Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il venditore di storie

Di

Editore: TEA

3.6
(590)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 248 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 8850205929 | Isbn-13: 9788850205929 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Paterniti

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Philosophy

Ti piace Il venditore di storie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nella stessa stanza d'albergo, affacciata sul mare di Amalfi, in cui Ibsenscrisse "Casa di Bambola", un uomo di nome Petter, fuggito dalla fiera dellibro per ragazzi di Bologna, convinto che qualcuno voglia ucciderlo, scrivele proprie memorie. Dotato di un'immaginazione prodigiosa, è capaced'inventare centinaia di storie. Decide così di diventare un'Aiutascrittori:vende idee e consigli a scrittori, giornalisti e commediografi a cortod'ispirazione. In breve tempo l'impresa lo rende ricco, mentre i suoi clientisfornano best seller acclamati in tutto il mondo. Ma quando tutto sembraandare a gonfie vele, il meccanismo s'inceppa e le cose si complicanoterribilmente. Qualcuno infatti vuole scoprire la sua vera identità...
Ordina per
  • 3

    delusa

    non so se si trattasse di un libro scritto dopo o prima, ma ho ritorvato la stessa identica trama in un manga su una violinista che avevo letto qualche tempo prima. Lì si parlava di musica e qui di storie, ma era fondamentalmente uguale. Gardeer è uno scrittore di piccoli capolavori, e quindi pro ...continua

    non so se si trattasse di un libro scritto dopo o prima, ma ho ritorvato la stessa identica trama in un manga su una violinista che avevo letto qualche tempo prima. Lì si parlava di musica e qui di storie, ma era fondamentalmente uguale. Gardeer è uno scrittore di piccoli capolavori, e quindi probabilmente "mi è andata male" e basta. Ma non posso dare un giudizio completamente positivo perchè sapendo dove andava a parare la storia mi sono persa tutta la suspence.

    ha scritto il 

  • 3

    Libro ricco di storie nella storia, é uno di quei libri che ho ceduto immediatamente dopo la lettura.. ci sono libri che non sono scritti per stare al caldo di una libreria ma per essere letti e per viaggiare di lettore in lettore...

    ha scritto il 

  • 3

    Niente da eccepire dalla bravura di Gaarder, di cui però ho apprezzato decisamente di più La ragazza delle arance. Ho trovato il romanzo a tratti noioso, seppure possa risultare originale l'idea di un romanzo guarnito di racconti. L'atmosfera hitchcockiana, però, mi è parsa inverosimile e inadegu ...continua

    Niente da eccepire dalla bravura di Gaarder, di cui però ho apprezzato decisamente di più La ragazza delle arance. Ho trovato il romanzo a tratti noioso, seppure possa risultare originale l'idea di un romanzo guarnito di racconti. L'atmosfera hitchcockiana, però, mi è parsa inverosimile e inadeguata, abbastanza prevedibile il finale.

    ha scritto il 

  • 4

    Quando si dice "restare con l'amaro in bocca".
    Dal venditore di storie ci si può aspettare di tutto.
    Tante trame che si intrecciano in una sola, andando a comporre un'opera completa e mai monotona.
    Mi sono appassionata moltissimo al capitolo dedicato a Maria, ho letto tutte quelle pagine con e ...continua

    Quando si dice "restare con l'amaro in bocca". Dal venditore di storie ci si può aspettare di tutto. Tante trame che si intrecciano in una sola, andando a comporre un'opera completa e mai monotona. Mi sono appassionata moltissimo al capitolo dedicato a Maria, ho letto tutte quelle pagine con estrema voglia di conoscere il seguito, neanche si trattasse di leggere me stessa tra quelle lettere. Il ragno incastra ogni lettore nella propria tela, facendoci ricadere in un mondo ricco di avventure diverse. Non può, però, non stupirci -lasciandoci ad un finale "incompleto" ove solo l'immaginazione può condurre ad una vera fine.

    ha scritto il 

  • 4

    Il più bello che ho letto finora di Gaarder, anche se forse è uno dei meno noti!Il protagonista è un "creatore di storie" che vive più nella fantasia che nella realtà, al punto da non essere più in grado di distinguere i suoi veri ricordi da quelli elaborati solo nella fantasia. La sua vita, narr ...continua

    Il più bello che ho letto finora di Gaarder, anche se forse è uno dei meno noti!Il protagonista è un "creatore di storie" che vive più nella fantasia che nella realtà, al punto da non essere più in grado di distinguere i suoi veri ricordi da quelli elaborati solo nella fantasia. La sua vita, narrata in prima persona, si intreccia appunto indissolubilmente con le sue storie(davvero fantasiose, qualcuna perfino geniale!), che lui troverà anche il modo di sfruttare a suo vantaggio, finchè non cominceranno a ritorcersi contro di lui...Un libro per la verità un po' inquietante, sui pericoli del troppo fantasticare, ma che mi ha davvero colpita: lo consiglio a chi ama leggere le storie che parlano di altre storie, di libri e di scrittori!

    ha scritto il 

Ordina per