Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il tempo della decrescita

Introduzione alla frugalità felice

Di ,

Editore: Elèuthera

3.7
(41)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 107 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8896904013 | Isbn-13: 9788896904015 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Guido Lagomarsino ; Prefazione: Marco Aime

Genere: Social Science

Ti piace Il tempo della decrescita?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Come testo, come contenuti, ho trovato molto più incisivi altri testi di Latouche, comunque il libro s'è letto e va bene come ulteriore "mattone" per edificare un'idea compiuta di decrescita.

    ha scritto il 

  • 1

    La fiera delle banalità.

    I suoi "ragionamenti" più o meno sono l'equivalente del sostenere come, dato che mantenere le carceri, i poliziotti, i magistrati ecc. ecc. costa, allora sarebbe meglio non commettere delitti. Grazie ...continua

    I suoi "ragionamenti" più o meno sono l'equivalente del sostenere come, dato che mantenere le carceri, i poliziotti, i magistrati ecc. ecc. costa, allora sarebbe meglio non commettere delitti. Grazie al piffero. Sappiamo benissimo che le risorse non bastano e che alcune (petrolio) finiranno presto. Ma come prevenire i conflitti che si scateneranno per accaparrarsi le risorse rimaste? Con la buona volontà? magari bastasse: perché continuare ad infrangere la legge se poi, per rispettarla, bisogna spendere tanto?

    ha scritto il 

  • 5

    può esistere una sintesi di un libro il cui titolo inizia con la dicitura "breve trattato"? evidentemente sì, perché questo agile pamphlet è, per l'appunto, un sunto del "breve trattato sulla decresci ...continua

    può esistere una sintesi di un libro il cui titolo inizia con la dicitura "breve trattato"? evidentemente sì, perché questo agile pamphlet è, per l'appunto, un sunto del "breve trattato sulla decrescita serena". Latouche, qui in compagnia di Didier Harpages, riprende i concetti fondamentali della decrescita, ne rilancia la necessità, ne enumera i vantaggi e gli esempi concreti già esistenti e funzionanti in diverse aree del pianeta, ma, soprattutto, Latouche (e ancor più Marco Aime nella precisa introduzione) si sofferma sul tempo, sulla monetizzazione del tempo e sull'esigenza di demercificarlo. per dirla con le sue parole "il tempo vale più del denaro". lentezza, vicinanza, frugalità, convivialità... decrescita... non è utopia, è una visione politica per un mondo diverso dall'attuale, un mondo a misura d'uomo...

    ha scritto il 

  • 0

    Oltre la curva del PIL (tassativamente senza U finale)... c'è ancora un orizzonte?

    Tempi di vacche magre non c'è che dire, persi tra debiti, manovre, contromanovre e retromarce... abbiamo consumato tutto il consumabile: tempo, denaro, economia, ambiente, valori, relazioni, beni comu ...continua

    Tempi di vacche magre non c'è che dire, persi tra debiti, manovre, contromanovre e retromarce... abbiamo consumato tutto il consumabile: tempo, denaro, economia, ambiente, valori, relazioni, beni comuni....accrescendo in maniera direttamente proporzionale, la nostra fede incrollabile nella inevitabilità del progresso come aumento di produzione e accumulo di beni... sarà per questo che a rileggere questo libello si prende un po' di coraggio e ci si domanda se poi questo sia l'unico modello economico possibile.

    Alla fine si gira l'ultima pagina e si chiude il libro con qualche domanda in più e non senza un po' di saudade, che non è nostalgia del passato per quel che era, ma per la promessa di futuro che conteneva...

    ha scritto il