Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il trono di spade

Il Regno dei Lupi - La Regina dei Draghi

By George R.R. Martin

(1305)

| Paperback | 9788804620907

Like Il trono di spade ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Le cronache del ghiaccio e del fuoco - Vol. 2

Nel cielo dei Sette Regni, travolti da una guerra devastatrice, compare una cometa dal sinistro colore del sangue. è l'ennesimo segno di immani catastrofi che si stanno preparando? L'estate dell'abbondan Continue

Le cronache del ghiaccio e del fuoco - Vol. 2

Nel cielo dei Sette Regni, travolti da una guerra devastatrice, compare una cometa dal sinistro colore del sangue. è l'ennesimo segno di immani catastrofi che si stanno preparando? L'estate dell'abbondandanza sembra ormai definitivamente passata, e ben quattro condottieri si contendono ferocemente il Trono di Spade. Intanto al di là del mare caldo l'orgogliosa principessa in esilio Daenerys Targaryen è pronta a rischiare tutto per la corona che le appartiene di diritto. Solo per lei, forse, la cometa di sangue non è un presagio di tragedia ma l'araldo della riscossa... Mentre lo scontro continua, qualcuno tesse un'inesorabile tela di morte. All'estremo Nord, oltre la Barriera di ghiaccio, forze oscure vanno facendosi sempre più minacciose...

284 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Es un poco mas lento que el anterior. En ocasiones parece que nada ocurre pero sin darte cuenta ves que va avanzando y te dan mas ganas de seguir leyendo. El estilo de historias separadas incordiadas unas con otras me encanta, es la manera de contar ...(continue)

    Es un poco mas lento que el anterior. En ocasiones parece que nada ocurre pero sin darte cuenta ves que va avanzando y te dan mas ganas de seguir leyendo. El estilo de historias separadas incordiadas unas con otras me encanta, es la manera de contar una historia con tantos personajes. Vamos a por el siguiente.

    Is this helpful?

    Edutota said on Aug 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Denso

    Y después de varios meses "peleándome" contra este pedrusco de la naturaleza puedo decir orgullosa que lo terminé de leer. La verdad es que al principio me costó bastante engancharme porque hacía mucho tiempo que leí el primero y porque la introducci ...(continue)

    Y después de varios meses "peleándome" contra este pedrusco de la naturaleza puedo decir orgullosa que lo terminé de leer. La verdad es que al principio me costó bastante engancharme porque hacía mucho tiempo que leí el primero y porque la introducción es bastante larga. Aún así he disfrutado de la mayoría de la narración aunque algún que otro capítulo se me hacía algo pesado. Hay que leerlo con calma, saboreando cada uno de los detalles. El desarrollo de los personajes es bastante notorio y se observa como maduran y cambian su personalidad en función de lo que viven. Esperaba un final con más acción pero el último capítulo te deja con un sabor de insuficiencia en la boca. Con ganas de seguir leyendo el siguiente, temo por la vida de muchos personajes a los que les he cogido cariño...

    Is this helpful?

    Mokona said on Aug 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Revolutionaries wait for my head on a silver plate. Just a puppet on a lonely string... Oh who would ever want to be king?

    Comincio a pensare che leggere i libri di Martin dovrebbe entrare nell'elenco delle fatiche di Ercole, oppure diventare una disciplina olimpionica, o che so io.
    Queste 900 pagine sono passate molto più lentamente rispetto a quelle del primo romanzo, ...(continue)

    Comincio a pensare che leggere i libri di Martin dovrebbe entrare nell'elenco delle fatiche di Ercole, oppure diventare una disciplina olimpionica, o che so io.
    Queste 900 pagine sono passate molto più lentamente rispetto a quelle del primo romanzo, infatti ho sorprendentemente fatto molta fatica a leggere le prime 450-500. Ciò non è un buon segno, per qualsiasi tipo di libro, a mio parere. Infatti ero tentata di dare solo tre stelle al romanzo; ma poi ho pensato: ho dato tre stelle a un sacco di merda, questo libro invece è scritto benissimo e i personaggi mi piacciono davvero tanto.
    Però tengo sempre molto conto del livello di sonnolenza che raggiungo mentre leggo: in questo caso, è stato allarmante e spero che non capiti più col prossimo.
    Per fortuna, la seconda metà è stata decisamente più digeribile, e le pagine hanno finalmente cominciato a scorrere in modo fluido.

