Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il viaggiatore

Cronache del quarto regno

By John Twelve Hawks

(327)

| Others | 9788804539117

Like Il viaggiatore ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In un futuro prossimo un'organizzazione denominata Vast Machine controlla, conestrema discrezione, l'umanità. A questo secolare controllo si oppongono iTravelers, uomini dotati dell'abilità di viaggiare in altre dimensioni. Adifenderli Continue

In un futuro prossimo un'organizzazione denominata Vast Machine controlla, conestrema discrezione, l'umanità. A questo secolare controllo si oppongono iTravelers, uomini dotati dell'abilità di viaggiare in altre dimensioni. Adifenderli gli Arlecchini: guerrieri addestrati alle arti marziali e a unsofisticato lavoro di intelligence. Dopo l'uccisione del padre, la giovaneMaya decide di entrare in clandestinità e di seguire il suo destino diArlecchino che, fin dalla più giovane età, aveva tentato di rifiutare. Èun'eredità dura, ma che le permette di incontrare un eccezionale Traveler e didifenderlo con tutti i mezzi che conosce.

47 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Con un inicio que me gusto bastante , una temática que engancha , se diluye un poquito al final , pero en general interesante , intentare leerme el siguiente de la serie.

    Is this helpful?

    Red Corso said on Jan 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Viajar

    Me gustó a medias. El argumento me parece muy bueno y muy original, lo de los Arlequines y Viajeros, todo lo relacionado con La Gran Máquina y el control absoluto que lleva sobre las personas, algo que no es descabellado pensar que puede llegar a hac ...(continue)

    Me gustó a medias. El argumento me parece muy bueno y muy original, lo de los Arlequines y Viajeros, todo lo relacionado con La Gran Máquina y el control absoluto que lleva sobre las personas, algo que no es descabellado pensar que puede llegar a hacerse realidad en un futuro próximo. En general me gustó toda la parte de ciencia-ficción de la novela. No me gusta como escribe el autor, le falta garra. Los personajes me parecieron muy planos, sin personalidad, con la excepción de Maya, quizás. Tampoco me convenció el modo en que se plantean, se desarrollan y se resuelven las situaciones. En resumen me quedé con la sensación de haber visto una película con un argumento genial pero en la que el director y guionista es del montón.

    Is this helpful?

    grimaud said on Jul 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Twelve Hawks , John (2005). The Traveller. London: Corgi Books. 2006. ISBN 9781407071886. Pagine 498. 12,86 $

    Twelve Hawks , John (2007). The Dark River. London: Corgi Books. 2008. ISBN 9781407038032. Pagine 515. 11,55 $

    Twelve Hawks , John (2009). ...(continue)

    Twelve Hawks , John (2005). The Traveller. London: Corgi Books. 2006. ISBN 9781407071886. Pagine 498. 12,86 $

    Twelve Hawks , John (2007). The Dark River. London: Corgi Books. 2008. ISBN 9781407038032. Pagine 515. 11,55 $

    Twelve Hawks , John (2009). The Golden City. London: Transworld. 2010. ISBN 9781407056746. Pagine 370. 17,69 $

    Un’altra recensione tardiva. Sono 3 libri che ho letto nell’estate del 2010, dopo essermi imbattuto nel primo della serie perché incuriosito da una citazione di Albert-László Barabási nel suo Bursts: The Hidden Pattern Behind Everything We Do (un altro libro letto e non recensito).

    L’intera saga – che naturalmente t’acchiappa, ma non vale realmente la pena di leggere – è dominata dalla paranoia del Grande Fratello attraverso i secoli, e soprattutto nella nostra era di sorveglianza totale (dal Big Brother al Big Data). I membri di una società segreta vivono off-the-grid. Come l’autore dei tre romanzi, di cui in realtà non si sa nulla.

    E persino io, di cui non si può certo affermare che non sia compulsivamente curioso, posso vivere benissimo senza.

    * * *

    Qualche citazione (riferimento come sempre alle posizioni sul Kindle).

    Cominciamo da The Traveller.

    At that moment, she was trying to control her anger and find the calm place within her heart. Think of a stone, her father used to tell her. A smooth black stone. Pull it out of a cold mountain stream and hold it in your hand. [2289]

    Privacy had become a convenient fiction. [2856]

    «Love is just another means of manipulation […]» [2923]

    «Freedom is the biggest myth ever created. It’s a destructive, unachievable goal that has caused a great deal of pain. Very few people can handle freedom. A society is healthy and productive when it’s under control.» [3731]

    «[…] History is a puppet show for childish minds.» [3927]

    He wanted a road map, not philosophy. [4742]

    «Every new experience is unusual. The rest of life is just sleep and committee meetings. […]» [5376]

    «[…] The realms are dominated by a particular quality. In the Sixth Realm of the gods, the sin is pride. In the Fifth Realm of the half gods, the sin is jealousy. You need to understand that we’re not talking about God, the power that created the universe. According to the Tibetans, the gods and half gods are like human beings from another reality.»
    «And we’re living in the Fourth Realm ….»
    «Where the sin is desire.» Sophia turned and watched a king snake moving slowly down a conduit pipe. «The animals of the Third Realm are ignorant of all others. The Second Realm is inhabited by the hungry ghosts who can never be satisfied. The First Realm is a city of hate and anger, ruled by people without compassion. There are other names for this place: Sheol, Hades, Hell.» [5430]

    […] the appearance of freedom with the reality of control. [5910]

    Passiamo a The Dark River.

