Il tennis come esperienza religiosa

Di

Editore: Einaudi (Stile Libero Big)

3.8
(406)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 89 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806210920 | Isbn-13: 9788806210922 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giovanna Granato ; Postfazione: Luca Briasco

Disponibile anche come: Altri

Genere: Salute, Mente e Corpo , Non-narrativa , Sport, Attività all\'aperto & Avventura

Ti piace Il tennis come esperienza religiosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Negli anni della giovinezza e prima di diventare forse il più grande innovatore della letteratura americana contemporanea, David Foster Wallace si è a lungo dedicato al tennis, entrando nelle classifiche regionali e sfiorando la fama che ha saputo costruirsi altrove, e con ben altri esiti. E il tennis è rimasto una delle sue grandi passioni, tradotta in pagine memorabili, da Infinite Jest a Tennis, Tv, trigonometria e tornado. Fino a questi due grandi saggi, qui raccolti insieme per la prima volta e dedicati rispettivamente a Roger Federer e a un'epica edizione degli Open, ma anche a mille altre cose: lo scontro omerico tra il talento e la forza bruta, tra la bellezza apollinea di una volée perfetta e gli interessi economici "sporchi" che ruotano intorno a ogni sport; il mistero ineguagliabile di uno sport che sembra basato su una moltiplicazione geometrica delle variabili, ma che, in fondo, si riduce al confronto di un atleta con se stesso e con i propri limiti, tra solipsismo e trascendenza. Il tutto, nella lingua immaginifica e inimitabile che i fan di David Foster Wallace hanno imparato da tempo a conoscere e amare.
Ordina per
  • 3

    Break-point

    Salvo poche eccezioni (una?) è stato il Wallace saggista, articolista, icasticamente opinionista ad innovare pronfondamente la letteratura di fine/inizio millennio.
    Nella rassegna delle sue opere sagg ...continua

    Salvo poche eccezioni (una?) è stato il Wallace saggista, articolista, icasticamente opinionista ad innovare pronfondamente la letteratura di fine/inizio millennio.
    Nella rassegna delle sue opere saggistiche, il tennis riveste da sempre un ruolo di primo piano: senza alcuna pretesa di esaustività, questo sport è stato dal Nostro sviscerato come fenomeno a) biografico b) logico-geometrico c) filosofico d) mediatico.
    Questi due brevi saggi trattano il tennis sotto quest'ultimo profilo, ma è soprattutto quello dedicato a Federer (la cui evocazione, più che mediatica, assume comicamente natura medianica) a divertire, e ciò per la giocosa serietà con cui W. affronta la propria idolatria per il tennista.
    Per il resto, nulla di memorabile negli altri pensieri sparsi, che si perdono nel tempo come palline lanciate sugli spalti dai giocatori, a fine partita, per ringraziare i tifosi.

    ha scritto il 

  • 4

    dentro fino all'osso

    quando DFW narra lo fa fino al midollo, si apre la gamma delle sue possibilità espressive a 360°, dipana lievemente ragionamenti, filosofia, narrativa, conoscenza e passione in un modo unico e sorpren ...continua

    quando DFW narra lo fa fino al midollo, si apre la gamma delle sue possibilità espressive a 360°, dipana lievemente ragionamenti, filosofia, narrativa, conoscenza e passione in un modo unico e sorprendente, il bello è che una partita di tennis la vedono tutti, ma quanto comprendono cosa accade e i mille modi di percepirlo... un fuoriclasse come federer!

    ha scritto il 

  • 3

    Il mio voto è puramente soggettivo.
    Devo ammettere che è l'argomento in questione a non stuzzicarmi più di tanto, devo altersì ammettere che solo Wallace poteva scrivere due saggi sul tennis che non m ...continua

    Il mio voto è puramente soggettivo.
    Devo ammettere che è l'argomento in questione a non stuzzicarmi più di tanto, devo altersì ammettere che solo Wallace poteva scrivere due saggi sul tennis che non mi avrebbero annoiato, devo anche tener conto che, se non fosse stato perchè DFW è il mio autore preferito, un reportage sugli Open del 1995 non lo avrei mai letto.
    Wallace ha una bellissima capacità descrittiva arricchita di aneddoti, impressioni, sensazioni ed opinioni personali che arricchisce un semplice resoconto di una giornata, è interessante e divertente leggere come lo scrittore analizza il comportamento umano e socieale in determinate situazioni, e tutto questo arricchisce di molto l'esposizione di una giornata ad osservare partite di tennis.

    ha scritto il 

Ordina per