Il viaggiatore incantato

di | Editore: Adelphi
Voto medio di 307
| 33 contributi totali di cui 31 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
Su un battello che naviga sul lago Ladoga, il "viaggiatore incantato", dalla "gradevole e manierata voce di basso" racconta le peripezie della sua esistenza: avventure mai cercate che sembrano precipitare su di lui come eventi della natura. Storie do ...Continua
Auta49
Ha scritto il 12/07/17
Leggendo queste pagine ho avuto l'impressione di essere anch'io seduta assieme agli altri componenti del gruppo di viaggiatori ad ascoltare le avventure di Ivan Sever’janyc , di partecipare alle sollecitazioni volte alla continuazione della sua sto...Continua
Cinzia
Ha scritto il 08/06/17

Abbandonato a pagina 56.
Ma questo ha torturato tutti gli animali che gli sono capitati sotto tiro? No grazie. Basta.

dhalgren
Ha scritto il 01/09/15
sono stato qualche giorno al mare. di solito in queste occasioni annoto qualche fatterello o comunque al ritorno scrivo qualche riga, qualche osservazione genericamente di costume o un semi delirio basato sulla luce. questa volta invece niente, non m...Continua
OMERO (Indietro!...
Ha scritto il 25/04/15
Massimo livello di caratura per la letteratura russa, di ogni epoca, stile, forma (narrativa, corta e lunga, teatro, poesia, saggistica), ovvero la grande capacita' di giostrare con le parole e trasformarle in sentimenti e concetti, ovvero il massimo...Continua
Peregol
Ha scritto il 13/01/15

La forza maggiore di questo libro è la capacità di catapultarti in un mondo lontano, geograficamente, temporalmente e culturalmente. Peccato, come già detto in altri commenti, per la traduzione.


- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Francesca
Ha scritto il Aug 09, 2015, 06:50
"Cosa... stai bevendo tè?". "Sì, tè. Se vuoi bevi con me". "Grazie," risponde "ma io il tè non lo posso bere". "Perché?". "Ma perché" dice "io non ho una testa da tè, ma una testa da me: fammi piuttosto portare un altro bicchiere d'acquavite!...".
Pag. 107
Francesca
Ha scritto il Aug 09, 2015, 06:46
Di solito la sera, ma anche di pieno giorno, quando c'è bel tempo, è caldo, il campo è tranquillo e tutti i tartari dall'afa son nelle tende e dormono, io sollevo un angolino della mia tenda e guardo la steppa... Da una parte e dall'altra è sempre la...Continua
Pag. 74

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi