le storie si legano una all'altra da un capitolo al successivo.
    Non conoscevo l'autrice prima, quindi non avevo aspettative di nessun genere. E' stata una bella scoperta, un libro diverso dal solito.
    Per quanto possa valere la mia opinione, lo consiglio. :-)

    ha scritto il 

  • 5

    讀者也是自個兒生命裡的癡人,如同原文書名所隱喻的:歲月是個惡棍,縱然年少曾經瘋狂,最終也會成長,而那些曾經會在午夜夢迴時,或著某次有緣人的雙眸裡,帶你重遊舊地,再不經意地刺傷你。

    ha scritto il 

  • 4

    Come tutti i romanzi americani degli ultimi trent’anni, si legge di fretta perchè va letto in fretta. Non c’è traccia di linguaggio perfettamente ricercato, forbito, letterario, piacevolmente estetico ...continua

    Come tutti i romanzi americani degli ultimi trent’anni, si legge di fretta perchè va letto in fretta. Non c’è traccia di linguaggio perfettamente ricercato, forbito, letterario, piacevolmente estetico, da gustare e assaporare. Una prosa nutriente. Dimenticare tutto ciò. Divieto di sosta. Tracannare in un sol sorso.
    Come struttura il romanzo presenta delle novità. Dare ad ogni personaggio uno spazio tutto suo non è certamente originale; Jennifer però perfeziona e fa evolvere questo modello spingendolo agli estremi, tanto d’aver letto che qualche critico vede il libro non come un romanzo ma come a collection of linked short stories. E a parte alcuni disegni ne La colazione dei campioni, non mi ero mai imbattuto in slide per descrivere il pensiero di un personaggio (in questo caso la bambina leggermente autistica figlia di Sasha).
    Prima pensiero consolatorio: finiamo tutti in una banca dati di qualche grossa azienda. Ma non lamentiamoci, è quello che vogliamo.
    Secondo pensiero consolatorio: non dogliamoci per la perdita della giovinezza. Capita a tutti noi. La piena consapevolezza di ciò porta in sé dolore e crescente disagio ma anche dolcezza stemperata nel ricordo. E’ tutto una questione di dosaggio. In fin dei conti non è male avvertire il passare del tempo.
    Leggerlo mi ha fatto stare tanto bene. Ho una profonda gratitudine verso Jennifer.

    ha scritto il 

  • 4

    Come tutti i romanzi americani degli ultimi trent’anni, si legge di fretta perchè va letto in fretta. Non c’è traccia di linguaggio perfettamente ricercato, forbito, letterario, piacevolmente estetico ...continua

    Come tutti i romanzi americani degli ultimi trent’anni, si legge di fretta perchè va letto in fretta. Non c’è traccia di linguaggio perfettamente ricercato, forbito, letterario, piacevolmente estetico, da gustare e assaporare. Una prosa nutriente. Dimenticare tutto ciò. Divieto di sosta. Tracannare in un sol sorso.
    Come struttura il romanzo presenta delle novità. Dare ad ogni personaggio uno spazio tutto suo non è certamente originale; Jennifer però perfeziona e fa evolvere questo modello spingendolo agli estremi, tanto d’aver letto che qualche critico vede il libro non come un romanzo ma come a collection of linked short stories. E a parte alcuni disegni ne La colazione dei campioni, non mi ero mai imbattuto in slide per descrivere il pensiero di un personaggio (in questo caso la bambina leggermente autistica figlia di Sasha).
    Prima pensiero consolatorio: finiamo tutti in una banca dati di qualche grossa azienda. Ma non lamentiamoci, è quello che vogliamo.
    Secondo pensiero consolatorio: non dogliamoci per la perdita della giovinezza. Capita a tutti noi. La piena consapevolezza di ciò porta in sé dolore e crescente disagio ma anche dolcezza stemperata nel ricordo. E’ tutto una questione di dosaggio. In fin dei conti non è male avvertire il passare del tempo.
    Leggerlo mi ha fatto stare tanto bene. Ho una profonda gratitudine verso Jennifer.

