Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il ventre di Parigi

By Emile Zola

(228)

| Paperback | 9788811581338

Like Il ventre di Parigi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il romanzo è il terzo del ciclo dei "Rougon-Macquart". La storia è semplice;si svolge durante il Secondo Impero nel quartiere delle Halles. Siamo nel1858. Florent, insorto contro il colpo di stato del 2 dicembre 1852, è Continue

Il romanzo è il terzo del ciclo dei "Rougon-Macquart". La storia è semplice;si svolge durante il Secondo Impero nel quartiere delle Halles. Siamo nel1858. Florent, insorto contro il colpo di stato del 2 dicembre 1852, è statodeportato in Guyana, ma riesce a fuggire dal bagno penale e a ritornare inFrancia. E' accolto dal fratello Quenu, proprietario di una salumeria in rueRambuteau. Lisa Macquart, moglie di Quenu, accetta malvolentieri il nuovovenuto. In un primo momento comunque tutto procede bene. Ben presto peròFlorent si lascia trascinare di nuovo dalla passione per la politica, divenendo il capo di una congiura repubblicana contro l'imperatore. Alla fine vienearrestato dalla polizia col consenso dei benpensanti, la bella Lisa in testa.

83 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bella storia ambientata nel quartiere Les Halles di Parigi, di cui il libro riporta una minuziosa e pittoresca descrizione.

    Is this helpful?

    Clara Firrincieli said on Jun 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un po' (pochino) deludente

    Fantastica la descrizione delle Halles, i vecchi mercati generali di Parigi abbattuti poi negli anni Settanta del Novecento, ma la trama è un po' sfilacciata e i personaggi poco consistenti.
    Ma Zola è sempre lui quando racconta l'alba nella quale s ...(continue)

    Fantastica la descrizione delle Halles, i vecchi mercati generali di Parigi abbattuti poi negli anni Settanta del Novecento, ma la trama è un po' sfilacciata e i personaggi poco consistenti.
    Ma Zola è sempre lui quando racconta l'alba nella quale si dispongono i cesti di verdure, il disfacimento delle calde giornate estive nel puzzo dei polli, l'orrore delle carni macellate, l'untuosità avvolgente della salumeria dove lavorano fratello e cognata in un placido e schifosetto benessere borghese.
    In certi momenti sentivo quasi la nausea per tutto quel cibo ammassato e per quel brulicare di gente che cammina in mezzo ai liquami che le merci lasciano colare.

    Tre e mezzo, vai.

    Is this helpful?

    mafalda0250 said on Jun 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La rilettura a distanza di anni conferma il ricordo di un bellissimo libro.

    Is this helpful?

    Maria Clara said on Apr 3, 2014 | 6 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    E' strano questo romanzo di Zola, sembra quasi - nel suo scetticismo - e attraverso l'infelice parabola di un idealista, metterci in guardia dalla nostra pasciuta, democratica e libera società: un giovane, fin troppo dal cuore tenero, finisce ingiust ...(continue)

    E' strano questo romanzo di Zola, sembra quasi - nel suo scetticismo - e attraverso l'infelice parabola di un idealista, metterci in guardia dalla nostra pasciuta, democratica e libera società: un giovane, fin troppo dal cuore tenero, finisce ingiustamente alla Cayenna - nella Francia di Napoleone III - per poi fortunosamente ritornare a Parigi, dove trova un Paese talmente ricco, obeso, grasso di lardo di ogni tipo di carne, pesce, puzzolente di ogni sorta di formaggio stagionato, così legato alle piccole beghe di ogni giorno, e piacevolmente adagiato negli affari e nel commercio che finità per espellerlo come un pericoloso microbo. Nonostante la sua totale innocuità, quest'uomo e le sue idee ingenue su una rivoluzione sociale finirà per essere oggetto dell'odio viscerale di una - solo apparentemente conflittuale - ciurma di donne-orto-frutti-pescivendole e commercianti che - terrorizzate all'idea che qualcosa possa turbare l'accumulazione di denaro e sazietà, lo 'venderanno' all'autorità con la molle accondiscendenza dei loro mariti, figli e fratelli.

    Is this helpful?

    IronOreHopper said on Mar 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il mio primo e sicuramente non ultimo libro di Zola. Scritto magistralmente! Le descrizioni dei mercati e dell'opulenza del cibo e del benessere borghese mi è rimasto dentro come se l'avessi vissuto in prima persona. Inoltre, il messaggio del libro, ...(continue)

    Il mio primo e sicuramente non ultimo libro di Zola. Scritto magistralmente! Le descrizioni dei mercati e dell'opulenza del cibo e del benessere borghese mi è rimasto dentro come se l'avessi vissuto in prima persona. Inoltre, il messaggio del libro, ovvero la gabbia dorata della società del benessere e l'assenza di scrupoli dei borghesi per mantenere i propri beni, è ancora attuale. "Che canaglia, la gente onesta!"
    Gran bel libro.

    Is this helpful?

    Paranoid Android (Meno male che Anobii c'è!) said on Feb 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Che canaglia, la gente onesta!"

    Is this helpful?

    mgt said on Jan 9, 2014 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book