Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il voltagabbana

By Davide Lajolo

(68)

| Paperback

Like Il voltagabbana ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

4 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Autobiografia di un giovane, nato e cresciuto fascista, che, dopo l’8 settembre, diventa partigiano e comunista. A tratti retorico, a tratti manicheo (Lajolo non è né Pavese, né Fenoglio), è, comunque sia, un contributo per capire quegli anni.

    Is this helpful?

    Bianca (e ora?) said on Jan 21, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    La coerenza...

    ... è una gran bella qualità, una vera ed importante virtù.
    Ma cambiare idea, quando non dovuto a pernicioso e meschino interesse è altrettanto importante.
    Sopratutto per se stessi, che chi ci osserva e giudica ( di solito superficialmente ) quasi ma ...(continue)

    ... è una gran bella qualità, una vera ed importante virtù.
    Ma cambiare idea, quando non dovuto a pernicioso e meschino interesse è altrettanto importante.
    Sopratutto per se stessi, che chi ci osserva e giudica ( di solito superficialmente ) quasi mai è in grado di riconoscere la sofferenza ed il tormento che un percorso serio di cambiamento comporta.
    Naturalmente qui non stiamo a parlare di cambiare fede calcistica o preferire le more dopo che per una vita impazzivamo per le bionde.... stiamo a parlare di Politica, di Ideali, di visione del mondo e degli uomini.
    Bellissima autobiografia di un incoerente (Lajolo ) immersa in un contesto biografico di un coerente ( Scotti) e storiografico ( il ventennio fascista ).
    Sarebbe capace, ai giorni nostri , tale Scilipoti di scrivere qualcosa del genere?
    Ma, sopratutto, Scilipoti sa scrivere ?
    ps.ancora grazie a zia Bice attraverso la quale ho potuto leggere questa testimonianza.

    Is this helpful?

    Jacobass2006 said on Jan 20, 2011 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Onore al partigiano!

    Aprite il libro a pagina 168 e leggete:

    “E per i giovani laureati e diplomati? Questi giovani si offrono per qualunque lavoro, per qualunque stipendio e ciononostante non trovano da occuparsi. Molti di questi giovani si danno alla facile vita mi ...(continue)

    Aprite il libro a pagina 168 e leggete:

    “E per i giovani laureati e diplomati? Questi giovani si offrono per qualunque lavoro, per qualunque stipendio e ciononostante non trovano da occuparsi. Molti di questi giovani si danno alla facile vita militare. Gli impieghi, le professioni costituiscono ambienti chiusi, cacce riservate. Non sono il valore personale, la capacità, i criteri di avanzamento, ma tutta una serie di motivi secondari e di camorre. Ai giovani ingegneri vengono dati stipendi di cinquecento lire al mese! E non parliamo di ciò che avviene nelle professioni dette libere. Qui le cricche dominano.”

    Quello appena letto è un estratto del “Rapporto politico di Grieco” (pag. 167-174), forse le pagine più importanti che abbia mai letto in un libro. Una disarmante fotografia dell’Italia degli anni ‘30 che è per troppi aspetti simile all’Italia degli anni 2000.

    Questo bel libro è stato pubblicato nel 1963 e parla degli anni del ventennio fascista, fino alla fine della seconda guerra mondiale. Resta perciò intriso di quell’ideologismo che adesso è quasi totalmente svanito. Se appartenete alla vecchia guardia in cui gli Ideali erano ben presenti e scritti con la “I” maiuscola allora sicuramente amerete questo libro.
    Storia volutamente eroica che esalta l’operato dei partigiani, narra le vicende autobiografiche di Davide Lajolo, giovane prima affascinato dal fascismo e poi piano piano uomo sempre più deluso dal grande inganno che in esso si celava, costretto da una crisi di coscienza a ricredersi tanto da diventare comunista. Di qui il “voltagabbana” del titolo.
    La narrazione serrata, fatta di frasi brevi e secche, di taglio prettamente giornalistico è avvincente. Per meglio mostrare il percorso interiore del protagonista ne viene fatto il parallelo con la vita di Francesco Scotti, un rivoluzionario comunista tutto d’un pezzo. In mezzo ci sono le tante assurde battaglie, come fossero il leit motiv di quegli anni. Tante assurde morti, tante eroiche azioni, tante vite vissute interamente per sacrificarsi per un ideale di giustizia e di progresso, giusto o sbagliato che fosse.
    Se siete di sinistra è una lettura imprescindibile, da fare però a mente fredda, in modo da ridimensionare la portata di certe affermazioni, con la coscienza che non tutto era giusto.

    [piccola annotazione tecnica: la copia in mio possesso contiene un errore di stampa su due pagine che sebbene rovini lo scorrere della storia non ne inficia la comprensione]

    Is this helpful?

    ziabice said on Sep 3, 2010 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (68)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 296 Pages
  • ISBN-10: A000013045
  • Publisher: Mondadori, Gli Oscar
  • Publish date: 1976-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book