    Questa non vuole però essere una recensione negativa, perché alla fine della fiera il romanzo m'è piaciuto davvero.
    Parliamone, allora.

    Le atmosfere sono le solite: cupe e descritte con tanta dovizia di particolari che ti sembrano vere, che prendono vita davanti ai tuoi occhi. Anche se devo rimproverare il fatto che a volta questa perizia nella descrizione di qualsiasi cosa ha finito per rallentare il ritmo della storia, portando a leggere pagine di background e infodump che quasi ti facevano dimenticare cosa i personaggi stessero facendo prima che partisse la tiritera.

    Detto questo, dico che ammiro come Martin sia riuscito a scrivere un intero romanzo che parla di guerra senza mai descrivere una scena di battaglia vera e propria. Ce n'è giusto una, quasi a fine libro, ma è solo una goccia nell'oceano; è stata descritta giusto perché era particolarmente importante (nonostante lo fossero anche molte altre, che però sono state solo riassunte per bocca di altri personaggi, sempre a scontro finito).
    La guerra descritta in questo romanzo, infatti, è una guerra vista e vissuta da quei pochi che, con il loro potere, muovono i fili da marionetta che legano gli uomini, grazie al poter di cui sono investiti (a volte anche auto investiti).
    Dietro a scontri sanguinosi, rappresaglie e duelli ci sono uomini e donne che non si sporcano quasi mai le mani: sono persone come Cersei, Jeoffrey, Tyrion, Varys; e in generale, tutti i lord e gli altri re compaiono in vesti non guerresche, appena prima degli scontri o poco dopo. Ci sono poche eccezioni.
    (Tanto per fare un esempio: si dice che Robb partecipi a tutti gli scontri; la sua voce narrante, in questo libro, è inesistente. La guerra in sé non viene mai descritta, ma se ne racconta)

    Di re, tra l'altro, ce ne sono addirittura quattro. E il colmo è che sono tutti re giovani, re bambini. E proprio per questo, sono i grandi che siedono al loro fianco ad avere davvero lo scettro in pugno.
    A volte questo aspetto paradossale è messo ironicamente in risalto dallo scrittore, mettendo in evidenza come quello che accade per ottenere il potere a volte è pura follia, o spinge gli uomini ad agire mettendosi in ridicolo.

    Comunque, Tyrion si conferma il mio personaggio preferito. È furbo e loquace, il suo handicap e tutte le avversità che ha dovuto affrontare per colpa di esso lo hanno reso più freddo, ma anche più ingegnoso.
    E credo sia anche l'unico dei Lannister a essere umano, a dispetto del fatto che spesso venga additato come mostro a causa del suo aspetto esteriore.
    E non è nemmeno uno che getta fumo negli occhi e basta, ma agisce anche. È l'unico, infatti, che ho visto imbracciare un po' di coraggio e rischiare il tutto e per tutto più volte, anche scendendo in battaglia egli stesso.
    Facendoci caso, è anche l'unico personaggio-voce narrante che si vede combattere per davvero, e in entrambi i primi libri in cui viene descritta direttamente una battaglia.

