Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il trattamento Ridarelli

Di

Editore: Salani (La biblioteca di Topolino 3)

4.1
(500)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 108 | Formato: Copertina morbida e spillati

Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giuliana Zeoli ; Illustratore o Matitista: Brian Ajhar

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il trattamento Ridarelli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
19 cm

Il Signor Mack fa un lavoro davvero interessante: l'assaggiatore di biscotti. Ma una mattina, sulla strada per la fabbrica di biscotti, lo aspetta un destino davvero ingrato (e puzzolente): è sul punto di sperimentare… il trattamento Ridarelli.
A chi tocca il trattamento Ridarelli?
Agli adulti che sono cattivi con i bambini, che raccontano che una cosa sa di pollo quando non è così, che fanno le puzze e incolpano i figli, che mangiano l'ultima fetta di pizza senza nemmeno offrirne un po' agli altri. In cosa consiste il trattamento Ridarelli? E il signor Mack se lo merita davvero? Leggete il libro e lo scoprirete. Raccontare il mondo attraverso gli occhi dei bambini.: come in Paddy Clarke ah ah ah! e in tutti i suoi romanzi per adulti, Roddy Doyle - tra i più famosi scrittori dell'ultima generazione - è riuscito a eliminare la distanza tra narratore e lettore bambino.
Il risultato è un romanzo spensierato, irriverente e privo di sentimentalismi.

Ordina per
  • 4

    Costruire una storia avvincente intorno all'evento più stupido e banale del mondo (pestare una cacca) non è un'impresa da poco. Doyle lo fa e ci mette dentro umorismo, nonsense, ma anche uno spunto di riflessione per i più piccoli: quanto desiderano, a volte, punire i loro genitori? Ma le punizio ...continua

    Costruire una storia avvincente intorno all'evento più stupido e banale del mondo (pestare una cacca) non è un'impresa da poco. Doyle lo fa e ci mette dentro umorismo, nonsense, ma anche uno spunto di riflessione per i più piccoli: quanto desiderano, a volte, punire i loro genitori? Ma le punizioni, o le vendette, sono sempre giuste?
    A me è piaciuto molto: diverte senza essere vuoto. Qualche pagina non dice nulla e non ha nemmeno la pretesa di farlo, ma va benissimo: scrittori che si prendono troppo sul serio ce ne sono fin troppi, Doyle (Doyle, mica Pincopallo) non lo fa. Un bello spunto di riflessione anche questo.

    ha scritto il 

  • 3

    << Aspetta. Aspetta! Questa non è una storia in cui si parla di biscotti. E non è una storia sulla cacca. E' la storia che parla della gente che ha messo la cacca sul marciapiede per farla calpestare dal signor Mack [...] Era cacca di cane, ma non era stato un cane a metterla lì. E questa s ...continua

    << Aspetta. Aspetta! Questa non è una storia in cui si parla di biscotti. E non è una storia sulla cacca. E' la storia che parla della gente che ha messo la cacca sul marciapiede per farla calpestare dal signor Mack [...] Era cacca di cane, ma non era stato un cane a metterla lì. E questa storia parla delle piccole creature che ce l'avevano messa, appena dieci secondi prima che il signor Mack girasse l'angolo >>.

    ha scritto il 

  • 1

    I Ridarelli sono degli esserini che puniscono gli adulti che sono cattivi coi bambini, facendo loro pestare cacca di cane. Un giorno stanno per punire un signore che però non intendeva essere davvero cattivo coi suoi figli, e quando questi vengono a sapere cosa sta per succedere è tutta una corsa ...continua

    I Ridarelli sono degli esserini che puniscono gli adulti che sono cattivi coi bambini, facendo loro pestare cacca di cane. Un giorno stanno per punire un signore che però non intendeva essere davvero cattivo coi suoi figli, e quando questi vengono a sapere cosa sta per succedere è tutta una corsa contro il tempo per fargli schivare la cacca già sistemata in posizione strategica. Fine. Non so se basti l'argomento far ridere certi bambini, ma spererei di no.
    Un libro veramente orrendo, praticamente del tutto privo di storia e l'autore è riuscito pure a dilungarsi da morire!
    Ho letto con piacere altri libri di Doyle, di cui ho sempre ammirato l'abilità a calarsi nei panni dei suoi personaggi e nel raccontare il loro passato, le loro ferite...ma questo che cos'è...?

    ha scritto il 

  • 1

    Cattivo cabaret

    Null'altro che una storiella tirata eccessivamente per le lunghe, prolissa e poco avvincente, senza alcun pudore per le incoerenze e con un'eccessiva cura per l'insignificante. Come una barzelletta che non finisce mai, e che termina nel momento in cui il pubblico ha già lasciato solo il narratore ...continua

    Null'altro che una storiella tirata eccessivamente per le lunghe, prolissa e poco avvincente, senza alcun pudore per le incoerenze e con un'eccessiva cura per l'insignificante. Come una barzelletta che non finisce mai, e che termina nel momento in cui il pubblico ha già lasciato solo il narratore nella sala vuota.

    ha scritto il 

  • 0

    L'avevo preso per leggerlo con mio figlio ma mi ha così divertito che ho dovuto inserirlo nella mia libreria. Roddy Doyle ha alcuni passaggi veramente geniali.

    ha scritto il 

  • 4

    E' un libro che regalo sempre volentieri. Quando era stato regalato a mio figlio , lo sentivo ridere di gusto nella sua stanza mentre lo leggeva... era alle prime armi con la lettura e dopo Harry Potter ci voleva proprio qualcosa che lo appassionasse di nuovo. La storia è originale ed esilarante ...continua

    E' un libro che regalo sempre volentieri. Quando era stato regalato a mio figlio , lo sentivo ridere di gusto nella sua stanza mentre lo leggeva... era alle prime armi con la lettura e dopo Harry Potter ci voleva proprio qualcosa che lo appassionasse di nuovo. La storia è originale ed esilarante e non deluderà i piccoli lettori.

    ha scritto il 

  • 4

    E' da bambini ma anche le cose da bambini possono essere una piacevole lettura per un adulto. Ci vuole mezzoretta, se lo si legge seriamente, immaginando le voci e le scene, senza correre troppo facendo i superiori.C'è un sacco di fantasia e molto buonumore

    ha scritto il