Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il tempo che ci vuole

Di

3.4
(7)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8849707207 | Isbn-13: 9788849707205 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Il tempo che ci vuole?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Ma... il romanzo dov'è?

    Me lo sono domandata perchè da subito mi sono detta, "Questa Francsca Palumbo sa scrivere", ma strada facendo mi rendevo conto che c'era, come dire, SOLO la scrittura: niente personaggi (l'unico con un po' di consistenza è Monica; Girardi, per dirne uno, è ridotto a uno spot di pubblicità-progres ...continua

    Me lo sono domandata perchè da subito mi sono detta, "Questa Francsca Palumbo sa scrivere", ma strada facendo mi rendevo conto che c'era, come dire, SOLO la scrittura: niente personaggi (l'unico con un po' di consistenza è Monica; Girardi, per dirne uno, è ridotto a uno spot di pubblicità-progresso sulla Scuola), niente relazioni, niente emozioni, niente movimento. Pensieri e sentimenti sono DESCRITTI con uno strumento affilato e preciso, che però finisce per restare fine a se stesso. Non so come spiegarmi meglio.
    Si passa attraverso tradimenti, gelosie, rivalità, depressione, Alzheimer, un aborto, un'overdose, un tentato stupro e un accoltellamento senza provare il minimo sussulto, si salta da un episodio all'altro indifferentemente (esempio: tra Monica e sua madre succede l'impossibile, ma dopo che si passa dai ceffoni alle carezze non se ne sa più nulla, se non nel lietofine di chiusura; idem la rivalità tra Monica e Dunia, che si affaccia per scomparire rapidamente in uno scambio di sms).
    Il titolo di ogni breve capitolo ci dice chi agisce o pensa, ma anche chi scrive il diario, o il sms (c'è perfino un "SMS pensato e non inviato"), dove ci troviamo... a mio avviso sarebbe diverso se queste informazioni venissero dedotte dalla scrittura stessa, che così si indebolisce ulteriormente.
    Mi resta il dubbio che il libro sia rivolto ad una fascia si pubblico adolescente, ma mi sembra che le scelte linguistiche dicano il contrario.

    NOTA PER LO SCAMBIO: ci sono alcune sottolineature a matita, per il resto è praticamente nuovo

    ha scritto il