Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il vino a Roma

Guida alle migliori aziende vinicole del Lazio e ai locali in cui bere bene nella capitale

Di

Editore: Castelvecchi (Narraguide)

4.4
(9)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8876154469 | Isbn-13: 9788876154461 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Cooking, Food & Wine , Da consultazione , Travel

Ti piace Il vino a Roma?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Affascinante e misterioso, il mondo del vino accoglie chi è interessato a scoprirlo con un infinito numero di etichette e tantissime enoteche. A Roma, in modo particolare, i locali dove bere un bicchiere di vino neppure si contano, ed è facile perdersi mentre si cerca la propria strada verso il nettare di Bacco. A salvare dalla confusione chi, nella Capitale, si accosta all’arte del bere bene, ecco il libro della sommelier Slawka G. Scarso: più che una semplice guida, un vero e proprio «diario di bordo», una bussola in grado di trasferire al lettore, insieme agli indirizzi utili e alle dritte indispensabili, anche l’esperienza di chi ha fatto dei calici di vino uno stile di vita e una professione. Dedicato alle migliori aziende vinicole del Lazio e ai locali in cui bere bene nella Capitale, “Il vino a Roma” si suddivide in tre sezioni. La prima, dedicata alle enoteche dove il vino è servito alla mescita. La seconda, in cui sono raccolti i negozi dove è possibile acquistare una bottiglia di vino particolare da bere a casa o portare agli amici. La terza, dove si dà spazio alle aziende vitivinicole laziali, racconta la storia dei migliori vini locali e suggerisce imprescindibili abbinamenti con il cibo, attraverso esempi concreti ed evitando piatti troppo complicati da preparare. Il risultato è un libro completo, scorrevole e divertente. Da regalare al neofita e da suggerire a chiunque non abbia ancora avuto l’occasione di scoprire il grande universo delle enoteche di Roma.
Ordina per
  • 4

    Libro scritto con garbo, semplicità e ironia. Non è una guida, non è un romanzo, non è un saggio, ma è un volume da interrogare assolutamente se si vuol bere un buon bicchiere di vino a Roma, in tranquillità, a colpo sicuro e non si sa dove andare. Per questo lo inserisco tra i miei libri da cons ...continua

    Libro scritto con garbo, semplicità e ironia. Non è una guida, non è un romanzo, non è un saggio, ma è un volume da interrogare assolutamente se si vuol bere un buon bicchiere di vino a Roma, in tranquillità, a colpo sicuro e non si sa dove andare. Per questo lo inserisco tra i miei libri da consultazione.

    ha scritto il 

  • 4

    Una guida... ma anche un libro

    Ho comprato questa guida con molte curiosità: quella di amante del buon vino, quella di lettore, quella di romano e, ultima ma non meno importante, leggere una persona deliziosa che ho avuto il piacere di incontrare.
    Sul libro.
    Anche se, come tutte le guide, è un libro da consultazione “il vino a ...continua

    Ho comprato questa guida con molte curiosità: quella di amante del buon vino, quella di lettore, quella di romano e, ultima ma non meno importante, leggere una persona deliziosa che ho avuto il piacere di incontrare. Sul libro. Anche se, come tutte le guide, è un libro da consultazione “il vino a Roma” si legge come una raccolta di racconti, di impressioni, di piccole avventure, di umori. È scritto con una prosa agile, delicata e scorrevolissima. Il linguaggio è chiaro, gioioso, competente senza essere complesso e dotto, e lascia vedere una enologa moderna, esperta e competente, ma anche profondamente innamorata del proprio lavoro, di Roma, della bella scrittura. Consigliato a chi è di Roma o ci passa, a chi ama il vino, le enoteche, i bei libri.

    ha scritto il 

  • 0

    Non volevo recensirlo, perchè mi sembrava scorretto recensire il libro di un'amica; poi ci ho trovato un po' di posti in cui mi piace andare, ergo, non ho potuto resistere a questa gratifica del mio ego...
    E' una guida veloce e accurata, e le recensioni, più che giudizi paludati e compassati, so ...continua

    Non volevo recensirlo, perchè mi sembrava scorretto recensire il libro di un'amica; poi ci ho trovato un po' di posti in cui mi piace andare, ergo, non ho potuto resistere a questa gratifica del mio ego... E' una guida veloce e accurata, e le recensioni, più che giudizi paludati e compassati, sono racconti, gradevoli da leggere anche se non si sta cercando un posto dove bere o un vino da gustare

    ha scritto il 

  • 5

    Cheers!

    La guida perfetta per me e Chicco che amiamo andare in giro per Roma e fermarci ogni tanto a bere un buon bicchiere di vino: farlo con le parole ed i consigli di chi se ne intende davvero (brava Slawka!) è anche meglio!

    Da consultazione ma anche da leggere tutto in un sorso :-)

    ha scritto il 

  • 4

    ecco, non è che io sia così imparziale

    perché l'Autrice è una mia amica e perché ho avuto un brividino di gioia acquistando questo libro; però questa "posizione privilegiata" mi ha permesso di cogliere un angolo, una sfumatura, un sentore di emozione.
    In un panorama editoriale che urla, arzigogola, distrugge e decomprime, Slawka ha i ...continua

    perché l'Autrice è una mia amica e perché ho avuto un brividino di gioia acquistando questo libro; però questa "posizione privilegiata" mi ha permesso di cogliere un angolo, una sfumatura, un sentore di emozione. In un panorama editoriale che urla, arzigogola, distrugge e decomprime, Slawka ha il grande pregio di una scrittura rotonda, piana e garbata, come un ottimo bicchiere di vino.

    ha scritto il