Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il teorema del pappagallo

Di

Editore: TEA (I Grandi)

3.5
(2133)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 576 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Catalano , Spagnolo , Francese , Olandese , Greco , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 8850217722 | Isbn-13: 9788850217724 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Alessandro Bausani , Lidia Perria ; Contributi: Cecilia Cavaterra ; Illustrazione di copertina: Katja Maasböl

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Education & Teaching , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il teorema del pappagallo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La matematica diventa in questo libro protagonista di un romanzo. Un libraio in pensione, per scoprire le strane circostanze della morte di un amico che gli ha lasciato in eredità una biblioteca interamente dedicata alle scienze matematiche, deve rimettersi a studiare aritmetica, algebra, trigonometria e logica, materie che ha sempre detestato fin da quando era studente di filosofia. Ma nell'impresa gli danno man forte i membri della sua "tribù", in particolare il pappagallo Nofutur, che ha il dono della parola e non solo...
Ordina per
  • 5

    Consigliato ma...

    Ho pensato parecchio a cosa scrivere su questo romanzo che a me è piaciuto tantissimo, ma che ha i suoi difetti.
    Il primo consiglio è di non leggerlo perchè è un giallo, ma come un super ripasso di ma ...continua

    Ho pensato parecchio a cosa scrivere su questo romanzo che a me è piaciuto tantissimo, ma che ha i suoi difetti.
    Il primo consiglio è di non leggerlo perchè è un giallo, ma come un super ripasso di matematica (infarcito di aneddoti e di stralci di biografie, ovviamente matematiche), in cui c'è un mistero nello sfondo che dovrebbe fare da motore alla curiosità matematica (e qui direi che c'è un inghippo: chi si studierebbe 2.000 anni di matematica per un omicidio???)
    Il secondo consiglio è di avere una conoscenza, anche scolastica, della matematica fino a derivate, integrali e logaritmi, dato che questo libro non li spiega, ma li menziona: un conto è se quei concetti, seppur reconditi, si sono già assimilati, diversamente non si possono capire, a mio avviso. (io ho usufruito del mio diploma di ragioniere programmatore, quindi nulla di stratosferico...)
    Il terzo consiglio è di prenderlo con calma, sono concetti che si devono depositare, che meritano di essere assimilati e non ingurgitati.
    Detto questo io lo consiglio vivamente visto che appena finito di leggere mi è dispiaciuto molto dover dire addio a quei personaggi e a quegli aneddoti!

    ha scritto il 

  • 2

    Storia della matematica rosa confetto

    Peccato, perché quando si sforza Guedj riesce anche a scrivere con un buon risultato: basti vedere la parte dedicata ai matematici arabi. Se avesse dedicato un capitolo a ogni fase del pensiero matema ...continua

    Peccato, perché quando si sforza Guedj riesce anche a scrivere con un buon risultato: basti vedere la parte dedicata ai matematici arabi. Se avesse dedicato un capitolo a ogni fase del pensiero matematico con lo stesso afflato narrativo sarebbe stata una lettura più interessante... Ma così non è.

    Come McGuffin per redigere una storia della matematica, Guedj introduce un giallo insignificante, una trama insulsa che non coinvolge il lettore, ma che in compenso diventa questione di vita e di morte per una fiera di personaggi assurdi (adolescenti che fanno matematica fino a tarda notte? Pappagalli con svariati gigabyte di memoria?); fin dall'inizio la parte preponderante non è però quella narrativa, semmai una versione (parzialmente) predigerita di un qualunque manuale di storia della matematica (e per tanto così mi rileggevo Kline o Boyer), che non potendo calarsi in tecnicismi diventa via via più evanescente fino a far riemergere la trama... Peccato che questo accada ormai dopo la pagina 450, ci siamo già dimenticati quale fosse il motore della vicenda, siamo stufi della saccenza dei personaggi e dell'assurdità di quello che stiamo leggendo. Per citare altre recensioni che precedono la mia... decisamente stucchevole.
    Insomma, 2 stelle per christiana charitas

    ha scritto il 

  • 4

    Libro godibilissimo che traccia una personale storia della matematica ricca di aneddoti e curiosità.
    La trama si basa su un "giallo" anche se manca sempre la suspense, ma essendo un artificio per il r ...continua

    Libro godibilissimo che traccia una personale storia della matematica ricca di aneddoti e curiosità.
    La trama si basa su un "giallo" anche se manca sempre la suspense, ma essendo un artificio per il racconto è perdonabile.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Fantascienza...

    Questa irreale e a volte stucchevole storia è, sì, una occasione per fare ripasso di matematica (e per conoscere l'aneddotica relativa alle vite di alcuni matematici famosi), ma la trama -che si svilu ...continua

    Questa irreale e a volte stucchevole storia è, sì, una occasione per fare ripasso di matematica (e per conoscere l'aneddotica relativa alle vite di alcuni matematici famosi), ma la trama -che si sviluppa sì e no per un quinto del libro- e i personaggi sono talmente inverosimili da risultare spesso irritanti. Un matematico dilettante, losco faccendiere (!), che vive nella giungla amazzonica, che raccoglie una biblioteca, evidentemente impossibile da collezionare per chiunque, di libri di matematica, dal valore inestimabile; una libraia ragazza madre che dimostra più intuito matematico di un Einstein; due ragazzini di terza/quarta superiore dall'ironia dissacratrice, che si appassionano autonomamente -o quasi- alla matematica tanto da apprezzare dimostrazioni degne di programmi universitari, essi stessi con capacità dimostrative/logiche degne di matematici esperti; una ragazzino sordo, un pappagallo dalla memoria prodigiosa, un disabile filosofo che all'alba degli ottanta decide di appassionarsi alla matematica; dulcis in fundo un mafioso appassionato di dimostrazioni matematiche e della vita di ...Archimede di Siracusa (sic!). Durante tutto il libro si fa davvero fatica a capire l'agire dei personaggi, non si comprende cosa li spinga a risolvere quelli che chiamano "i problemi di Rue Ravignan", né quali siano veramente questi problemi. Una combriccola di persone "borderline", tanto care agli autori orientati a sinistra, che ricorda "Nascita del Superuomo" (ma, diversamente da questo "Teorema del pappagallo", quella era fantascienza dichiarata!) senza il lirismo e la profondità di Sturgeon.

    ha scritto il 

  • 3

    Intrigante

    Hasan, infallibile ed onnipotente capo della città-fortezza di Alamut per arruolare dei giovani, renderli privi di volontà e da lui assolutamente dipendenti, per spingerli nelle imprese più pericolose ...continua

    Hasan, infallibile ed onnipotente capo della città-fortezza di Alamut per arruolare dei giovani, renderli privi di volontà e da lui assolutamente dipendenti, per spingerli nelle imprese più pericolose, non escluso l’omicidio, usa un trucco talmentestronzo che quasi non avrei voglia di scriverlo.

    Volete sapere qual è?
    La mia recensione è qui http://disequilibro.com/2015/02/18/il-teorema-del-pappagallo-di-denis-guedj/

    ha scritto il 

  • 0

    Mi ci ero messa con le migliori intenzioni, ma leggere questo libro è come cercare di pattinare sui sampietrini. Ogni tre per due (ed è propio il caso di dirlo, visto che parla di matematica) si incia ...continua

    Mi ci ero messa con le migliori intenzioni, ma leggere questo libro è come cercare di pattinare sui sampietrini. Ogni tre per due (ed è propio il caso di dirlo, visto che parla di matematica) si inciampa su un teorema o su un grafico. Nulla in contrario, ma un romanzo è un'altra cosa.

    ha scritto il 

Ordina per