    Dedico due parole anche agli altri personaggi, dicendo che: Arya è la mia seconda preferita, trova sempre un modo per farsi valere e salvarsi la pelle in un mondo pieno di avversità, ovvero il mondo dei poveracci, che non hanno sicurezze in nessun giorno della settimana; Daeneris è noiosa da morire, sempre circondata da uno stato etereo che la apparire davvero troppo ingenua di fronte ai problemi del resto del mondo, e in maniera imbarazzante (vuole apparire forte ma spesso fa ragionamenti beceri, come tutti quei discorsi sul sangue del drago); Sansa è un po' cresciuta, ma si rifugia ancora disperatamente nelle favole e nella speranza, e agisce poco; Bran mi piace molto, spero che il suo ruolo magico-spirituale si evolvi ancora di più nei prossimi libri; Jon è stato un po' sottotono, ma forse perché le sue parti erano un po' slegate dal resto, e con molta meno azione; Davos mi è sembrato semplicemente uno strumento narrativo; Theon si è conquistato egregiamente il suo soprannome di Voltagabbana, facendo l'odioso dall'inizio alla fine.

    E tutti questi personaggi alzano lo sguardo al cielo e vedono una grande cometa volare sulle loro teste, e ironicamente ognuno ci vede quel che vuole.

    Finalmente la magia sembra tornare, per aggiungere un po' di pepe agli scontri.
    Probabilmente metamorfi, negromanzia et similia avranno pieno sfogo nel prossimo romanzo, e nel quarto tutto ciò comincerà a diventare il normale stato delle cose, la nuova realtà di tutti.

    Insomma, non vedo l'ora di leggere il terzo libro.
    Spero solo che non sia soporifero, perché questa saga non lo merita.

    Titolo Recensione: "Viva la Vida", by Coldplay

    Is this helpful?

    Cocca93 said on Aug 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Avvincente, emozionante...

    Scritto benissimo, con ricchezza di dettagli e grande scorrevolezza, a parte qualche atto di compiacimento di Martin per il grottesco che tutto sommato si più perdonare (sono delicatina io XD!)
    Personaggi mai banali, veri, interessanti, che si fanno ...(continue)

    Scritto benissimo, con ricchezza di dettagli e grande scorrevolezza, a parte qualche atto di compiacimento di Martin per il grottesco che tutto sommato si più perdonare (sono delicatina io XD!)
    Personaggi mai banali, veri, interessanti, che si fanno amare e odiare con grande facilità; credevo che Tyrion fosse solo un egoista manipolatore cinico, invece ho scoperto che vale più un suo mignolo di tutta la splendida e misera figura della sorella...credevo che Sansa fosse una codarda e una debole, invece possiede coraggio e tenacia. Credevo di non poter trovare Cersei più squallida di quanto non fosse nel primo e secondo volume, invece si è ulteriormente confermata solo una cagna inacidita e una patetica narcisista, e se Tyrion la definisce "donnaccia", be', non sbaglia davvero: le prostitute si fanno pagare in denaro, lei con altri generi di cose, ma sempre un'idiota che punta solo sulla sua bellezza rimane.
    Adesso sono curiosissima di sapere come proseguirà il viaggio di Arya, quello di Jon, la fuga di Sansa e le peripezie del Folletto...anche Dany mi sta piacendo sempre più, una giovane donna che sta acquisendo la dimensione di regina e guida del suo popolo. Peccato che prima dovrò leggere altre opere. Ah, i Greyjoy fanno tutti pena, dal primo all'ultimo. Un imbecille Theon, un'odiosa la sorella.

    Is this helpful?

    Mirage said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    un buen sabor de boca

    la segunda parte de la saga canción de hielo y fuego, no deja indiferente al lector. A pesar de que el ritmo de la narración se enlentece en algunos capitulos, en comparación con la primera parte. R.R. Martin logra mantenerte pegado a sus páginas. To ...(continue)

    la segunda parte de la saga canción de hielo y fuego, no deja indiferente al lector. A pesar de que el ritmo de la narración se enlentece en algunos capitulos, en comparación con la primera parte. R.R. Martin logra mantenerte pegado a sus páginas. Totalmente recomendable, mi valoración es un 8,5.

    Is this helpful?

    Naei said on Jul 26, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book