    Maya had watched the growing attraction between Hollis and Vicki. It was the first time she had ever noticed the evolution of two people who were falling in love. At first, their eyes followed each other when one of them got up from the table. Then they leaned forward slightly when the other person was talking. When they were apart, they spoke about the other person in a bubbly, foolish manner. [833]

    Infine The Golden City.

    «Even crazy people have enemies …» [1573]

    «If the gods have left the stage, then it’s just the two of us.» Matthew stepped toward his son. «So who are you, Gabriel? And what kind of world do you want to live in? I’m not going to tell you what to believe. All I can do is guide you forward, and make sure you don’t turn away from your own vision.» [4588]

    They were Styrofoam words — light and unsubstantial, packing materials to blunt the sharp edges. [4667]

    «As ideas lose their power, stories and visual images become more and more important. Leaders offer competing stories, and this is what passes for political debate. […]» [5497]

    «We can regret the past, but we can’t change what happened. We can anticipate the future, but we can’t control it. All we have is this moment—here in this room.» [5888]

    «Privacy is the ability to control access to information about one’s Self. It’s easy to see that this invisible, all-pervasive system will destroy any sort of privacy. We’ll lose the power to protect our Self from the scrutiny of unknown groups or individuals. […]» [6700]

    Is this helpful?

    Boris Limpopo said on Nov 24, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Credo che la mia mente di bambina immaginasse qualcosa di più intrigante, quando l'ho letto. Perché sì, probabilmente ero troppo piccola per questo libro; sta di fatto che l'ho trovato a dir poco pesante, forse anche un po' confusionario, a tr ...(continue)

    Credo che la mia mente di bambina immaginasse qualcosa di più intrigante, quando l'ho letto. Perché sì, probabilmente ero troppo piccola per questo libro; sta di fatto che l'ho trovato a dir poco pesante, forse anche un po' confusionario, a tratti. E sì, anche deludente. Tuttavia, non ricordo a perfezione la storia, quindi, chissà, forse un giorno potrei riprovare a leggerlo...

    Is this helpful?

    soph said on Sep 13, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una lettura piacevole e accattivante che ti lascia però con l'amaro in bocca perchè vorresti che ne arrivasse un secondo (che ancora non esiste, o almeno io non l'ho trovato :P )

    Is this helpful?

    °Lo° said on Jan 16, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Se questo è un "1984 cyber", allora è narrato dalla prospettiva del Grande Fratello

    Andiamoci piano prima di definire un libro "La versione cyber di 1984", come fa uno strillo di copertina di quest'opera. 1984 era un distopia che una visione del mondo e del destino dell'uomo ce l'aveva. Il viaggiatore non ce l'h ...(continue)

    Andiamoci piano prima di definire un libro "La versione cyber di 1984", come fa uno strillo di copertina di quest'opera. 1984 era un distopia che una visione del mondo e del destino dell'uomo ce l'aveva. Il viaggiatore non ce l'ha.
    1984 raccontava di un'umanità che aspirava alla democrazia e alla libertà, ma costretta dall'inganno dalla paura a rinunciarci, come sotto il totalitarismo. Il viaggiatore presenta invece l'umanità come una massa di pecore che ama essere ingannata, che è felice del suo trantran senza speranza e prospettive. Solo alcune "anime elette" (definizione non mia, ma della quarta di copertina!) possono guidare queste pecore imbecilli verso un destino migliore. Solo loro, i Viaggiatori, possono assurgere al ruolo di "Illuminati" (e se pensate a Dan Brown, non è colpa mia). Per merito personale? No, per destino genetico ed ereditario. E credo che Himmler in persona sottoscriverebbe questa visione delle cose... Se questo è un "1984 cyber", allora è narrato dalla prospettiva del Grande Fratello...

    La realtà presentata in questo romanzo è interamente controllata da una potentissima associazione segreta che da millenni persegue il controllo totalitario, attraverso la schedatura di ogni cittadino: telecamere per strada, banche dati, carte di credito, bancomat, checkup degli aeroporti... name it: tutto è controllato da essa e tutto affluisce ad ad essa.
    Nel romanzo la realtà controllata da questa Compagnia è detta Tabula, ma se vi veniva spontaneo chiamarla Matrix avete già capito tutto. E potete anche risparmiarvi la lettura di questo librucolo.