    ha scritto il 

  • 4

    Tante vite, tanti stili, tante lezioni

    Un libro che è tanti libri, o per lo meno tanti possibili libri. Racconti legati dall'intrecciarsi dei personaggi e dell'appartenenza ad un mondo comune (un ambientazione molto americana e molto giova ...continua

    Un libro che è tanti libri, o per lo meno tanti possibili libri. Racconti legati dall'intrecciarsi dei personaggi e dell'appartenenza ad un mondo comune (un ambientazione molto americana e molto giovanile che in parte ne limita la fruibilità) e divisi dalla varietà di stili, di storie e di punti di vista che nella varietà trovano una grande coerenza di forma e contenuto.
    Un bel libro in cui è divertente cercare le ricorrenze e le differenze, le evoluzioni che lo rendono omogeneo nella sua diversità. Oguno potrà trovare il suo personaggio e riempiendo poi la fantasia quello che saltando da un tempo all'altro, non viene raccontato. Una potenziale saga meravigliosamente ridotta alle pietre angolari nelle vite dei personaggi.

    ha scritto il 

  • 3

    L'unico modo di farmi leggere racconti

    ...che poi, magari, alla fine mi piacciono anche! Però mi sembrano troppo brevi, non mi invogliano a preferirli ad un romanzo.
    Questa è una serie di racconti in cui compaiono gli stessi personaggi, ma ...continua

    ...che poi, magari, alla fine mi piacciono anche! Però mi sembrano troppo brevi, non mi invogliano a preferirli ad un romanzo.
    Questa è una serie di racconti in cui compaiono gli stessi personaggi, ma i punti di vista sono diversi e l'ordine non è cronologico: una sorta di "paragone" tra presente e futuro, o passato e presente che sia.

    ha scritto il 

  • 5

    Lo stile narrativo è assolutamente strepitoso (apprezzo moltissimo le trame non lineari), il racconto si sposta avanti e indietro nel tempo così da fornire, nel finale, il quadro completo dei legami t ...continua

    Lo stile narrativo è assolutamente strepitoso (apprezzo moltissimo le trame non lineari), il racconto si sposta avanti e indietro nel tempo così da fornire, nel finale, il quadro completo dei legami tra i personaggi e di quello che li ha uniti (o divisi) nel corso di vent'anni di storia; e sul finale si ritrova il personaggio della prima pagina, quello che compare lì, e solo lì, e di tanto in tanto mentre leggi ti chiedi che fine abbia fatto. Il romanzo si legge molto piacevolmente, perché è, tra l'altro, molto ben scritto. Ho apprezzato molto anche i riferimenti musicali (sembrava di ascoltare i brani citati mentre la storia si sviluppava), e molto interessante è, verso la fine, il riferimento alle pause nelle canzoni rock. Mi è piaciuto molto il modo di "raccontare" del penultimo capitolo: non prosa, ma grafici. Mi ha ricordato, a tratti, "La scopa del sistema". Bello, bello, bello!

    ha scritto il 

  • 4

    Banana ed altro - 23 agosto 2015

    Mi incuriosì per le citazioni libropeutiche, e per aver vinto il Premio Pulitzer nel 2011. Tanto che decisi di comperarlo senza aspettare edizioni economiche o sconti. Un piccolo inciso sul Pulitzer, ...continua

    Mi incuriosì per le citazioni libropeutiche, e per aver vinto il Premio Pulitzer nel 2011. Tanto che decisi di comperarlo senza aspettare edizioni economiche o sconti. Un piccolo inciso sul Pulitzer, che è eminentemente un premio giornalistico, ma che, come sottoprodotto, ha anche dei premi che variano dalla letteratura all'arte ed alla musica; e nella narrativa viene assegnato ad un'opera di un autore statunitense, che tratti in preferenza della vita americana. Chiuso l’inciso veniamo ora al libro, che una volta chiuso, vorrei tornare ad aprire, vorrei tornare ad immergermi nella vita di Benny, di Sasha, di Dolly, e di tutti i personaggi (anche di Lincoln, perché no) di cui la fertile mente di Jennifer Egan ha popolato questo spazio. Un libro magistrale, forse non semplicissimo (pieno di nomi, di rimandi, ed anche di musica, con citazioni neanche tanto scontate). Ma sicuramente un libro che non mi si scollava di dosso. Che inizia tra l’altro con una difficile traduzione del titolo. In italiano ci si rifà al tempo chiamandolo bastardo, come in spagnolo, dove lo si chiama canaglia. Mentre in francese si ceca di svelare un po’ di più chiedendosi nel titolo che cosa abbiamo fatto dei nostri sogni. In inglese, dicevo, è più complicato. Si parla di una visita di una “Goon Squad”, termine ha origine nella metà degli anni '90, dove indica gruppi di teppistelli che venivano assoldati per intimidire, e presto passato ad indicare, nel lato violento, una banda criminale, e nel lato “leggero” un accolita di teppisti. La Egan lo usa per indicare il nocciolo duro da cui si dipartono le storie, una specie di band rock degli anni ’70 in quel di San Francisco, con il suo bassista-manager Bennie (e quanto c’è in lui del grande Bill Laswell?), il suo chitarrista-fenomeno Scotty, il batterista Bosco e le groupie (Jocelyn, Rhea e Alice). Il bello, ed il difficile, della storia è che non seguiamo la band in un percorso temporale sincrono, ma ci vengono sfornati 13 capitoli, che possono quasi leggersi come tredici racconti (ognuno ha un suo sviluppo interno ed una sua coesione), ma che sono legati perché nei racconti entrano ed escono i personaggi della band, ma anche quelli a loro legati, in una specie di Girotondo alla Schnitzler, che, andando su e giù nel tempo, dai mitici anni ’70 a qualche anno del prossimo futuro (ma forse del nostro presente) cerca di sviluppare il tema che ad un certo punto dice uno dei personaggi: come siamo passati da A a B? cioè “com'è successo che da rockstar io sia diventato un ciccione che nessuno s’incula?”. Da qui capite il riferimento del titolo francese. Uno degli assi portanti, che parte dalla band di cui sopra, sarà Bennie, pieno di idee verso la nuova musica che, partendo dal rock puro degli anni ’70 passa per le propaggini estreme, tra canzoni d’impegno e suoni duri (forse heavy metal, forse altro). E per le sue capacità di talent e di manager. L’incontro che farà maturare Bennie è con il divo rock Lou, emblema di tutto il meglio ed il peggio delle star. Sempre pieno di soldi e droga, con famiglie che costruisce e sfascia. E con le storie, cui cambierà la vita, con Jocelyn e, forse, con Rhea. E mentre si imbastiscono i primi tradimenti all'odore di fumo pesante (con Bennie che non si dichiara ad Alice, così che lei si mette con Scotty), per riscattare la sua incapacità di suonare e di amare, Bennie fonda una casa discografica, che avrà un enorme successo nel lanciare nuovi talenti. Qui si inserisce il secondo volano della storia, Sasha, che dopo una gioventù sbandata, trova il suo posto come segretaria di Bennie, raddrizzando le storie che a lui cominciano ad andare storte. Anche se di Sasha sappiamo di più, per una lunga seduta di analisi, in cui scopriamo la sua pulsione cleptomane, ed il breve amore per il giovane e belloccio Alex. Bennie, fatta fortuna, con la moglie Stephanie si sposta nelle zone “in” di New York, dove Stephanie verrà a poco a poco risucchiata e corrotta dallo star system, e dai nuovi ricchi repubblicani. Mentre tentava ancora di avere una sua strada come giornalista al servizio di Dolly, portandosi appresso il fratello giornalista e fuori di testa, che viene condannato a 5 anni per tentato stupro al Central Park di un’attricetta che sta intervistando. La vita di Bennie va a rotoli quando si rifiuta di cedere al mercato (mitica la scena in cui al consiglio d’amministrazione che vuole portare la casa discografica verso facili successi porta a colazione della merda, dicendo “Volete vendere merda? Allora mangiate merda!”), e viene licenziato. Stephanie lo lascia, rifacendosi una vita con gli alimenti, perché nel frattempo lascia anche Dolly, la cui agenzia di promoter va a rotoli per un party sbagliato. Sasha sparisce e la troviamo anni dopo, sposata con Drew, un chirurgo dai buoni sentimenti, vivere ai margini di un deserto con la brillante figlia Alison, maniaca di Power Point (e molto bello è il capitolo fatto tutto a slide) ed il secondo figlio quasi autistico Lincoln, che cerca nei dischi le pause di silenzio (e ne fa una disamina acuta e coinvolgente analizzando David Bowie ed i Led Zeppelin, i Police e Jimi Hendrix). Dolly cerca di risalire la china facendo la promoter per un generale sudamericano in odore di massacri civili, coinvolgendo in un servizio fotografico l’attricetta dello stupro al Central Park. Ma anche questo andrà a rotoli, e lei si ritirerà in campagna a fare torte artigianali. Bennie tocca il fondo, poi trova nuovo sprint in un nuovo matrimonio, e nell’idea (vincente) di lanciare un concerto live del vecchio Scotty, rimasto sempre nell’ombra, ma sempre fedele a sé stesso. Anche se ormai imbolsito (come da citazione di cui sopra). E per il lancio usa come elemento di spinta Lulu, la figlia di Dolly che riesce a convincere Scotty a salire sul palco, e Alex (l’amore di Sasha sempre di cui sopra), anche lui sposato e con figlio piccolo. Ad un certo punto c’è anche una riunione di (quasi) tutti a casa di Lou, per assisterne gli ultimi istanti di vita. Con gli echi di chi ricordava la stessa casa, trenta anni prima, piena di tutti altri fermenti ed altri suoni. Io ho ricostruito la storia lineare perché mi piaceva fare così, ma come detto, la scrittrice riesce a farne una storia che va su e giù nel tempo, durante la quale siamo noi a dover ricostruire i pezzi saltati o accennati. Perché invece lei, nella sua circolarità, inizia con la mini-storia di Sasha e Alex, e finisce con Benny e Alex che vanno alla vecchia casa di Sasha, senza sapere della di lei nuova vita. Succede anche molto altro che tralascio per brevità e curiosità. Ribadendo il piacere della lettura, gli stimoli cultural-musicali che propone. E ritornando alla domanda su come abbiamo fatto, anche noi, a passare da quell'A che eravamo al nostro B attuale. Domandandoci anche com'è che, dentro, spesso, non ci sentiamo diversi, anche se tutto intorno a noi ci dice il contrario. Una bella lettura assolutamente da consigliare (e non preoccupatevi di ricostruire le storie come fa il vostro amico maniaco ma godetevele e rimanete sempre su quella domanda). Buona lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro raro

    Meritato Pulitzer. Un "romanzo per racconti" che è anche una riflessione sul nostro tempo, sui nuovi linguaggi, sul tempo, la memoria, su come ogni cosa sia vivida ed eterna finché abita il ristretto ...continua

    Meritato Pulitzer. Un "romanzo per racconti" che è anche una riflessione sul nostro tempo, sui nuovi linguaggi, sul tempo, la memoria, su come ogni cosa sia vivida ed eterna finché abita il ristretto spazio del presente. Personaggi memorabili, piccole vicende iconicamente azzeccatissime, una certa grazia... un libro raro in questi anni.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per