Il trono di legno

Collana '900 capolavori della narrativa contemporanea

Voto medio di 191
| 32 contributi totali di cui 15 recensioni , 17 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 16/09/15
Sempre sospeso tra realtà e fiaba, tra avventura e fantasia, si tratta di un romanzo – con il quale l'Autore ha vinto il Premio Campiello del 1973 – che tenta di ripercorrere le intricate vie della ricerca delle proprie origini e del proprio ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 06/11/14
Viaggio
Un libro di viaggi, un romanzo di formazione, uno studio sull'Italia e i suoi caratteri. Un vagare disordinato e apparentemente inconcludente. Un arrivo, dopo il viaggio, chiaro e ineluttabile. Tutto questo viaggiare serve, in fondo, solo per una ...Continua
Ha scritto il 12/11/13
"Da ragazzo vissi sempre con la testa piena di vento..." (Niente di più vero!!!)
Che bella sensazione quando un incipit coglie nel segno al primo istante. Quando ti ci ritrovi, quando ti assomiglia... La storia di Giuliano Bertoni dalla prima infanzia all'età matura è un classico romanzo di formazione intriso di fascino. Il ...Continua
  • 5 mi piace
  • 5 commenti
Ha scritto il 26/08/12
Un libro fantastico, pur non essendo catalogabile tra questi. Miti, leggende, storie e leggende si intrecciano tra loro, raccontando la vita per quello che è: sogno, amore, desiderio, delusione e tragicità. L'ho letto in un baleno, cercando tra le ...Continua
Ha scritto il 02/08/12
È un romanzo ricco di suggestioni, dal sapore fiabesco, che affonda le sue radici nella civiltà contadina e si nutre di miti, di leggende, di avventure. È un viaggio alla ricerca di sé e del significato della vita, ma è anche una riflessione ...Continua
  • 30 mi piace
  • 3 commenti

Ha scritto il Feb 13, 2016, 13:01
Mentre Lia si contentava di sognare le cose, Flora metteva tutto l'impegno per calare nel mondo le sue fantasie....
Pag. 225
Ha scritto il Aug 01, 2012, 16:50
Un giorno avrebbero scoperto che non c'era nulla di vero, che si trattava solamente di sogni e di apparenze che si spostavano sempre più in là. Forse, se qualcuno avesse cercato i luoghi immaginari, come avevo fatto io, sarebbe giunto alla ...Continua
Pag. 257
Ha scritto il Aug 01, 2012, 16:44
Ma certo. Noi non eravamo che musiche effimere contenute da un disco, da uno spartito che può essere suonato infinite volte, mentre ritenevamo di essere lo spartito medesimo, e che i suoi fogli venissero stracciati con la nostra morte, in maniera ...Continua
Pag. 241
Ha scritto il Aug 01, 2012, 16:37
Stavolta la convinzione che per impadronirsi veramente delle cose bisogna perderle non nacque da una fuggevole esperienza, ma da una ferita profonda e sanguinante dello spirito.
Pag. 240
Ha scritto il Aug 01, 2012, 16:35
Avevo l'impressione di dover disfare, smontare continuamente qualcosa da riporre nei malinconici guardaroba delle cose impossibili o mai avvenute, e nello stesso tempo ero ancora spinto avanti dalla sensazione di dover affrettarmi ad afferrare tutto ...Continua
Pag. 235

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi