Il tempo materiale

Voto medio di 590
| 182 contributi totali di cui 165 recensioni , 17 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 18/12/17
Terrorismo come esercizio spirituale
Molto mi aveva colpito (favorevolmente) "Spaesamento", dello stesso autore.
Ciò mi ha indotto a leggere, con qualche anno di ritardo, il suo libro più importante, che, in definitiva, fa anch'esso dello spaesamento un tema narrativo importante pre
...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 01/08/17
Bella storia, ma ho trovato il linguaggio brigatista in bocca a un undicenne veramente poco credibile e ostico da leggere. Tuttavia, la parte finale vale il libro.
Ha scritto il 05/06/17
Quel che resta della ricchezza e complessità narrativa sicula se le togli il dialetto.
Perché direi che Vasta non è altro che questo, una idea narrativa molto astrusa e ripiegata su se stessa che però non sapendo utilizzare la ricchezza cromatica del dialetto non riesce a nascondere il fatto che si tratti solo di triste masturbazione i ...Continua
Ha scritto il 28/02/17
Verba volant, scripta manent
Il libro di Giorgio Vasta parte con un titolo che pare una riflessione, "Il tempo materiale".
Cosa significas per il tempo assumere consistenza ? Quand'è che il tempo si fa materia, diventa vivo ?

non si sa.....perché in tutta l'opera n
...Continua
Ha scritto il 18/02/17
Fin troppo e inutilmente complesso
Non mi ha convinto per niente, vuoi per la scrittura, per me, fin troppo artificiosa, di una ricercatezza un po' fine a se stessa e soprattutto poco credibile, vuoi perché l'ho trovato molto ma molto noioso.
Ci sono delle parti indubbiamente di s
...Continua
  • 4 mi piace

Ha scritto il Nov 02, 2010, 11:38
"La frase che separa e unisce un mondo a un altro mondo. La cerniera. La formula magica. Quale? Mi dichiaro prigioniero politico"
Pag. 286
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 02, 2010, 11:29
"...la nostra ape regina, l'incarnazione dell'ideologia.."
Pag. 277
Ha scritto il Nov 02, 2010, 11:26
" E chi ha detto che vogliamo vincere?"
Pag. 199
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 02, 2010, 11:18
" Il nemico é una nostra invenzione. Se non c'é dobbiamo essere noi a generarlo.... L'unico nemico perfetto é quello che generi tu stesso.......
........"sento il bisogno di venire perseguitato e desidero un nemico costante e amorevole-sí amorevo
...Continua
Pag. 196
  • 1 commento
Ha scritto il Nov 02, 2010, 11:13
"... italianizzazione del creato, l'impulso nazionale a tradurre ogni cosa in forme familiari costringendo tutto a diventare provincia."
Pag. 135

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi