Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il vecchio che leggeva romanzi d'amore

Di

Editore: CDE

3.9
(5741)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 133 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Francese , Tedesco , Portoghese , Polacco , Greco

Isbn-10: A000084513 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Ilide Carmignani

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , CD audio , eBook

Genere: Fiction & Literature , Science & Nature , Travel

Ti piace Il vecchio che leggeva romanzi d'amore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    "Possedeva l'antidoto contro il terribile veleno della vecchiaia. Sapeva leggere."

    Sepulveda, per me, è una garanzia. Quando sono alla ricerca di una lettura dal successo sicuro, punto sempre su di lu ...continua

    "Possedeva l'antidoto contro il terribile veleno della vecchiaia. Sapeva leggere."

    Sepulveda, per me, è una garanzia. Quando sono alla ricerca di una lettura dal successo sicuro, punto sempre su di lui. Ha uno stile semplice e diretto che conquista il lettore, e le storie che narra, dalle più bambinesche (che bambinesche non sono) alle più adulte, sono delle perle rare. "Il vecchio che leggeva romanzi d'amore" ha avuto l'unica pecca di allontanarsi spesso da quello che il titolo anticipa, ma rimane comunque una lettura godibile e piacevole.

    ha scritto il 

  • 4

    non farsi sviare dal titolo, i romanzi d'amore c'entrano ma relativamente, la storia di questo "vecchio" è piena di sogni e mi ha cullata come ascoltando una fiaba una fiaba

    ha scritto il 

  • 5

    Perché si legge se non per sognare posti nuovi? Perché si legge se non per il gusto di dare il giusto peso a ogni sillaba? E perché non leggere libri d'amore, di quelli che ci fanno capire chi sono i ...continua

    Perché si legge se non per sognare posti nuovi? Perché si legge se non per il gusto di dare il giusto peso a ogni sillaba? E perché non leggere libri d'amore, di quelli che ci fanno capire chi sono i buoni e chi sono i cattivi fin dalla prima pagina?
    Una storia dolce-amara di una vita che nei libri trova compimento. Una meraviglia da leggere senza mai prendere fiato.

    ha scritto il 

  • 5

    Il vecchio che leggeva...

    Bello e avvincente questo lungo racconto di Sepulveda, che altro non è se non un grandissimo ed accorato grido d’allarme per quella che è la continua ed inarrestabile distruzione sistematica della for ...continua

    Bello e avvincente questo lungo racconto di Sepulveda, che altro non è se non un grandissimo ed accorato grido d’allarme per quella che è la continua ed inarrestabile distruzione sistematica della foresta amazzonica, continuamente attaccata dalla sconsiderata azione degli uomini che si fermeranno solo quando avranno finito la loro edificante opera.
    Il vecchio del racconto impersona a meraviglia lo spirito della foresta, e i romanzi d’amore che legge sono pensieri dedicati alla foresta stessa: un ambiente unico ed inimitabile nella sua multiforme originalità, che andrebbe tutelato e rispettato in tutti i suoi aspetti invece di essere sottoposto ad attacchi sconsiderati di ogni tipo.
    Molte belle le pagine dove vengono descritti i vari habitat che si incontrano nella foresta, estremo grido di un ambiente che cerca soltanto di sopravvivere alla stoltezza umana.
    Memorabile alla fine il duello tra l’uomo e la bestia feroce, in una inaudita sfida tra intelligenze superiori, che si affrontano solo perché sanno che non possono avere altra scelta…

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro romantico e malinconico, scritto in uno stile diretto e semplice che mette in risalto ogni sfumatura dei personaggi.
    Un appassionato amore per la natura che permea queste pagine tanto da cont ...continua

    Un libro romantico e malinconico, scritto in uno stile diretto e semplice che mette in risalto ogni sfumatura dei personaggi.
    Un appassionato amore per la natura che permea queste pagine tanto da contagiare anche il lettore.

    ha scritto il 

  • 5

    “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore” un titolo che mi faceva pensare ad un passato che non c’è più, di cui rimane la tristezza del ricordo… in un certo senso è proprio così, ma è di più, molto di ...continua

    “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore” un titolo che mi faceva pensare ad un passato che non c’è più, di cui rimane la tristezza del ricordo… in un certo senso è proprio così, ma è di più, molto di più!
    Si, è la storia dell’amore di un vecchio per il suo passato, per la moglie portata via troppo presto dalla malaria, un amore silenzioso, malinconico… ma c’è anche l’ amore gridato per la natura, per gli animali, per difendere la terra..
    Ci racconta della violenza dei gringos, di chi distrugge e sfrutta senza capire le foreste dell’Amazzonia, ci mostra l’astuzia della sopravvivenza degli indios shuar di come combattono per difendersi contro i serpenti, le scimmiotte dispettose e violente, e gli animali feroci come il tigrillo..
    Ma ci racconta anche della forte amicizia nata fra gli shuar ed il vecchio: “Desideravano vederlo, averlo accanto, ma volevano anche sentire la sua mancanza, la tristezza di non potergli parlare, e il salto di gioia che il cuore faceva loro in petto quando lo vedevano ricomparire.”
    E di come gli shuar vivono l’amore: "Era amore puro, senza altro fine che l'amore stesso. Senza possesso e senza gelosia..... Nessuno riesce a legare un tuono, e nessuno riesce ad appropriarsi dei cieli dell'altro nel momento dell'abbandono."…frase vera, importante tutti dovremmo percepire e vivere l’amore in questo modo, perché alla fine ognuno di noi e “solo”, e appartiene solamente a “se stesso”!
    E poi quel filo sottile, ma robusto che tiene legato il vecchio alle sue origini, la sua passione per i romanzi d'amore, in cui emerge l’appagamento interiore che il vecchio prova nel leggere storie di amori travagliati, che fanno piangere e che forse riflettono quel mondo, dal quale egli fugge, preferendo la solitudine in una terra vergine e pericolosa… “….preferiva non pensare, lasciando aperti i pozzi della memoria per riempirli con le gioie e i tormenti di amori più forti del tempo.”
    Il pianto che appanna gli occhi del vecchio alla fine del racconto, è uno delle ultime grida di dolore per la morte della natura… “..si avviò verso la sua capanna, e verso i suoi romanzi, che parlavano d'amore con parole così belle che a volte gli facevano dimenticare la barbarie umana."
    Una storia diversa dalle altre e davvero intesa e struggente!

    Scritto il 7 Ago 2010

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia che parla di contrasti.

    È una storia che parla di contrasti; i ricordi ed il presente, la bellezza della natura e la sua ferocia, la stupidità dell'uomo e la sua saggezza ... sfaccettature opposte della realtà che dipingono ...continua

    È una storia che parla di contrasti; i ricordi ed il presente, la bellezza della natura e la sua ferocia, la stupidità dell'uomo e la sua saggezza ... sfaccettature opposte della realtà che dipingono questo libro, tratto dopo tratto, come un quadro.
    Il protagonista è l'immagine perfetta di chi, appartenendo ai "gringos" non si rispecchia affatto nella loro avidità ( e stupidità ) ma che, allo stesso tempo, non può tirarsene fuori. Mi ha colpito molto una frase del vecchio, ripetuta più volte, che riassume in poche parole il suo sentirsi più vicino agli Indios che ai gringos: " Lui non era uno di loro, ma era come uno di loro".

    http://www.mr-loto.it/recensioni/vecchio-leggeva-romanzi-amore.html

    ha scritto il 

  • 4

    PICCOLE PERLE

    Se devo decidere tra lui e Marquez, Sepulveda tutta la vita. Magnifica resa dei personaggi, dell'ambiente "di confine", del realismo. Con un tocco di fiabesco molto disilluso, ma diafano e leggero. Da ...continua

    Se devo decidere tra lui e Marquez, Sepulveda tutta la vita. Magnifica resa dei personaggi, dell'ambiente "di confine", del realismo. Con un tocco di fiabesco molto disilluso, ma diafano e leggero. Davvero bello.

    ha scritto il 

Ordina per