Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il trono di spade. Libro secondo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco.

Il Regno dei Lupi-La Regina dei Draghi

Di

Editore: Mondadori (Oscar Grandi Bestsellers)

4.4
(4334)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 982 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale

Isbn-10: 8804620900 | Isbn-13: 9788804620907 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Sergio Altieri

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il trono di spade. Libro secondo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco.?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Le cronache del ghiaccio e del fuoco - Vol. 2

Nel cielo dei Sette Regni, travolti da una guerra devastatrice, compare una cometa dal sinistro colore del sangue. è l'ennesimo segno di immani catastrofi che si stanno preparando? L'estate dell'abbondandanza sembra ormai definitivamente passata, e ben quattro condottieri si contendono ferocemente il Trono di Spade. Intanto al di là del mare caldo l'orgogliosa principessa in esilio Daenerys Targaryen è pronta a rischiare tutto per la corona che le appartiene di diritto. Solo per lei, forse, la cometa di sangue non è un presagio di tragedia ma l'araldo della riscossa... Mentre lo scontro continua, qualcuno tesse un'inesorabile tela di morte. All'estremo Nord, oltre la Barriera di ghiaccio, forze oscure vanno facendosi sempre più minacciose...
Ordina per
  • 5

    Si rimane come intorpiditi, disoriantati, ebbri. La fluida vastità del romanzo finisce per dilagare, senza pur mai traboccare.
    Locandiere, altro vino speziato. Che assaggierai per primo, ovviamente. ...continua

    Si rimane come intorpiditi, disoriantati, ebbri. La fluida vastità del romanzo finisce per dilagare, senza pur mai traboccare.
    Locandiere, altro vino speziato. Che assaggierai per primo, ovviamente.

    ha scritto il 

  • 5

    I tratti di Martin rimangono sempre gli stessi, ovvero una simpatica prolissità e un amore che oserei definire verista per i dettagli e per l'estraniazione dello scrittore dalla narrazione. E resta un ...continua

    I tratti di Martin rimangono sempre gli stessi, ovvero una simpatica prolissità e un amore che oserei definire verista per i dettagli e per l'estraniazione dello scrittore dalla narrazione. E resta un peccato sapere in anticipo gli intrecci della trama a causa della serie televisiva. Tuttavia, questo secondo libro si presenta sicuramente come più movimentato rispetto al primo, che ha più che altro la funzione di introdurre i vari personaggi e le varie casate (fatto ugualmente riscontrabile dalle stagioni della serie TV).

    Ciò che però sembra decisamente peggiore è la traduzione, malgrado sia stata fatta dalla stessa identica persona: ricca di refusi e priva di continuità e coerenza (soprannomi lasciati prima in inglese e riproposti tradotti la volta dopo, come nel caso di Yohn Royce). Di sicuro non dev'essere un lavoro semplice, soprattutto per un'opera simile, ma tradurre il nome di Gilly (ragazza bruta) in Giglio rimane comunque una scelta discutibile.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello, non come il primo ma sempre bello. In questa seconda parte si cominciano a notare le leggere situazioni di immobilità e saturazione che sembrano far arrenare il corso degli eventi. Nonostante c ...continua

    Bello, non come il primo ma sempre bello. In questa seconda parte si cominciano a notare le leggere situazioni di immobilità e saturazione che sembrano far arrenare il corso degli eventi. Nonostante ciò, la lettura risulta comunque sempre piacevole e scorrevole. Se proprio devo individuare un qualcosa che non mi è piaciuto... devo dire che non ho apprezzato il modo in cui è stata descritta la battaglia avvenuta nella Baia delle Acque Nere (specialmente nel pdv di Davos in cui l'Altofuoco e i suoi effetti vengono descritti quasi come cosa marginale e da poco) e la battaglia combattuta sotto le mura di Grande Inverno tra l'esercito di ser Rodrik Cassel e quello di Ramsay Snow.

    ha scritto il 

  • 4

    Voto: 3.5

    Meno bello del primo sicuramente: più lento e a tratti noiosetto, non succede granché e la parte finale della battaglia non è particolarmente interessante. Ci sono personaggi che non mi piacciono: Dan ...continua

    Meno bello del primo sicuramente: più lento e a tratti noiosetto, non succede granché e la parte finale della battaglia non è particolarmente interessante. Ci sono personaggi che non mi piacciono: Dany è davvero intuile e insopportabile, Theon è meschino, e la parte di Davos?Boh...
    Sto rivalutando Sansa ma per fortuna ci sono Tyrion e Arya...

    ha scritto il 

Ordina per