Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il volto

By Dean Koontz

(166)

| Paperback | 9788860611246

Like Il volto ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

I pacchetti arrivano alla villa di Bel Air con una cadenza precisa, come legocce d'acqua di una tortura cinese che non dà tregua. Tanto è misterioso illoro contenuto, tanto è certo il fatto che puntualmente ne arriverà un altro.Ed esattamente come in Continue

I pacchetti arrivano alla villa di Bel Air con una cadenza precisa, come legocce d'acqua di una tortura cinese che non dà tregua. Tanto è misterioso illoro contenuto, tanto è certo il fatto che puntualmente ne arriverà un altro.Ed esattamente come in un film, le minacce che contengono aumentano la lorobizzarria a ogni consegna. Ma a capo del servizio di sicurezza della villadella star più famosa di Hollywood c'è Ethan Truman, un uomo abituato aguardare ben oltre la superficie...

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    bah...

    non ho capito il genere di libro che voleva scrivere.. paranormale? fantascienza? thriller? polizesco?? non l'ha capito nemmeno lui e in circa 600 pagine ha messo di tutto un pò...

    Is this helpful?

    Lolly said on Nov 26, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mentre su Los Angeles cade una pioggia torrenziale qualcuno decide di distruggere la vita del Volto: viene chiamato così, tanto è famoso, Channing Manheim, il più celebre attore di Hollywood, ricchissimo e già nella leggenda. Alla sontuosa - e supers ...(continue)

    Mentre su Los Angeles cade una pioggia torrenziale qualcuno decide di distruggere la vita del Volto: viene chiamato così, tanto è famoso, Channing Manheim, il più celebre attore di Hollywood, ricchissimo e già nella leggenda. Alla sontuosa - e supersorvegliata - villa di Bel Air dove il Volto vive con il figlio, cominciano infatti ad arrivare pacchi misteriosi: ventidue coccinelle morte, una mela cucita con dentro un occhio finto al posto dei semi... Ed è solo l'inizio di un crescendo di paura. Come interpretare queste "minacce"? E come fermare il pazzo assassino che prima o poi entrerà in azione?

    Is this helpful?

    edivad74 said on Oct 4, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    pensavo peggio e infatti l'avevo brutalmente abbandonato invece sono stata piacevolmente stupita dalla prosecuzione della lettura.
    Certo alcune pagine si potevano saltare a piè pari (e così puntualmente ho fatto) riducendo di almeno un paio di capit ...(continue)

    pensavo peggio e infatti l'avevo brutalmente abbandonato invece sono stata piacevolmente stupita dalla prosecuzione della lettura.
    Certo alcune pagine si potevano saltare a piè pari (e così puntualmente ho fatto) riducendo di almeno un paio di capitoli, per essere generosa, ma nell'insieme mi è piaciuto.

    Is this helpful?

    Babymax said on Nov 29, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ethan Truman è un ex poliziotto, ora impiegato come capo della sicurezza nella casa di un famoso divo di Hollywood. Anzi, del più famoso divo di Hollywood, conosciuto anche come "Il Volto".
    Il Natale si avvicina e mentre il suo datore di lavoro è lo ...(continue)

    Ethan Truman è un ex poliziotto, ora impiegato come capo della sicurezza nella casa di un famoso divo di Hollywood. Anzi, del più famoso divo di Hollywood, conosciuto anche come "Il Volto".
    Il Natale si avvicina e mentre il suo datore di lavoro è lontano per girare un film, Ethan è incaricato della sicurezza della sua casa e di Fric, l'unico figlio della star.
    Da qualche giorno, un uomo misterioso sta consegnando nella gigantesca villa del divo una serie di pacchetti, l'ultimo dei quali contiene una mela aperta e richiusa con del filo da sutura, che contiene l'occhio di una bambola e un misterioso messaggio. E ben presto Ethan si ritrova ad affrontare qualcosa di immensamente malvagio.

    Devo dire che sono pochi i libri che ho letto che possono vantare la stessa partenza travolgente de "Il Volto". Il lettore si ritrova subito in medias res, visto che il pacchetto che Ethan Truman sta aprendo è proprio il sesto e ultimo della serie.
    Date le premesse, mi aspettavo un thriller come tanti altri: un pazzo assassino, un uomo da proteggere e uno strenuo difensore del bene.

    Non è così.
    O meglio, è così, ma quando improvvisamente entra il gioco il sovrannaturale (e questo succede molto presto, intorno a pagina 40), il romanzo subisce una virata improvvisa che lo dirige verso terre ben più lontane ed esotiche.
    Facendo un'analogia, ho provato le stesse sensazioni con la prima stagione di Lost, quando una situazione già incasinata di per sé viene complicata da un avvenimento apparentemente inesplicabile, seguito subito da un altro ancora più incredibile e così via.

    Finché si viaggia su questi binari, finché Koontz lavora per accumulo, aumentando di volta in volta le tessere del puzzle, il romanzo funziona a meraviglia.
    La parte centrale tende ad appiattirsi, non tanto per la carenza di eventi (l'azione domina incontrastata per tutto il romanzo), quanto per un'eccessiva fase di riflessione dei personaggi, che molte volte si fermeranno a discutere o a riflettere di concetti già espressi in precedenza. La parte centrale risulta un po' troppo lenta.

    Alla fine poi, quando vengono tirate le somme, ho sentito un retrogusto amaro in bocca, cosa che mi ha colto del tutto impreparato.
    Koontz mi è sembrato più bravo a creare le domande che a fornire le risposte, che mi sono sembrate un po' troppo semplicistiche, prive di quella trovata geniale che avrebbe potuto imprimerle a fuoco nella memoria. Insomma, quando ho avuto la risposta a tutte le mie domande, non ho provato neanche lontanamente quel senso di sollievo e di compiutezza che mi aspettavo di trovare.

    Tuttavia bisogna dare a Koontz quel che è di Koontz. Il romanzo è scritto molto bene e se si escludono alcune riflessioni del tutto evitabili, il ritmo è sempre molto sostenuto.
    I dialoghi sono sempre brillanti e in più di un'occasione, malgrado la pesantezza del tema del romanzo, mi hanno fatto sorridere con gusto. I pensieri di Fric, il suo vocabolario ampio e il suo irriverente modo di parlare sono di gran lunga le cose più divertenti del romanzo.

    I personaggi sono sempre delineati alla perfezione, del tutto lontani dagli stereotipi tipici del genere.

    Uno dei punti di forza del romanzo è la capacità di lasciare il lettore letteralmente incollato alle pagine del romanzo. Raramente mi è capitato di finire un capitolo senza sentire il bisogno di iniziare subito quello successivo. E non ci sono occhi gonfi, sveglie del mattino dopo o mal di testa che siano riusciti a impedirmelo.
    Insomma, Koontz sa scrivere e si vede.

    Se il finale fosse stato aggressivo come l'inizio e se l'autore fosse riuscito a trovare soluzioni narrative un po' meno banali, il mio voto sarebbero state cinque stelle belle tonde. Secondo me, si potrebbero togliere tranquillamente circa un centinaio di pagine dal romanzo senza rovinare niente (considerando anche che è lungo quasi 700 pagine, quindi 100 pagine non sono poi un'enormità).
    Peccato.

    Is this helpful?

    Edgar Collins said on Apr 16, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Direi un ottimo libro di Koontz, qui al suo meglio. Il libro non è solo un thriller appassionante e convincente ma descrive appieno anche la solitudine di un bambino con genitori non sempre presenti (abbastanza un eufemismo visto che il famoso Volto ...(continue)

    Direi un ottimo libro di Koontz, qui al suo meglio. Il libro non è solo un thriller appassionante e convincente ma descrive appieno anche la solitudine di un bambino con genitori non sempre presenti (abbastanza un eufemismo visto che il famoso Volto si intravede solo alla fine e non incrocia Fric).
    Corky con l'impermeabile (x associazione di colori) mi fa venire in mente Il Bastardo Giallo di Sin City...
    Ethan, Fric ma anche gli altri personaggi sono descritti alla grandissima con i loro pregi e i loro difetti; Koontz dà però quasi il suo meglio nel descrivere le figure negative.
    In tutto questo dà anche momenti di poesia con alcune fantastiche scene descrittive

    Is this helpful?

    Chrissnow said on Mar 15, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (166)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 689 Pages
  • ISBN-10: 8860611245
  • ISBN-13: 9788860611246
  • Publisher: Sperling & Kupfer
  • Publish date: 2007-05-01
  • Also available as: Hardcover , Others
Improve_data of this book

Collection with this book