    Questo non è infatti uno scenario alla Philip K. Dick, ma alla trilogia di Matrix.
    Come in Matrix, anche qui un "Eletto", assistito da una guerriera "Arlecchina" appartenente a una casta (anch'essa ereditaria) che da secoli combatte contro il progetto totalitario (ed alla quale in passato hanno fatto parte anche i Templari, tanto per non privarci di nessunissimo cliché banale che potesse venirci in mente), dev'essere protetto per arrivare a Piani Superiori di Conoscenza per Salvare la Razza Umana.
    Come in Matrix, anche qui dosi da cavallo di banalità New Age pretendono di costituire l'ossatura della narrazione fra uno scontro fisico e l'altro. Ovviamente le katana giapponesi non mancano, per non rischiare come detto di lasciar fuori anche un solo luogo comune scontato... Ci sono anche l'indiano con la Tenda del Sudore, la donna nera saggia e piena di fede, il guerriero nero ottimo combattente, i personaggi dei "buoni" che tradiscono per godere della quiete o dei vantaggi della Tabula...
    Per farla breve, questo romanzo è una rimasticatura a mezza via tra i film del ciclo di Matrix, e i romanzi di Dan Brown, con rigurgiti alternati di entrambi.

    L'aspetto fantascientifico è peraltro minimo. Verso la fine della narrazione apprendiamo che in questi piani "altri" di conoscenza sono stati incontrate entità aliene, che sono disposte a donare agli umani computer quantici sempre più potenti in cambio dell'aiuto a localizzare le "porte" e le "strade" fra le dimensioni.

    Siccome il romanzo si conclude bruscamente senza una conclusione, non fatico ad immaginare l'immancabile sequel in cui gli alieni cercheranno di invadere la Terra. E non fatico immaginare che il nostro Eletto, accompagnato dalla sua superomistica guardia del corpo con in mano la sua katana, riuscirà, da solo, e magari pure con una mano legata dietro la schiena, a sconfiggerli. Possibilmente dopo non meno di quattro ulteriori volumi, come va ormai di moda.
    Mi limito ad immaginarlo soltanto, tutto ciò, perché la voglia di leggere un sequel di 'sta roba proprio non ce l'ho.

    Ho letto questo libro in un paio di pomeriggi annoiati, in vacanza, senza Internet, senza computer, senza altri libri per le mani, e con la tv grondante di quiz pullulanti di tamarri analfabeti come unica alternativa. E non esisto a dire che ho vivamente preferito il libro ai tamarri decerebrati (che mi sono parsi incarnazioni esatte di ciò che la Tabula vuole che la razza umana sia). Anzi, ho ringraziato gli dèi di avere avuto almeno queste pagine a salvarmi dal tedio assoluto.

    In altre parole, il libro si lascia leggere senza dover soffrire (troppo), a parte una fastidiosa prolissità che mi ha spinto a saltare pagine e pagine alla volta; e se poi amate le robe a metà strada fa il complottismo sciachimista e la New Age pììs end looov, oh yeeea, adorerete questo libro. Se è diventato un best-seller mondiale (così giura l'editore...) qualcuno deve averlo per forza amato, recensito positivamente, consigliato... e probabilmente gli entusiasti devono essere risultati più numerosi dei delusi.
    Io però rientro fra questi ultimi. Ho trovato che il libro sia stato scritto in modo freddo e meccanico, assemblandolo come con i Lego, un mattoncino alla volta seguendo il "Manuale per scrivere il perfetto best-seller mondiale".

    Tutto è assolutamente prevedibile. Per chi abbia letto un poco di letteratura di genere, tutto è assolutamente già visto. Siamo nel pieno "superomismo di massa" http://www.anobii.com/search?s=1&keyword=il+superuomo+d… , con solo una "Contessa di Montecristo" al posto di un "Conte di Montecristo", che da sola contro l'intera razza umana (o quasi) si vendica dei torti subiti (l'uccisione del padre) e fa trionfare il Bene contro il Male.

    A titillare il palato c'è molta azione, e c'è il deliberato tentativo di dare spessore psicologico ai personaggi (che in caso contrario risulterebbero puri e semplici clichés) raccontando le loro lagrimevoli infanzie difficili. Ma dire che ciò renda bello il libro equivale ad affermare che per salvare un piatto completamente insapore basta aggiungere molto glutammato.

    A chi ama i libri d'azione con trame alla Matrix e probabili sequel a ripetizione in futuro, questo libro può anche piacere. Letto su una spiaggia sotto l'ombrellone potrebbe perfino rivelarsi una lettura azzeccata.
    Altrimenti, Il viaggiatore è un prodotto seriale, che non contribuisce con nessuna idea nuova al genere fantascientifico, limitandosi a rimasticare una manciata di personaggi, idee e situazioni tutte già lette o viste precedentemente, e senza che un particolare afflato d'originalità arrivi a salvare la narrazione.

    C'è un buon inizio mystery, e c'è una discreta capacità di scrivere secondo i canoni del thriller. Ma tutto ciò non basta se, quando appaiono i malvagissimi malvagi della situazione, il senso di deja lu è tale che ci si aspetta di sentirli esclamare da un momento all'altro: "Oggi Topolinia, domani il mondo!".

    Is this helpful?

    Giovanni Dall'Orto said on Jul 9, 2011 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book